L’inseguimento alla capolista passa dal campo “Soffietti”. Il Lascaris di Giorgio Manavella ospita la Pro Eureka, prima della classe, con l’obiettivo di compiere l’impresa e ‘rosicchiare’ punti in classifica. Né vincitori e né vinti al termine dell’incontro, con il vantaggio di Andrioli riequilibrato da Sardo. Un primo tempo molto tattico, dominato da due difese organizzate e poco disposte a concedere spazi agli avversari. La punizione di Frizzi non inquadra il bersaglio, mentre sul versante opposto il mancino di Adamo è facile preda di Petruzzella. Ci pensa Andrioli a rischiarare un match equilibrato, prima con un sinistro dalla distanza, poi con l’invenzione che vale il vantaggio. Su invito a nozze di Merico, il “diez” si libera in un fazzoletto della marcatura e fulmina Petruzzella con freddezza. Lascaris avanti allo scadere della prima frazione, ed entusiasmo che si protrae anche nella ripresa. Dopo 9’, Andrioli ha sui piedi il pallone della sicurezza, ma il suo piazzato da buona posizione esalta i riflessi di Petruzzella. Sembra essere questa la chiave di svolta della partita della Pro Eureka, che inizia a macinare metri ed imporre il proprio credo calcistico. Starnai si rende pericoloso da calcio piazzato, Sardo entra in campo e diventa subito decisivo. Il numero 17 raccoglie una respinta al limite, mandando fuori causa Tribastone con un tiro deviato dalla retroguardia bianconera. Pari e spettacolo in questo scontro tra titani: un pareggio che poteva trasformarsi in vittoria per la squadra di Guido Bordin, con il contropiede nel finale vanificato dall’errore sotto porta di Gravina.

Lascaris 3-5-2
All. Manavella 6.5 Calo nella ripresa e vittoria sfumata.
Tribastone 6 Fuori causa per una deviazione.
Vassallo 7 Impossibile fare a meno di lui.
Adamo 7 La fascia è il suo habitat. 23’ st Marchetti 6 Buona guardia.
Patitucci 6.5 Un mattone del muro bianconero.
Pretti 6.5 Filtro in mediana. 8’ st Maida 6 Non al meglio.
Marchesini 6.5 L’infortunio è solo un lontano ricordo.
Merico 7 Forma una coppia letale con Andrioli. 38’ st Scoditti sv
Di Carlo 6.5 Inserimenti pericolosi.
Mostacci 6 Aiuta in copertura. 23’ st Tugnolo 6.5 Cambia marcia.
Andrioli 7.5 Pochi riuscivano ad inventare quella giocata…
Carta 6.5 Copre, attacca, si sacrifica. 28’ st Lo Bianco 6 Cerca spazi.
DIR: Marchesini, Tugnolo, Bologna.

Pro Eureka 4-3-3
All. Bordin 6.5 Reazione da grande squadra. Pari meritato.
Petruzzella 6.5 Si vendica su Andrioli nella ripresa.
Brucceri 6.5 Spesso in tackle, tempismo perfetto.
Frizzi 6.5 Pericoloso sui piazzati.
Starnai 7 Grande facilità di tiro. Scheggia impazzita.
Boeri 6.5 Si riscatta e concede pochissimi spazi.
Palestro 6.5 Soffre all’inizio, poi prende le contromisure.
Golfarelli 7 Mina vagante con la sua velocità. Ripresa da urlo.
Fiore 7 Uomo-ovunque. Percorre tanti km. 38’ st Zucca sv
Castellano 6 Nella morsa. 10’ st Sardo 7 Ruggito che vale l’1-1.
Gravina 6.5 Tecnica e intelligenza. Ma quel gol fallito…36’ st Actis sv
Cravero 6 Arretra spesso il raggio d’azione.
DIR: Barale, Pettiti.

LE INTERVISTE DEL DOPOGARA: Giorgio Manavella

LE INTERVISTE DEL DOPOGARA: Pier Guido Bordin