VANCHIGLIA UNDER 16

Non solo punti importanti in ballo in Via Regazzoni: il Vanchiglia, dopo la vittoria nello scontro diretto con il Lascaris, cerca conferme per sognare in grande; la Pro Eureka vuole dimenticare il passo falso casalingo con il Borgaro e fare risultato per non perdere terreno dal gruppo dei piani alti. Malgrado la posta in gioco, l’avvio di gara non è per nulla titubante: Golafrelli prova a seminare il panico tra la difesa granata, ma Falsone spazza; sull’altro fronte ci prova Longo di controbalzo, ma la mira è difettosa. La Pro Eureka si affida all’estro di Gravina sulla trequarti e alla velocità di Nyokabi, che prima prova a scartare Granata per depositare in rete (con il portiere che però è attento in uscita) e poi coglie la traversa dopo una bella imbucata di Golfarelli. Il Vanchiglia può invece contare su un centrocampo tenace e vivace e su un Longo che, partito in sordina da punta centrale, migliora col passare dei minuti agendo più largo: è del numero 9 la sponda volante per Pontin, con l’ex San Mauro che calcia forte ma non inquadra lo specchio. Squadre a riposo sullo 0-0, e al rientro dagli spogliatoi è monologo-granata: Longo apparecchia per Pontin, il cui sinistro di prima intenzione si stampa sul palo a Petruzzella battuto; Longo si mette poi in proprio e calcia dopo essere rientrato sul destro, Petruzzella respinge in qualche modo. La rete è nell’aria e arriva puntuale grazie ai centrocampisti: sugli sviluppi di un corner ci prova Ledda, pallone deviato che resta in area e viene spinto in rete da un rapace Enrico. Sbloccata la contesa, il Vanchiglia gioca con più scioltezza e spensieratezza, mantenendo il controllo delle operazioni ma senza riuscire a fare male alla Pro. Ringraziano gli ospiti, che a 10′ dalla fine trovano il pari: calcio di punizione di Gravina, torre aerea di Starnai ed incornata da due passi di Boeri che non sbaglia. Trovato l’1-1, la gara si riaccende improvvisamente, con le squadre che si allungano e gli schemi che saltano: le occasioni però latitano, e al triplice fischio il tabellino parla di un punto a testa, tanto giusto quanto, a conti fatti, inutile sia per il Vanchiglia sia per la Pro Eureka.

Vanchiglia 4-3-3

All. Zaccarelli 6.5 I suoi dominano per larghi tratti.
Granata 6.5 Coraggioso e puntuale nelle uscite.
Lacava 6 Soffre le sortite di Frizzi. 26′ st Abbrugiati 6 Ordinato.
Imberti 6.5 Tiene botta dietro e non rinuncia ad avanzare.
Castelli 6 Nyokabi e Golfarelli gli scappano in qualche occasione.
Falsone 6 Un po’ lezioso nelle uscite palla al piede.
Foresto 6.5 Filtro e fonte di gioco.
Enrico 7 Sblocca con opportunismo una gara complicata.
Ledda 7.5 Guerriero in mezzo al campo, c’è il suo zampino sul gol.
Longo 6.5 Meglio da esterno che da punta centrale. 19′ st Cossu 6 Prova a dare la scossa a sinistra.
Giardino 6 Non crea particolari pericoli. 31′ st Canino sv
Pontin 6.5 Fermato dal palo.
DIR: Lacava

Pro Eureka 4-3-1-2

All. Bordin 6.5 Il pari dà la scossa alla squadra.
Petruzzella 6 Non trattiene un paio di palloni facili.
Brucceri 6 Imberti e Longo sono clienti tosti, ma resiste.
Frizzi 6.5 Carismatico, prova a dare frizzantezza alla corsia.
Starnai 7 Torre fondamentale per il parei, in mezzo è il migliore.
Boeri 7 La sua zuccata rialza il morale della squadra.
Palestro 6.5 Contiene Longo.
Golfarelli 6 Prova a duettare con Nyokabi, non sempre ci riesce.
Fiore 6.5 Si batte in mediana. 31′ st Zucca sv
Nyokabi 6.5 Il più pericoloso davanti, coglie la traversa. 19′ st Actis 6 Non riesce a sfondare.
Gravina 6.5 Ci mette l’anima sulla trequarti. 35′ st Castellano sv
Cravero 6 A tratti troppo nervoso.
DIR: Barale

LE PAROLE A FINE GARA: EDOARDO ZACCARELLI