chisola-bra

Era “la” partita e per intensità, fame e furia agonistica le attese non sono state deluse. Chisola e Bra si giocano una grossa fetta di campionato con lo spettro di un Pinerolo in contemporanea sul campo dell’Atletico Torino che può reinserirsi nella corsa alle semifinali. I vinovesi, costretti dalla classifica alla vittoria, scendono con più mordente nella prima frazione collezionando una buona serie di occasioni in pochi minuti. La prima non poteva che arrivare dai piedi “dell’esordiente” Liberti che al 10’ serve un cioccolatino su punizione per Dell’Anno. Il centrale liscia a 2 metri dalla porta. Perotti si destreggia bene sulla destra e dopo un assist a Geraci che non trova il lieto fine, affonda al 19’. Filippi prova a ostacolarlo e sulla caduta di Perotti si alzano veementi le proteste casalinghe, Turini di Nichelino però concede la rimessa dal fondo. Il Bra non riesce a uscire, ma almeno costringe i ragazzi di Isaia a soli tiri dalla distanza che, per quanto insidiosi, mancano lo specchio. A inizio ripresa non sembra cambiare l’andazzo. Amendola impegna Ricatto su punizione e Managò orchestra bene un’azione al 10’ servendo Geraci al limite. Todisco però è insuperabile e mura la conclusione del 9 vinovese. Floris non si accontenta del pareggio e butta nella mischia uno Squillaciotti straripante e i risultati si vedono. La Rosa si libera al limite dell’area e costringe Montiglio al miracolo nell’angolo basso. 3’ dopo Squillaciotti si libera di Bernardon e va a tupertu con Montiglio che vince anche questo duello. I giallorossi alzano il baricentro collezionando punizioni e corner su cui Todisco svetta sempre. Al 23’ l’occasione. Punizione di La Rosa, Cavaliere sul secondo palo la rimette nella mischia; Todisco la conquista ma da pochi passi manca lo specchio. I padroni di casa non riescono più a uscire e i cambi si dimostrano più conservativi che estrosi. I calcoli giallorossi escono solo nel finale con Scommegna che porta muscoli davanti alla porta e calcia il pallone più lontano che può. Il Bra esce indenne dal via del Castello e rende sempre più concreto il sogno.

Chisola 4-2-3-1
All. Isaia 6.5 Grandissimo avvio, poi i suoi calano.
Montiglio 7 Miracolo su la Rosa.
Gioacas 6.5 Buona copertura e una bella discesa.
Perotto 6.5 Intesa di reparto.
Bernardon 6.5 Duella alla pari con cavaliere. 26′ st Della Corte 6.5 Preciso e generoso.
Dell’Anno 7 Il gol mangiato non cancella una prestazione enorme.
Bottale 7 Solito guerriero.
Liberti 6 Forma non smaliante, ma il piede rimane educato. 17′ st Ferrara 5.5 Impalpabile.
Amendola 7 Comanda con esperienza. 34′ st Poretta sv
Geraci 5.5 Poche occasioni chiare. Non è giornata.
Managò 6 Manca solo IL guizzo.
Perotti 7 Freccia insidiosa. 26′ st Coscia 6 Ordinato.
A disp: Calvaruso, Del frari, Turatello, Gregori. Dir: Scardino.

Bra 4-2-3-1
All. Floris 7 Gioca per vincere, ma punto fondamentale.
Ricatto 6.5 Mai distratto.
Guzzo 6.5 Pendolino attento anche se fuoriruolo.
Filippi 7.5 Rischio su Perotti. Saracinesca con licenza di incursione.
Marchisio 7.5 Annulla su Geraci.
Todisco 7 Imperioso in difesa, ma cicca il colpo da 3 punti.
Ternavasio 6.5 Egregio smistatore. Detta i tempi.
Gatti 6.5 Versatile.
Barbuto 7 Picchiatore instancabile. Recupera mille palloni.
Cavaliere 6.5 Allunga il baricentro con esperienza. 30′ st Garcea sv
De Faveri 5.5 Non trova spazio. 11′ st Squillaciotti 7.5 Con grinta e fisico cambia la gara.
La Rosa 6.5 Pungente. Sfiora il colpaccio. 43′ st Scommegna sv
A disp: Coria, Messa, Dashi, Preka, Santero, Petitti. Dir: Ricatto.

LE INTERVISTE: PAROLA A FABIO ISAIA

LE INTERVISTE: PAROLA A ROBERTO FLORIS