24 Ottobre 2020 - 14:01:34
sprint-logo

Maximiliano Falieres: dall’Argentina al Bacigalupo, il tecnico dei 2007 è pronto a ripartire

Le più lette

Juventus-Cremonese Under 15: bianconeri avanti col brivido, primi gol per Biliboc e Balzano

Primo tempo in scioltezza, ripresa con più di qualche affanno. La Juventus supera la Cremonese in una partita che...

Rivarolese – Vda Charvensod Under 14: Big Bettas fa il bis

Lunga trasferta per il Charvensod che domenica pomeriggio ha sfidato i canavesani della Rivarolese, una partita divertente soprattutto nel...

Voluntas Nizza – Castellazzo Under 15: Tiru decide la partita

Vittoria importantissima per il Castellazzo in trasferta per 1 a 0 grazie ad una buona prestazione contrassegnata dal buon...

Una storia ricca quella di Maximiliano Falieres, allenatore del Bacigalupo, che prima di approdare tra i nerazzurri ha girato per il mondo con e grazie al calcio. Nato in Argentina, arriva ad essere Responsabile del Settore Giovanile in una squadra di serie C, e tra un cambio di panchina e l‘altro segue proprio la prima squadra. A maggio del 2018 arriva in Ghana, dove segue la Nazionale Under 17 e si occupa anche di scouting: «E’ stata un’esperienza incredibile – ricorda Falieres – I primi giorni che sono arrivato lì ho voluto girare per le strade per cercare i ragazzi che giocavano a calcio, per vedere se anche in Ghana fosse come in Argentina. Il clima era incredibile, le partite iniziavano alle cinque del mattino perché il caldo, più tardi, diventava insopportabile. E veder giocare a quell’ora è stato qualcosa di davvero particolare e bello». A luglio 2018 Falieres lascia il Ghana alla volta di Torino, dove sembra pronto a firmare un contratto con il Toro e, proprio con i granata, inizia con i camp. Poi, per qualche vezzo burocratico il contratto non va in porto. Il tecnico parte allora alla volta dell’Albania dove allena in una Torino Academy.

Prima di Tornare a Torino Falieres gira i campi dell’Europa allenando in Francia, Spagna e Germania. Tornato nella città della Mole il tecnico argentino approda al Bacigalupo, ed è qui che inizia la sua avventura tra i dilettanti Piemontesi. Prende la guida dei 2005 nerazzurri in un momento non facilissimo, pronto a condurli verso la salvezza nel campionato Regionale. Da quando Falieres arriva in panchina l’Under 15 del Baci non perde più e inizia a macinare punti, ma poprio nel momento di maggiore forma dei suoi arriva lo stop.

In questa nuova fusione tra Bacigalupo e Atletico Falieres ripartirà dal gruppo 2007 (probabilmente proprio quello nerazzurro). «Il Progetto è molto ambizioso – spiega il tecnico – mi piace. Mi sembra di essere tornato in Argentina. Vogliamo costituire un settore giovanile competitivo, tra i migliori di Torino. Certo, ogni anno ci sarà più concorrenza sia tra i ragazzi che tra gli allenatori, ma la competizione, quando è sana, spinge al miglioramento e alla ricerca di nuovi obiettivi. È questo che voglio trasmettere ai ragazzi».
Bacigalupo e Atletico Torino sono pronti a ripartire. Nel rispetto di tutte le norme lunedì 15 giugno riapriranno i cancelli: «Inizieremo gli allenamenti con i ragazzi del Bacigalupo e dell’Atletico e cercheremo di iniziare a dividerli per provare a formare due gruppi equilibrati e competitivi. Proveremo a mantenere l’organico dei vecchi gruppi per non creare troppa confusione tra i ragazzi». Non solo allenatore ma anche Responsabile della scuola calcio nerazzurra, ecco i ruoli di Maximiliano Falieres. «Visto che la scuola calcio sarà molto più ampia saremo in tre responsabili della Scuola Calcio – conclude l’argentino – Il mio ruolo sarà seguire i ragazzi a livello più tecnico presenziando e aiutando in campo».

Il tecnico ci tiene infine a ringraziare i due presidenti: «Il bello di tutto questo è che non è solo un progetto, è una realtà. Ringrazio il Presidente Pino Scordo che mi ha aperto le porte, ringrazio Marco Palmiere che mi ha dato continuità. Pino Scordo ha portato il Bacigalupo ad essere quello che è oggi, realizzando un suo sogno. Marco Palmiere sta facendo lo stesso con l’Atletico. Non ho fatto 15.000 chilometri per scherzare, ho fatto 15.000 chilometri per scrivere un pezzo di storia, e trovare persone come loro che vogliono fare lo stesso è grandioso».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli