25 Settembre 2020 - 13:04:57
sprint-logo

Fasi finali e Play Out, facciamo chiarezza

Le più lette

La Lombardia segue Veneto ed Emilia Romagna: sì al pubblico

Attraverso l'ordinanza numero 610 emessa oggi pomeriggio dal presidente della Regione Attilio Fontana, anche la Lombardia ha aperto alla...

Sporting Cenisia – Rapid Torino Coppa Prima categoria: Un Super Popa non basta allo Sporting, la spunta il Rapid con Montani

Vince il Rapid Torino di Ragazzoni nella sfida esterna valida per la Coppa Italia Piemonte di prima categoria, nonostante...

Borgaro – Pro Eureka coppa Eccellenza: Cacciatore si presenta con una vittoria, Pititto non basta alla Pro Eureka

Era un battesimo per Giuseppe Cacciatore, la prima ufficiale da tecnico, iniziare con una vittoria può solo dare fiducia...

Ad appena sei turni dal termine dei campionati regionali, cominciano a delinearsi le situazioni nelle zone calde della classifica: tra chi lotta per alzare un trofeo e chi invece per mantenere la categoria, facciamo un po’ di chiarezza sui nuovi meccanismi delle fasi finali e dei play out. Cominciamo dalle fasi finali, che presentano le maggiori novità rispetto alla passata stagione: la prima classificata di ogni girone accede direttamente alla seconda fase della cosiddetta “Top Tournament Finalists”; la seconda e la terza classificata, invece, si sfideranno con uno schema di andata e ritorno con la prima gara che si disputerà in casa della terza classificata. Al termine di questa fase si procederà con i quarti di finale, che saranno così strutturati: la prima classificata del girone A sfiderà la seconda o la terza del girone B; la prima classificata del girone C sfiderà la seconda o la terza del girone D; la prima classificata del girone B incontrerà la seconda o la terza del girone A; la prima classificata del girone D se la vedrà con la seconda o con la terza del girone C. Tutti questi incontri avranno la gara di andata in casa di ciascuna prima qualificata. In seguito si procederà alle semifinali e infine alla finale. L’ultima classificata di ogni raggruppamento perderà la categoria regionale, mentre ai Play Out andranno le squadre di ogni girone che si piazzeranno in 13ª, 12ª, 11ª e 10ª posizione. Le 16 squadre saranno divise in 4 gironi quadrangolari che saranno così composti: nel Girone 1 ci saranno la 10ª del girone A, la 11ª del girone B, la 12ª del girone C e la 13ª del girone D; nel Girone 2 troveremo la 10ª del girone B, la 11ª del girone C, la 12ª del girone D e la 13ª del girone A; nel Girone 3 ci saranno invece la 10ª del girone C, la 11ª del girone D, la 12ª del girone A e la 13ª del girone B; nel Girone 4, infine, si sfideranno la 10ª del girone D, la 11ª del girone A, la 12ª del girone B e la 13ª del girone C. In caso di arrivo di due o più squadre a pari punti, sia che si parli di fasi finali sia che si parli di play out, si guarderà la cosiddetta “classifica avulsa”, che nell’ordine tiene conto di: punti conquistati negli scontri diretti; differenza reti negli scontri diretti; differenza reti nell’intero campionato; maggior numero di reti segnate in campionato; sorteggio.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli