9 Agosto 2020 - 20:09:21

Nichelino Hesperia, la Mamba Mentality di Nicolò Lucci

Le più lette

Valcalepio, Eccellenza: a tu per tu con il presidente Gianfranco Lochis

Miglior attacco del girone C di Eccellenza insieme al Lumezzane, terza miglior difesa e quarto posto in campionato, oltre...

#stiamoincontatto Brescia: ripartono campionato e BresciaOggi. Pasquali: «Fiducioso sui protocolli»

Condotta e moderata dal delegato Alberto Pasquali, martedì 4 agosto alle ore 20 sulla piattaforma Cisco Webex si è...

Novara, è ufficiale: Sergio Zanetti nuovo allenatore della Berretti

Mancava solo l'ufficialità per l'approdo di Sergio Zanetti al Novara. L'argentino allenerà la Berretti prendendo il posto di Giacomo...

«Ha segnato con il numero 15 NicolòLucci, Nicolò… Lucci, Ni-co-lò… Lu-cci!». Entrando negli spogliatoi ospiti al termine di Cit TurinNichelino Hesperia si sente questo coro all’infinità, gridato dai ragazzi a mo’ di speaker dell’Allianz Stadium o di San Siro quando segnano Juventus, Inter o Milan. Al 40’ della ripresa, sul risultato di 4-1 in favore dell’Hesperia, il tecnico rossoblù Francesco Starace fa entrare in campo il numero 15 Nicolò Lucci che in una manciata di minuti a disposizione tocca pochi palloni, ma uno di questi lo butta in rete di destro. Tutti i compagni di squadra corrono all’impazzata per andare ad abbracciarlo. Nicolò, alla sua primissima esperienza in un campionato regionale e seconda in un campionato riconosciuto dalla Federazione, prima della gara col Cit Turin aveva totalizzato appena 20’ in tutta la stagione, ma nonostante ciò non ha mai smesso di allenarsi e di migliorarsi come spiega lo stesso Starace: «Mi reputo un adulto fortunato perché ho la possibilità di vivere emozioni così e se penso a ciò che è appena successo ho la pelle d’oca. Nicolò è un ragazzo straordinario, la sua esperienza calcistica era limitata a quella parrocchiale e nell’Aprile 2019 venne a fare un provino da noi (ai tempi ai provinciali, ndr). Fin da subito gli dissi che avrebbe fatto fatica a trovare spazio perché gli altri ragazzi avevano anni di esperienza alle spalle e quindi partivano più avanti. Nicolò ha scelto di provarci comunque e da quel giorno, fino a giugno, non ha mai saltato un allenamento. A settembre Lucci è rimasto con noi e mi ha sorpreso quanto sia migliorato. Quando non entra in campo non polemizza mai, anzi è il primo a caricare i compagni. Per questo il gol se lo merita tutto e vedere come i ragazzi tengano a lui è qualcosa di unico». A poco meno di un mese dalla scomparsa della leggenda Kobe Bryant, Nicolò rende perfettamente onore a ciò che uno dei cestisti più forti di tutti i tempi ci ha lasciato in eredità: la Mamba Mentality. Ovvero mettere tutto l’impegno possibile nell’inseguire una passione, provando a migliorarsi sempre, combattendo le paure più remote e superando i mille ostacoli che la vita ti mette davanti. Nicolò ha fatto tutto ciò per inseguire il suo sogno e l’augurio che ci facciamo tutti è quello di poter risentire in futuro il grido: «Ha segnato con il numero 15 Nicolò… Lucci, Nicolò… Lucci, Ni-co-lò… Lu-cci!».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli