22 Giugno 2021

Monregale Under 17: il calcio e Aurelio Seoni, dalla porta alla panchina

Le più lette

Vis Nova-Folgore Caratese Under 14: Lampariello sorride per la grande prova dei suoi, quanti dubbi per Morgandi

Sorride la Folgore Caratese di Lampariello che nel test match contro la Vis Nova di Morgandi trova una vittoria...

Alessandria-Padova Serie C: dal dischetto Gasbarro sbaglia, Rubin no. Longo-landia vola in B

Gasbarro calcia fuori (folle decisione di voler piazzare il tiro) e Rubin centra il bersaglio. Così attorno alle 20.45...

Giovani D Valore: il Chieri raggiunge il podio nel Girone A

Nella giornata di oggi, martedì 15 giugno, è uscito l'ultimo aggiornamento prima della graduatoria definitiva della classifica dei Giovani...

Arrivato a Mondovì nel 2019 con la missione (poi compiuta) di salvare l’annata 2003, Aurelio Seoni dall’inizio di questa stagione è il tecnico degli Under 17 classe 2004 della Monregale. La voglia di tornare in campo e riprendere i contatti con il suo gruppo, con il quale si è sviluppato un bel legame, è tanta, ma non manca anche un tuffo nel passato quando Aurelio aveva il non facile compito di difendere la porta dagli assalti avversari: <<Ho giocato a calcio soprattutto negli anni ’70, ero un discreto portiere con un carattere un po’ “ribelle” (ride, n.d.r.), ho giocato soprattutto nella Fossanese e nell’Acaja Fossano. Nel 1986 ho conseguito il mio primo patentino da allenatore, il responsabile del pre-esame per il tesserino era il grande Luigi “Cina” Bonizzoni che, quando vide me e un mio amico palleggiare, ci chiese “Voi giocate in porta, vero?”. Nello stesso anno ho iniziato la carriera da tecnico con gli Allievi dell’Acaja Fossano dove ero il secondo di Aldo Olivero, poi dall’87 al ’96, con la parentesi dell’88-89 alla Cheraschese in Prima Categoria, ho allenato la Fossanese occupandomi prevalentemente di Prima Squadra, con una parentesi in Juniores e Allievi e un’annata da preparatore dei portieri. Dal 1996 al 1998 ho allenato nel Settore giovanile del Salice, che all’epoca collaborava in maniera proficua con la Fossanese, e poi sono tornato a Fossano che è casa mia. Nel 2012 ho vissuto la bella esperienza di selezionatore della Rappresentativa Provinciale di Cuneo, dove riuscii a mettere insieme una squadra forse non numerosa ma valida, arrivammo in finale con la Rapp di Torino e purtroppo perdemmo 2-1. In seguito sono stato a Centallo per 4 anni dove ho allenato nel Settore giovanile e poi, prima di arrivare a Mondovì, ho fatto il preparatore dei portieri al Cuneo e al Fossano>>.

Quali sono i fondamentali di Aurelio Seoni? <<Per quanto riguarda i moduli preferiti, mi piacciono tutti i “derivati” del 4-4-2. La difesa a 4 per me è molto importante, penso che sia la cosa migliore da cui partire per imparare a muoversi correttamente e occupare le zone del campo; voglio ringraziare Filippo Guida, che è un ragazzo molto preparato e oltre ad allenare i Pulcini 2010 dà una grossa mano a me negli allenamenti e anche al nostro responsabile del Settore giovanile. Fuori dal campo poi trovo che sia fondamentale il rispetto, e per ottenere rispetto dai ragazzi bisogna trattarli nella maniera corretta. Per quanto riguarda i miei allenatori di riferimento, mi piaceva molto Allegri alla Juve per la sua capacità di modellare la squadra a seconda delle evenienze e per la gestione di uno spogliatoio sicuramente non facile; ammiro molto anche Pioli, Fonseca e Gasperini>>.

Quali, infine, gli obiettivi fissati ad inizio stagione con la sua Monregale Under 17? <<Siamo partiti con l’obiettivo di salvarci, e questo rimane. Poi è fondamentale il percorso di crescita dei ragazzi anche in ottica di passaggio in Prima Squadra, settore dove la società ha grandi progetti per il futuro soprattutto grazie al nostro responsabile del Settore giovanile Roberto Aimo e del Responsabile tecnico Franco Giuliano>>.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli