Lucento Under 17
Da sinistra, Alessio Nania, Diego Beruto e Francesco Totaro

Il Lucento arriva a Venaria con la consapevolezza di dover vincere contro i Cervotti per poter continuare a coltivare il sogno della vittoria del girone; dall’altra parte ci sono i ragazzi di Petrucci, che con un successo potrebbero riaprire scenari interessanti. Chi si aspettava un inizio blando deve ricredersi fin da subito: al 3’ Muratore arma il destro da fuori area e, complice la deviazione della difesa lucentina, non dà scampo a Beruto. Il Venaria, galvanizzato dall’immediato vantaggio, preme sull’acceleratore per mettere in ghiaccio la contesa: Ferrigno serve Papagno, ma il riflesso di Beruto questa volta è da applausi; poco dopo ancora Ferrigno sfonda a destra e mette un pallone teso in mezzo, Marchese rischia l’autogol nel tentativo di spazzare, con la traversa che salva il Lucento. Gol sbagliato, gol subito: Mazzara si gira in area e calcia trovando la deviazione con il braccio di Di Carlo, dal dischetto si presenta Totaro che non sbaglia. I Cervotti non ci stanno e ricominciano da dove avevano iniziato, dando ampiezza alla manovra con l’apporto degli esterni alti, Veneziano e Ferrigno; ma il bomber di giornata è un altro: al 21’ Muratore raccoglie una respinta corta della difesa e, in una frazione di secondo, si sposta la palla sul destro e fa partire un missile che si infila sotto l’incrocio. Emozioni finite? Neanche per sogno: a un minuto dalla fine il direttore di gara indica per la seconda volta il dischetto a favore del Lucento, questa volta per un’uscita scomposta di Airola su Totaro. Lo stesso numero 9 si rifà avanti dagli 11 metri, e con freddezza riporta la sfida in parità. Dopo un primo tempo del genere, i ritmi nella ripresa si abbassano notevolmente, con gli ospiti che però sembrano più convinti rispetto ai padroni di casa. E a 10’ dalla fine trovano lo spunto vincente: gran lavoro di Nania a sinistra, con l’esterno che sfonda in area e mette in mezzo dove, come un rapace, si avventa Totaro, niente da fare per Airola. Nel finale Beruto vola sulla bella punizione di Matees e pone il tassello finale su un successo che vale oro per il Lucento: il sogno può continuare.

Venaria 2
Lucento 3
RETI (1-0, 1-1, 2-1, 2-3): 3′ Muratore (V), 14′ rig. Totaro (L), 21′ Muratore (V), 39′ rig. Totaro (L), 29′ st Totaro (L).
ARBITRO: Tenace di Torino 6. Entrambi i rigori fischiati al Lucento sono corretti, ne manca uno al Venaria per contatto dubbio su Perrucchietti.

Venaria 4-4-2
All. Petrucci 6.5 Primo tempo ad altà intensità.
Airola 6 Dice di no a Nania.
Scardino 6 Meno arrembante del solito. 13′ st Poveromo 6 Ha il suo da fare contro Ghiazza e Nania.
Tambuzzo 6.5 Nella ripresa cerca spesso il fondo.
Di Carlo 6 Spesso preso in mezzo.
Minosse 7 Puntuale in chiusura.
Muratore 7.5 Doppietta d’autore.
Ferrigno 6.5 Mastino. 30′ st Dianni 6 Ci prova da fuori.
Matees 7 Muratore imposta, lui corre per due e va vicino al gol su punizione; uomo-ovunque.
Papagno 6 Due colpi di testa alti.
Veneziano 6.5 Non è al meglio, ma gioca un ottimo primo tempo. 13′ st Tietto 6.5 Frizzante.
Bava 6.5 Cerca lo scambio e va in profondità. 21′ st Perrucchietti 6.5 Coltello tra i denti.
Dir: Minosse.

Lucento 4-2-3-1
All. Pierro 7.5 “Squadra con testa e cuore”.
Beruto 7 Non fa rimpiangere Allamano, gran riflesso su Papagno.
Spione 6.5 In trincea, non crolla.
Ghiazza 6.5 Buone sovrapposizioni, deciso quando serve.
Contino 6 Un disimpegno da brividi, ma senza conseguenze.
Kastrati 6 Qualche rischio. 25′ st Riva 6.5 Più sicuro.
Fioccardi 6.5 Che personalità (per un 2004)!
Nania 7 Corona la sua prova con l’assist vincente. 39′ st Scorus sv
Marchese 6.5 Solita diga.
Totaro 8 Il bomber è tornato: glaciale per due volte dal dischetto, puntuale nell’inserimento.
Mazzara 6.5 Si abbassa ad impostare e il gioco ne giova.
Castellino 6.5 Rientro positivo. 17′ st Fantino 6.5 Attento.
Dir: Mazzara – Nania.

Venaria Under 17
I Cervotti di Paolo Petrucci
Venaria Under 17
Da sinistra, Matees, Minosse e Muratore
Lucento Under 17
Il Lucento di Alessandro Pierro

LE PAROLE A FINE GARA: PIERRO E PETRUCCI