Perotto e LibertiIl Chisola risponde all’ultima chiamata per tornare a mettere nel mirino le semifinali. Fabio Isaia, dopo il pareggio deludente col Bacigalupo, torna a vedere la luce, portando a casa i 3 punti nell’ultimo scontro diretto della stagione. Il Pinerolo di La Spina non può permettersi sbagli, ma dopo il 2’ si trova già a inseguire. Rimessa laterale a sinistra, Geraci innesca lo scatto di Liberti, che a tupertu fulmina l’incolpevole Fava. Doccia ghiacciata per Bosio e compagni, che rischiano anche il doppio svantaggio. Sulla trequarti il 2004 Viano non fa sentire la mancanza di Managò e premia il taglio di Perotti. a Tupertu traversa piena. I vinovesi provano a pungere anche sui calci piazzati, ma le torri di Bernardon non trovano un lieto fine. Gli ospiti escono dal guscio intorno al 27’, quando Bosio innesca la ripartenza con Mauro e Ongaro, con quest’ultimo che manca di pochi centimetri il colpo di testa vincente. Ancora al 34’ il capitano pinerolese prova a risolvere una mischia in area: tiro smorzato e palla facile per Montiglio. Nel finale di primo tempo Ongaro reclama un rigore, ma Scidà di Torino lascia proseguire, così come in avvio di secondo tempo su Geraci. La Spina ci crede e a inizio ripresa il Pinerolo sfiora il pareggio: Bosio sul fondo, si libera in un fazzoletto e serve un cross teso per Ongaro in area piccola, ma il numero 9 non ci arriva ancora per poco. Copione simile al 21’ quando Blal, con uno scavetto dolce e delicato, manda Bonan in velocità: altro cross teso, altra inzuccata di Ongaro mancata per poco. Il Chisola chiude le linee di passaggio e amministra bene la sua fase difensiva, cercando qualche ripartenza (Perotto e Liberti continuano a mandare in fiamme l’out sinistro). Dopo il 7’ di recupero a Vinovo, parte la festa e torna di casa la certezza di poter puntare alla semifinale. Il campionato è ancora lungo, ma il big match col Bra diventa fondamentale per un Pinerolo che non vuole mettere nel cassetto le sue ambizioni.


Chisola 4-2-3-1

All. Isaia 7.5 Calcio alla crisi e campionato riaperto.
Montiglio 6.5 Recuperato in extremis e si conferma una sicurezza.
Gioacas 7 Guardia attenta.
Perotto 8 L’intesa con Liberti lo rende padrone della fascia sinistra.
Bernardon 7 Re del gioco aereo.
Dell’Anno 7 Nessuna sbavatura.
Bottale 7.5 Picchia duro fino ai crampi. Stoico.
Perotti 7 Ammacca la traversa. Sfortunato. 41′ st Guarnieri sv
Viano 7.5 Personalità e imbucate intelligenti. 22′ st Turatello 6.5 Entra per la serrata.
Geraci 6.5 Mugugni sul cambio. 44′ st Della Corte sv
Liberti 7.5 Veloce e letale. Spina nel fianco. 38′ st Poretta sv
Attisani 7 Preciso e prezioso in interdizione. 33′ st Coscia sv
A disp: Piazzolla, Del Freari, Ferrara, Lanfranco. Dir: Scardino.

 



Pinerolo 4-3-2-1

All. La Spina 6 Paga un avvio distratto.
Fava 6.5 Risponde presente.
Tonello 5.5 Sorpreso in partenza. 30′ st Camusso sv
Adornetto 6 Se la cava con Perotti.16′ st Salute 6.5 Attento.
Grosso 6 Impreciso, ma buona guardia su Geraci.
Bosio 7 I pericoli del Pinerolo arrivano solo dai suoi piedi.
Dellagaren 6.5 Grinta e diagonali efficaci. 44′ st Bersia sv
Blal 6 Qualche strappo dei suoi. Poco incisivo. 39′ st Occhetti sv
Picotto 6 Costretto a rincorrere. 29′ st Quaranta 6 Cerca spazi.
Ongaro 5.5 Di pochi centimetri cicca più occasioni.
Campanella 6 Qualche idea la tira fuori. 16′ st Bonan M. 6 Spinge.
Mauro 6 Inizio rivedibile, poi si riprende. 18′ st Musso 6.5 Grintoso.
A disp: Parrella, Nuccio. Dir: Camusso.

LE PAROLE A FINE GARA: PARLA FABIO ISAIA

LE PAROLE A FINE GARA: PARLA GIANFILIPPO LA SPINA

Scidà di Torino