26 Novembre 2020 - 19:26:57

Non i migliori, ma quelli giusti: ecco la Ciurma Quincitava

Le più lette

Rosta Calcio, dalla scuola calcio al nuovo campo in sintetico: viaggio nella realtà torinese

Dall'approdo al SuperOscar alla realizzazione del campo in manto sintetico. Quella del Rosta Calcio non può essere una storia...

Torinese Under 17, la nuova sfida di Paolo Callegari

Anche se con sole due partite giocate, la Torinese Under 17 di Paolo Callegari inizia il campionato restando imbattuta...

Under 17 Regionali, Girone D: le statistiche di Sprint che fanno parlare sia i numeri che il campo. Le qualità per essere i migliori...

"Un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia" scriveva Francesco De Gregori in una delle sue composizioni...

Se il tutto sia maggiore delle singole parti è una questione filosofica vecchia quanto il mondo. La risposta non è scontata, ma al Quincitava un’idea precisa in merito sembra che Luca Contiero e la sua Ciurma se la siano fatta. La squadra è il luogo in cui avviene la formazione umana e tecnica: con questa stella polare il Quinci si è rivelato la sorpresa del campionato, riuscendo ad infilare, escludendo il mai sconfitto Borgaro, la striscia d’imbattibilità più lunga della categoria (15 partite). Addurre la forza del gruppo a valore aggiunto per spiegare i successi di una squadra sembra banale, ma, se si guarda al percorso incominciato a inizio stagione dalla Ciurma 2006, tale motivazione non è così ovvia: «Io e Federico Izzo (allenatore in seconda, ndr) abbiamo preso questo gruppo l’anno scorso all’Azeglio, ma il progetto Ciurma è cominciato quest’anno al Quincitava: non è stato aggiunto nessun elemento al gruppo che avrebbe fatto i provinciali – spiega Contiero – Lo scopo è di dare ai ragazzi una formazione sportiva a 360°, dando precedenza alla loro crescita umana: in tal senso è fondamentale il contributo del dottor Mario Silvetti, psicologo dello sport, che ci sta dando una mano per creare un ambiente ottimale. Tutti giocano un ruolo e sono coinvolti: genitori, dirigenti, noi tecnici e ovviamente i ragazzi». Una filosofia, dunque, prima che una metodologia: come ogni corrente di pensiero che si rispetti, anche la Ciurma ha il suo motto. Il gruppo funziona solo se ognuno rispetta il suo compito: in quattro parole, per farla spicciola, niente teste di c…. L’episodio che dipinge meglio la sinergia del Quinci ce lo ricorda lo stesso tecnico dei bianconeri: «L’esultanza della panchina sul 2-1 col Pianezza è stata finora la scena più bella di questa stagione. Arrivavamo da due brutti pareggi in campionato, eravamo sotto e poi l’abbiamo ribaltata: vedere la gioia di chi gioca meno per il raggiungimento di quel risultato mi ha fatto capire che eravamo sulla strada giusta». Giusta come i giusti richiesti dal progetto Ciurma, non necessariamente i migliori: un mantra che ben rispecchia il pensiero di un tecnico al quale Contiero ed il suo team sono particolarmente legati, Pep Guardiola. «Un altro modo di vincere è possibile e noi siamo pronti a divertirci e far divertire», dice il vate catalano: la Ciurma lo vuole dimostrare.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli