23 Gennaio 2021

Casale – La Biellese Under 15: De Ruvo spacca, Micheletti decide

Le più lette

Frosinone-Spal Primavera Tim Cup: cinquina estense, l’ex Novara Pinotti chiude i conti e firma il passaggio agli ottavi di finale

Dopo il ritorno in campo del Campionato Primavera 2, è toccato alla Primavera Tim Cup riaprire i battenti con...

Chianocco Prima Categoria, in arrivo Luca Marchese dal Venaus

Tra i nomi della lista dei trasferimenti per questa sessione di calciomercato, spunta anche quella di Luca Marchese, attaccante...

Sestri Levante-Arconatese Serie D: Buso-Buffo corsari sulle ali della gioventù, agli Oroblù è mancata creatività

Più che una partita di calcio sembra una finale di un grande Slam tennistico: Sestri Levante e Arconatese si...

Cambia la guida tecnica, ma non il risultato. La Biellese continua la sua marcia anche a Casale al termine di una partita dai mille volti e le mille emozioni. Dallo 0-3 alla rimonta dei nerostellati di Lasalvia che però vede svanire l’emulazione di Instambul su una punizione perfetta di Micheletti.

I nerostellati si affidano al 4-3-3 con Miceli a guidare la fase di interdizione e di smistamento ben coadiuvato da Perdicaro. Nel tridente a fare da scudieri al panzer Matterello, ci sono la fantasia di Sanna (croce e delizia) e la profondità tagliente di Boccalatte. La Biellese, alla prima di Paolo Missaggia in panchina, va sul classico 4-4-2 dove i protagonisti sono i centrocampisti Giacomo Saporito e Joashua Micheletti, veri architetti della prolificità di De Ruvo.

Primissime battute con un Casale corto e rapido nei passaggi nello stretto, ma la ragnatela tessuta da Miceli dura pochissimo, perché già dal 5’ la mediana laniera prende il sopravvento per grinta, cattiveria e decisione. Giocata che diventa classica: Micheletti recupera verticalizza veloce per De Ruvo e Simone Saporito. Callegaro e compagni non riescono più a uscire e l’episodio non può fare altro che arrivare. Al 9’ corner da destra battuto veloce, Spilinga torna in dietro e mette un tiro-cross tagliato che batte Martinotti grazie alla deviazione fortuita di Somma.
Una doccia ghiacciata per i padroni di casa che nell’arco di 10’ subiscono altre due reti, prima però è Somma a illudere Lasalvia a una riscossa, inventandosi un cambio di gioco per Boccalatte. Cross basso in mezzo e piattone mancato da Mattarello.
Tempo di mettersi le mani nei capelli e il capovolgimento di fronte vede De Ruvo non sbagliare lo stesso colpo di interno ciccato da Mattarello. 0-2. La retroguardia guidata da Callegaro accusa il colpo e lascia letteralmente passare indisturbato di nuovo Deruvo in area di rigore. Percussione di fisico e 0-3 dopo appena qualche secondo.

Dal 30’ in avanti Lasalvia riesce a trasmettere nuovamente tranquillità ai suoi che riescono a uscire con maggior convinzione, approfittando di un calo di ritmo ospite. A riaprire la gara ancora un episodio. Gavioli non è preciso nel disimpegno coi piedi e regala il pallone a Boccalatte al limite dell’area. Inchino per ringraziare e inchino per ricevere i complimenti, perché il pallone si infila come una sassata sotto l’incrocio.
Tutto di nuovo in discussione, ma sopra Casale sembra esserci una nuvola nera perché si rischia di nuovo a tornare sotto di tre gol. Per Acampora di Casale il tocco di Callegaro in area di rigore è con la mano, ma per fortuna dei nerostellati la mano decisiva è quella di Martinotti che va a neutralizzare nell’angolo basso a destra il rigore di De Ruvo che manca l’appuntamento con la tripletta.

Non tanto il gol dell’1-3, ma il rigore parato inietta fiducia nei padroni di casa: in pochi minuti stop di petto e conclusione angolata (un po’ troppo) e lenta di Mattarello dal limite e gol del 2-3. Rimessa laterale sulla destra che vede il cross di Somma premiare il piattone di capitan Perdicaro dopo il velo fondamentale di Mattarello.

L’unico attimo di respiro lo si trova negli spogliatoi, ma pronti via, nella ripresa si torna subito in tensione e il Casale completa il rimontone. Punizione da centrocampo di Miceli che trova la sua anima gemella Perdicaro sul secondo palo che in scivolata beffa Gavioli. 3-3.

Il pareggio può dare tranquillità e impostare la gara su un equilibrio statico. Può farlo, potrebbe… ma non è così. Come nel primo tempo, bastano pochi ticchettii di lancetta per avere una nuova occasione marcata La Biellese. Punizione da fuori calciata meravigliosamente da Micheletti che ridona il vantaggio ai lanieri. 3-4.

Sfumato il rimontone, il Casale si innervosisce e La Biellese gioca più prudente e scaltra. Solo qualche strappo di Sanna riesce a squarciare un gioco rimpallante in mediana. Al 14’ il numero 11 di Lasalvia apre per Boccalatte che invita nuovamente Mattarello al tap-in, ma anche questa volta il panzer non riesce a concludere. Discorso simile al 34’, ancora con Sanna che si inventa un dribbling secco sulla corsia di sinistra, dà centrale per Boccalatte, appoggio fuori e tiro di Mattarello ribattuto (per i padroni di casa con un braccio). In mezzo un altro errore dai piedi di un portiere, ma questa volta è Martinotti che regala a Simone Saporito l’occasione per mettere in ghiaccio la partita. Tiro da fuori a porta semi sguarnita poco a lato del palo.

La Biellese continua la sua marcia a scapito di un Casale ottimo sul piano della reazione, ma che paga sfortuna e un buco di 20’ letale.

L'esultanza della Biellese
L’esultanza della Biellese

IL TABELLINO DI CASALE – LA BIELLESE UNDER 15

RETI: (0-3; 3-3; 3-4): 9’ aut Somma (C), 18’ e 21’ Der Ruvo (L), 31’ Boccalatte (C), 35’ Perdicaro (C), 11’ st Perdicaro (C), 12’ st Micheletti (L).

CASALE (4-3-3): Martinotti 6.5, Somma 6, Sandrone 5.5, Malpassuto 6.5 (26’ st Varallo sv), Callegaro 5.5, Ribaudo 6 (10’ st Ballarino 6), Boccalatte 7, Perdicaro 7, Mattarello 6, Miceli 7, Sanna 6. All. Lasalvia 6. A disp: Reale, penta, Doati, Hoxha.

LA BIELLESE (4-4-2): Gavioli 6, Lastella 6 (36’ st Pelle sv), Secco 6, Micheletti 7.5, Briaschi 6.5, Le Rose 6.5, Mello Rella 6 (10’ st Bredariol 6.5), Saporito Giacomo 7 (32’ st Bottone sv), De Ruvo 7, Saporito Simone 7, Spilinga 7. All. Missaggia 7. A disp:  Sigurta, Esslaoui, Grupallo, Mazzone, Barazzotto.

ARBITRO: Acampora di Casale Monferrato 6. Piccole sbavature che non influiscono sul risultato.

LE PAGELLE DI CASALE LA BIELLESE UNDER 15

CASALE

Il Casale di Enzo Lasalvia
Il Casale di Enzo Lasalvia

All. Lasalvia 6 Il gioco si vede dai primi albori, ma il blackout costa caro. Ottima la reazione, ma il momento no continua.
Martinotti 6.5 Il rigore parato è la vera chiave di volta della partita nerostellata. Dà fiducia, anche se l’errore di piede nel finale è da matita rossa.
Somma 6 Autogol sfortunato. La guardia su Spilinga è attenta e a destra si soffre meno.
Sandrone 5.5 In mezzo arrivano più palloni e Deruvo e Simone Saporito sono duri da tenere. Patisce insieme a Callegaro.
Malpassuto 6.5 E’ l’uomo del lavoro sporco in mezzo al campo. Non brilla, ma quando sale di giri si sente.
Callegaro 5.5 Fallo di mano dubbio o meno, la partita non è brillantissima. Nella ripresa qualche buon intervento prova a salvare la partita, ma la marcatura è un po’ latitante.
Ribaudo 6 Come Somma, la guardia laterale è discreta, specie sui lanci profondi del primo tempo. Sia Mello che Lastella trovano poco spazio. 10’ st Ballarino 6 Entra bene nei meccanismi e rischia pochissimo.
Boccalatte 7 Spesso nascosto larghissimo, ma quando viene innescato rende pericoloso ogni pallone. Dal gol all’incrocio, ai due cross non sfruttati da Mattarello.
Perdicaro 7 Doppietta da capitano vero che arriva nel momento del bisogno. Prova a guidare la ribalta, ma la sfortuna veleggia sul Bianchi. Prestazione stoica.
Mattarello 6 Due gol mangiati sono un bottino triste, ma la prestazione da riferimento offensivo è tutto sommato positiva. Intelligentissimo il velo sul 2-3.
Miceli 7 Decide lui quando alzare il ritmo. Riprende in mano una mediana allo sbando e la rende dominante. Ruba palloni e li rende utili e giocabili.
Sanna 6 E’ la scintilla, ma troppo spesso si spegne futilmente. Potenzialmente può strappare la partita da un momento all’altro e lo fa capire, ma quando si incaponisce perde tanti palloni.

LA BIELLESE

La Biellese di Paolo Missaggia
La Biellese di Paolo Missaggia

All. Missaggia 7 Buona la prima. Da gestire meglio il risultato, ma alla fine dice buono.
Gavioli 6 Che rischi coi piedi, ma alla fine qualche parata la fa.
Lastella 6 Quando Sanna accelera va ovviamente in difficoltà, ma qualche volta riesce a indurlo allo sbaglio.
Secco 6 Il controllo su Boccalatte è sufficiente, considerati anche gli affondi del 7 casalese.
Micheletti 7.5 E’ il primo ad abbassare un po’ il ritmo nella seconda metà del primo tempo, ma per i restanti 50’ è il dominatore del campo. Ruba palloni in quantità industriali e verticalizza con sapienza.
Braschi 6.5 Usa intelligenza e fisico per rendere il più sterile possibile Mattarello.
Lerose 6.5 Con Braschi tira su una diga di buona fattura che mostra qualche piega solo per errori di collettivo, non tanto di reparto.
Mello Rella 6 Buono il dialogo di fascia con Lastella e il fraseggio a livello del centrocampo, ma non riesce a pungere con regolarità.
Saporito G. 7 Si associa a Micheletti in tutto per tutto, avendo come peculiarità personale un rapporto di fraseggio particolare con i due terminali offensivi. Connettivo.
De Ruvo 7.5 Sbagliare il rigore può capitare a chiunque, fare doppietta in 3’ no. Rapace affamato.
Saporito S. 7 Ottimo il dialogo con Deruvo per il quale libera spazi e fornisce assistenza.
Spilinga 7 Tanto lavoro sporco e copertura preventiva sempre effettuata con efficienza. Gol o autogol poco importa, la sua firma è riconoscibile.

LE PAROLE A FINE GARA:
PAOLO MISSAGGIA
JOSHUA MICHELETTI
ENZO LASALVIA

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli