Borgaro Under 19
Il Borgaro di Andrea Mantegari vola a +4 sull'Alpignano

Ha rischiato grosso la capolista Borgaro contro un’indiavolata Rivarolese. Alla fine però i ragazzi di Andrea Mantegari dimostrano ancora una volta perchè possono guardare tutti dall’alto: è la capacità di non perdere mai la lucidità e la calma la vera forza del Borgaro, che dopo aver chiuso il primo tempo sotto di un gol, riesce a ribaltare la situazione portando a casa i 3 punti grazie ad un rocambolesco 4-3, allungando a +4 sull’Alpignano bloccato sul 2-2 in casa del Quincitava. I granata di Giuseppe Giannettino perdono in un colpo solo l’imbattibilità e il titolo di miglior difesa, ma possono comunque essere più che soddisfatti e per la prestazione e per aver impegnato in modo serio la capolista.

Dopo soli 10 secondi sono giustappunto gli ospiti ad avere la prima vera occasione con Opessi, che fa tremare la traversa con un destro dai 25 metri. Al 9’ il Borgaro protesta per un contatto dubbio in area granata su Schiavone, ma l’arbitro fa proseguire; il numero 7 gialloblù però si rifà poco dopo, quando raccoglie un assist dalla destra di Molfetta e sigla il vantaggio. Al 12’ arriva subito il raddoppio: è di nuovo Schiavone ad approfittare di un errore di Da Soghe, che sbaglia la misura del retropassaggio per Lazzarini, trafitto poi ancora da Schiavone nel tentativo di spazzare il pallone in uscita. Un uno-due terrificante quello dei padroni di casa, che sembra mettere all’angolo la Rivarolese, letteralmente tramortita dal doppio svantaggio. A risollevare gli animi granata ci pensa il classe 2001 Diego Abbascià, che accorcia le distanze con un gol da cineteca: è il 23’ quando stoppa di petto un cross di Gazzetta e calcia al volo di destro spedendo la sfera sotto l’incrocio dei pali. Al 33’ prova ad emularlo per i padroni di casa Cantella, il cui destro di controbalzo dai 20 metri però lambisce solamente l’incrocio dei pali. La Rivarolese però è in stato di grazia, e al 35’ arriva il pareggio: Negro lavora perfettamente di sponda, appoggiando il pallone di petto al limite dell’area per l’accorrente Abbascià, che con un meraviglioso destro a giro buca nuovamente un immobile Dosio. Al 41’ il magic moment granata trova il suo apice: Leccese perde un brutto pallone a centrocampo, Abbascià si allarga sulla sinistra e scodella il pallone in mezzo trovando Negro, che senza pensarci un attimo si gira e fulmina Dosio con un preciso rasoterra incrociato di sinistro. Il clamoroso ribaltone abbatterebbe chiunque, ma non il Borgaro, che nella ripresa scende in campo con il furore agonistico giusto, senza più rischiare nulla e martellando incessantemente la retroguardia granata alla ricerca della rimonta. Il muro eretto da Michael Lazzarini e compagni regge, ma le ripartenze sono meno frequenti e con l’infortunio di Negro, autore di una gara encomiabile per sacrificio, viene a mancare il vero punto di riferimento dell’attacco granata. Il Borgaro ci crede più che mai e a prendersi la scena è bomber Nicolò Molfetta, che nel giro di cinque minuti ribalta in modo definitivo la sfida: al 33’ incorna la rete del pareggio su assist del neoentrato Lombardi, menre al 37’ segna il gol vittoria con una staffilata di destro dalla distanza letteralmente imparabile, facendo impazzire di gioia i tifosi gialloblù.

IL TABELLINO DI BORGARO RIVAROLESE UNDER 19

BORGARO – RIVAROLESE 4-3
RETI (2-0, 2-3, 4-3): 11′ Schiavone (B), 12′ Schiavone (B), 23′ Abbascià D.[01] (R), 35′ Abbascià D.[01] (R), 41′ Negro[01] (R), 32′ st Molfetta[02] (B), 37′ st Molfetta[02] (B).
AMMONITI: 46′ Lovarini[00] (R), 35′ st Zunino (B), 45′ st Leccese (B).
ARBITRO: Koum di Collegno  6.5 Dirige bene una gara difficile.

BORGARO 4-3-3
All. Mantegari 7 I suoi non perdono mai la calma.

Nicolò Molfetta
Il match winner Nicolò Molfetta

Dosio 5.5 Ingenuità sul 2-1 che rianima la Rivarolese.
Tonini 5.5 Abbascià lo fa penare e Mantegari lo sposta di fascia.
Grec 6.5 Un paio di chiusure niente male in scivolata.
Cantella 6 Sfiora il gol con una bordata da fuori.
Guelfo 6 Contiene Abbascià nella ripresa, approfittando della ripresa rinunciataria dei granata.
Leccese 5 La palla persa sul 2-3 poteva costare carissima; incappa nella classica giornata no.
Schiavone 7.5 Parte a razzo con due gol da rapace vero, poi cala alla distanza. 38′ st Ballone sv
Mameli 6.5 Lota come un leone su ogni pallone.
Molfetta 8 Gara mostruosa: fa reparto da solo e il destino lo premia: firma la remuntada incornando il 3-3 e segnando il gol vittoria. Milgiore dei suoi per distacco.
Zunino 6.5 Solità indiscutibile qualità al servizio della squadra.
Cappetta 5.5 Il meno incisivo dei suoi, prova opaca. 15′ st Lombardi 6.5 Ottimo ingresso, regala l’assist a Molfetta per il 3-3.
Dir: Migliorini – Muzzupappa.

RIVAROLESE 4-3-3
All. Giannettino 7 Sfiora il colpaccio con la capolista.
Lazzarini 7 Tiene a galla i compagni con i suoi riflessi felini.
Callegher 5 In affanno per tutta la partita su ambo le fasce.
Faletto 6 Dietro non demerita, ma è troppo timido in fase di spinta. 7′ st Pavia 6.5 Dà vitalità al reparto difensivo con la sua incontenibile energia.
Graziano 6 Solita gara di sostanza senza risparmiarsi mai.
Da Soghe 5.5 Anche lui può steccare: brutto il retropassaggio con cui concede il 2-0.
Pergolari 6 Tocca a lui reggere l’urto degli attaccanti gialloblù.
Gazzetta 6.5 Bello l’assist per Abbascià per l’1-2. 42′ st Nicotera sv
Opessi 6.5 Fa tremare la traversa dopo 10 secondi.
Negro 7 Quando esce la squadra crolla: sigla l’illusorio vantaggio. 24′ st Surace 6 Prova ad alzare la squadra negli ultimi minuti.
Lovarini 5.5 Non trova i varchi giusti. 18′ st Migliore 6 Dentro nel concitato finale.
Abbascià D. 8.5 I gol sono due perle rare da far vedere nelle scuole calcio. Partita pazzesca.
Dir: Aimonino – Lazzarini.

Rivarolese Under 19

Le parole di Andrea Mantegari e Giuseppe Giannettino a fine partita