12 Agosto 2020 - 00:53:13

Settimo Under 16: Erick Stan, portiere e cuoco d’eccezione

Le più lette

Ripartenza, ecco i gironi di Eccellenza e Promozione

Con un po' di ritardo rispetto alle altre stagioni, il Comitato Piemonte e Valle d'Aosta ha pubblicato i gironi...

Rivoli: Granieri vince il ricorso e torna presidente, Scozzaro out

Se non vi siete portati il romanzo da ombrellone in spiaggia, potete facilmente rileggere l’anno tormentato del Rivoli del...

Il format dei campionati c’è, le graduatorie di ripescaggio delle giovanili ancora no

Il Comitato Regionale ha deliberato il format dei campionati per la stagione 2019/20 non solo per le prime squadre...

La stagione del Settimo 2004, fin ora, è stata avara di soddisfazioni tra i numerosi cambi in panchina e un campionato regionale giocato sempre in orbita della lotta salvezza. Nell’incertezza di questa squadra regna però una certezza assoluta: Erick Stan, portiere e una delle note più liete della stagione. L’estremo difensore infatti oltre ad aver tenuto più volte in piedi i suoi limitando i danni, con la bellezza di 1530 minuti in stagione è anche il nono giocatore dell’intero girone A per minuti giocati (guida la classifica Mattia Cerminara del Borgosesia a quota 1594). Solo la quarantena a causa del Covid-19 ha impedito ad Erick di continuare a infilare i suoi guantoni per difendere la propria porta weekend dopo weekend.

È proprio il portierone del Settimo a raccontarci come sta affrontando l’assenza dal calcio giocato: «Sto passando questo periodo come se giocassi ancora. Nei giorni in cui ci sarebbe allenamento infatti riesco a tenermi attivo, da solo o anche grazie all’aiuto di mio papà, più o meno tre o quattro volte alla settimana. Purtroppo i guantoni non li ho più indossati ma continuando ad allenarmi è come se non li avessi mai tolti. La parte più difficile è resistere alla mancanza della partita settimanale di campionato al sabato pomeriggio, ma fortunatamente abbiamo trovato la soluzione. In cinque o sei tra compagni del Settimo ci troviamo online per giocare a Call of Duty, stando insieme riusciamo così a mantenere intatto lo spirito di squadra (ride, ndr)». Il Settimo riesce a rimanere compatto anche in questo momento storico delicato in cui Erick, proprio come quando vola tra un palo e l’altro della propria porta, non si fa trovare di certo impreparato: «All’incirca quindici giorni fa abbiamo iniziato le lezioni online e in linea di massima le facciamo tre volte alla settimana. Posso gestire bene il mio tempo tra i compiti, gli allenamenti individuali, i giochi online con i miei amici e la cucina in modo da poter mettere a frutto gli studi dell’istituto alberghiero che sto frequentando. È una mia passione e in questi giorni infatti in casa non faccio mancare mai Crepes e Pancakes, l’ideale per una merenda pomeridiana». La stagione è bloccata e poiché il calcio è fermo, la testa può iniziare a pensare anche ai progetti per i prossimi mesi: «Penso ad allenarmi per migliorarmi costantemente e guardare avanti. Ci sono tante possibilità e voglio valutare al meglio ognuna di essa, per capire quale sia la mossa migliore per il mio futuro tra il rimanere a Settimo o l’andare a giocare altrove».

Il momento è difficile e delicato per ognuno di noi e proprio per questo Erick spera che dopo la quarantena il futuro del calcio e non si impronti sulla base della serenità e della collaborazione: «Forse se si dovesse cercare di riprendere il campionato si andrebbe a finire troppo per le lunghe. In ogni caso la mia speranza è quella di poter tornare a giocare o fare qualsiasi altra attività in armonia abbandonando ogni tipo di litigio o incomprensione. Tornare a essere squadra in tutti i sensi. Sarà inoltre bellissimo il momento in cui rivedrò dal vivo il mio migliore amico Christian Paparo (attaccante del Settimo, ndr) o in generale le persone a cui sono più legato, perché ovviamente giochiamo o ci sentiamo online, ma non è come vedersi dal vivo e per questo tornare ad allenarsi insieme sarà ancora più emozionante». È una lotta che riguarda tutti e solo aiutandoci l’un l’altro possiamo uscirne bene, proprio come spiegato in conclusione da Erick che coglie l’occasione per ricordarci di non mollare: «C’è una squadra sola, non ci sono avversari e dobbiamo collaborare tutti. Il messaggio che voglio lasciare è quello di non buttarsi giù nonostante il momento complicatissimo, tenersi occupati in casa tra la lettura di un libro, la cucina, i giochi, alla play o di altri tipi, allenamenti individuali o qualsiasi altra attività può essere la soluzione». Per tornare alla normalità dobbiamo tenere duro perché solo così possiamo guadagnarci la nostra libertà e a quel punto sì, Erick, e come lui tutti i portieri d’Italia, potrà finalmente rindossare i suoi amati guantoni per davvero.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli