Under 17, Morone affossa definitivamente il Pinerolo: Chieri, è finale!

382
chieri under 17
Morone piega il Pinerolo, il Chieri Under 17 può far festa: finale!

Chi merita passa. Nient’altro da aggiungere al termine di un ritorno di semifinale povero di emozioni ma ricco di significato. Il Pinerolo di Barberis non crea quelle occasioni utili per riaprire un risultato già complicato di per sé, il Chieri, tra alti e bassi, amministra come sa facendo valere il suo alto, altissimo tasso tecnico.

Nella prima frazione i collinari di Mercuri faticano a macinare il loro solito gioco e rischiano anche specie sulla ripartenza a favore di Francese che non sfrutta il buco di Pavia e spreca incredibilmente un 2 vs 2 ottimale. Come già detto, poche emozioni, fino allo scadere della prima frazione quando Bert ha una buona occasione su cross di Vottero, ma cicca la conclusione di testa.

Nella ripresa Mastrandrea e compagni gestiscono meglio la palla e aspettano che col passare dei minuti, gli ospiti spingano fino a lasciare buchi difensivi. Si sente tantissimo l’assenza di Pellissone in fascia, senza nulla togliere alla generosità di Migliore che nelle ultime settimane ha coperto 100 ruoli sempre con discreti risultati. Gli spazi alla fine si aprono e Morone non perdona appena ha l’occasione e al 29′ batte Bonissoni e chiude il discorso qualificazione. Onore al Pinerolo non solo per l’ottima stagione, ma perché comunque continua a spingere (forse più di prima). Domenica si decidono le sorti della stagione. Mercuri contro il suo passato, per ripetere (e forse migliorare) quel passato a Vinovo che lo ha portato a sfiorare il tetto d’Italia.

CHIERI 1-0 PINEROLO

RETE: 29’st Morone.

CHIERI (4-2-3-1): Baldi; Calindro, Pavia (34′ st Formia), Martello, Bruno (42’st Guariento); Barbero (31’st Zeggio), Mastrandrea; Barcellona (38’st Esposito), Mingrone (38’st Terribile), Morone (34’st Gervasio); Rossi (34’st Savastano).

PINEROLO (3-4-1-2): Bonissoni; Giay (34’st Sinopoli), Novo, Odin; Bert, Maio, Vottero, Migliore (34’st Lo Ricco); Incarbone; Albanese, Francese (6’st Caprì).

 

LE PAROLE A FINE GARA: ANDREA MERCURI

LE PAROLE A FINE GARA: CARLO BARBERIS