17 Maggio 2021

Cheraschese – Pinerolo Under 19: Likaj incanta tutti e i Lupi azzannano il Pinerolo

Le più lette

Sporting Franciacorta-Caravaggio Serie D: Bertazzoli con la sua doppietta fa volare la sua squadra

Si conclude 2-1 la partita tra Sporting Franciacorta e Caravaggio. Un match importante per entrambe le squadre che si...

Lecco-Pro Patria Primavera 3: partita interminabile al Rigamonti Ceppi, i Tigrotti la spuntano con Alquati in un clima «torrido»

I tigrotti di Busto Arsizio spiumano le aquile blucelesti in zona Cesarini ma il clima, in campo e fuori,...

Borgaro-Oleggio Eccellenza: la fotogallery di Girolamo Cassarà

Fine corsa per il Borgaro di Beppe Cacciatore che, con la sconfitta di domenica saluta ufficiosamente la corsa alla...
Avatar
Daniele Moccia
Responsabile Eccellenza - Promozione Piemonte Promozione Girone B

Tra i titani del girone D, spiccano ancora una volta i Lupi. Il big match di giornata del raggruppamento cuneese lo porta a casa la Cheraschese vincendo 3-1, ben figurando contro un Pinerolo ancora da rodare e volando in testa al girone assieme all’Area Calcio.

Un risultato del genere, commentato la scorsa stagione, sarebbe stato descritto come un autentico colpaccio dei padroni di casa ma, a distanza di un anno dalla straordinaria cavalcata 2019-2020, la vittoria sul Pinerolo certifica il ruolo di big del girone dei Lupi di Barberis. Questi 3 punti, aggiunti a quelli del successo esterno contro l’Olmo, lasciano tanti ottimi spunti su una squadra che ha già integrato alla grande i 2003 e può ancora crescere molto. Discorso diverso invece per i biancoblù di Domenico Primerano, che dopo le difficoltà riscontrate nella seconda metà del campionato scorso hanno iniziato bene solo sul piano del gioco, ma male dal punto di vista dei risultati. Serve infatti colmare al più presto le lacune evidenziate soprattutto nei cali di concentrazione dei singoli.

Solite certezze per quanto riguarda i moduli. Barberis si affida al solito e convincente 4-3-3, affidando a Falco la porta e a Selimbasic e Marenda la linea difensiva. Coltelluccio e Alessio arano le fasce, a supporto del trittico di centrocampo Serra-Battaglino-Biano; tridente di giornata con Anselmo (già a segno con due reti all’Olmo) centrale e Likaj e Garello larghi. Anche per Primerano solito 3-5-2, con capitan Odin alla guida del terzetto di difesa completato da Camusso e Mauro; cabina di regia al solito Bosio, pronto ad innescare i laterali a tutta fascia Tonello e Micelotta; Campanella e Vottero armi tra le linee a sostegno di Ongaro e Incarbone.

Neanche il tempo di prendere le giuste misure in campo che la Cheraschese lancia il primo affondo dalle parti di Baravallo. Combinazione rapida sulla destra tra Anselmo e Garello, con quest’ultimo che va al tiro, trovando però il piedone del portiere del Pinerolo. Gli ospiti però non si disuniscono e continuano a macinare gioco con costanza. Il primo quarto d’ora è in pieno controllo degli uomini di Primerano, che vanno al tiro con Vottero e Incarbone, ma è Falco ad alzare la saracinesca. Nel buon momento dei pinerolesi colpiscono i Lupi che nel giro di un minuto si portano sul 2-0. Apre le marcature Likaj al 18′ (innescato da un lancio al bacio di Biano) che a tu per tu con il portiere è bravo a crederci e a ribadire in porta la prima respinta del portiere; poco dopo da un lancio dalla trequarti sinistra svetta in cielo Selimbasic, che sfrutta l’indecisione tra Camusso e Mauro e trova l’incrocio dei pali. Nel primo tempo potrebbe arrivare anche il 3-0 siglato Anselmo, ma ci pensa Baravallo a parare il tiro dell’attaccante.

Nella ripresa il Pinerolo ingrana al meglio e torna ad essere la concreta ed incisiva squadra dello scorso anno. La Cheraschese va in difficoltà e gli ospiti trovano il meritato gol del 2-1, grazie alla rete caparbia di Campanella (tiro da fuori, brutta respinta di Falco, duello fisico vinto con Selimbasic e tap in facile), rinvigorito dalla pausa negli spogliatoi ed entrato in campo con la garra giusta. Ancora una volta nel momento di maggiore spinta del Pinerolo la Cheraschese colpisce e chiude definitivamente i giochi. Palla sanguinosa persa sulla trequarti da Bosio, Likaj agguanta la sfera e serve Anselmo che, con un preciso diagonale, buca Baravallo. I nerostellati si compattano dietro e resistono agli ultimi assalti del Pinerolo, soprattutto grazie agli interventi di Falco, prima su Incarbone e nel finale su Ongaro, riscattando l’errore sul gol del 2-1. Con l’ultima parata del portierone di casa la Cheraschese certifica un successo importante che, oltre ai 3 punti, può portare la giusta consapevolezza per una stagione al vertice.

 

IL TABELLINO

CHERASCHESE – PINEROLO 3-1
RETI (2-0; 2-1; 3-1): 18′ Likaj (C), 19′ Selimbasic (C), 6′ st Campanella (P), 16′ st Anselmo (C).
CHERASCHESE (4-3-3):
Falco 6, Coltelluccio 7 (30′ st Pani 6), Alessio 7, Battaglino 6.5, Marenda 7, Selimbasic 7, Serra 7, Biano 6.5 (2′ st Polizzi 6), Anselmo 7.5 (30 st Delpiano 6), Likaj 8 (35′ st Monchio sv), Garello 6.5 (40′ st Fissore sv). A disp. Greco, Brambati, Dallorto, Olivero. All. Barberis 7.5.
PINEROLO (3-5-2):
Baravallo 6.5, Tonello 5.5 (25′ st Boetto 6), Odin 5.5, Vottero 5.5, Camusso 5 (41′ st Occhetti sv), Mauro 5, Campanella 6.5, Bosio 5.5 (30′ st Musso 6), Ongaro 5.5, Incarbone 6.5 (22′ st Losano 6.5), Micelotta 6 (18′ st Nuccio 6.5). A disp. All. Primerano 6.
AMMONIZIONI: 28′ Biano (C), 39′ Camusso (P).
ARBITRO:
Barbieri di Bra 7 Pochissimi errori, non perde mai di mano la partita.

 

LE PAGELLE

CHERASCHESE
All. Barberis 7.5 Squadra solida e propositiva, capace anche di soffrire. I Lupi stanno raggiungendo la giusta maturità da big.
Falco 6
La rete del Pinerolo arriva dopo una sua respinta poco convincente, ma si riscatta con due grandi parate su Incarbone e Ongaro.
Coltelluccio 7
Mattatore sulla fascia destra, un totem invalicabile in ripiegamento e una spina nel fianco aggiuntiva quando si attacca.
30′ st Pani 6 15′ di qualità.
Alessio 7
Meno interventi spettacolari rispetto al gemello di fascia, ma non meno efficace in entrambe le fasi.
Battaglino 6.5
Elegante e preciso, leader silenzioso di un centrocampo fisico e agile. Quando c’è da mettere ordine, la squadra si affida a lui.
Marenda 6.5
Nonostante qualche piccolo errore gioca una partita ottima, gestendo bene la difesa.
Selimbasic 7
Primo tempo perfetto: non sbaglia nulla in difesa e segna un gol da vero bomber di razza. Qualche colpa sulla rete di Campanella, reo di esser stato poco reattivo nel chiudere il centrocampista.
Serra 7
Letale nei calci piazzati, letale nei lanci lunghi: avere una mezzala così in campo è fondamentale.
Biano 6.5
In combinazione con Serra danno un grosso aiuto al tridente nerostellato nel primo tempo.
2′ st Polizzi 6 Partita ordinata, poche sbavature in mediana.
Anselmo 7.5
Lavora al servizio della squadra, tra sponde e inserimenti che spesso portano a chiare occasioni da gol. Chiude i giochi con un potente e preciso destro all’angolino.
30′ st Delpiano 6 Combatte con il coltello tra i denti.
Likaj 8
Mattatore di giornata: sblocca l’incontro con un gol caparbio, si inserisce tra i tre centrali pinerolesi con gran facilità e recupera un pallone sulla trequarti che porta al definitivo 3-1.
35′ st Monchio sv
Garello 6.5
Il primo a farsi vedere, concludendo un’azione innescata da Anselmo ma trovando il piede di Baravallo. Va raramente al tiro, ma apre tanti spazi per i compagni.
40′ st Fissore sv

PINEROLO
All. Primerano 6 La sua squadra paga tante sbavature che vanno assolutamente evitate. Il Pinerolo deve ripartire dagli ottimi primi 15′ della ripresa.
Baravallo 6.5
Già dai primi minuti si supera con un super intervento di piede, replicandosi poi più avanti con altri interventi.
Tonello 5.5
Likaj lo mette in grande difficoltà, si ritrova spesso limitato nella fase difensiva e crea poco in avanti.
25′ st Boetto 6 Si mette a sinistra e dà l’anima per la causa.
Odin 5.5 Nonostante i meno errori rispetto ai compagni di reparto non è la sua miglior giornata.
Vottero 5.5
Nel primo tempo è uno dei pochi a salvarsi, sente la stanchezza nei secondi 45′.
Camusso 5
Si perde completamente Selimbasic sul 2-0. Non riesce a riscattare la partita successivamente.
41′ st Occhetti sv
Mauro 5
Divide le complicità del gol con Camusso: i due non si capiscono e la Cheraschese va sul 2-0.
Campanella 6.5
Dopo un primo tempo in ombra accende la luce e trascina la squadra con un secondo tempo ad alta intensità. Il gol è la ciliegina sulla torta.
Bosio 5.5
Fa quel che può per mantenere l’ordine in cabina di regia. Perde un pallone sanguinoso che porta al 3-1.
30′ st Musso 6 Fa rifiatare il centrocampo inserendo forza fisica alla manovra.
Ongaro 5.5
Poco nel vivo della manovra, crea pochi pericoli dalle parte di Falco se non nel finale.
Incarbone 6.5
Leader offensivo del Pinerolo, le prova tutte per riportare in carreggiata i suoi.
22′ st Losano 6.5 Ha la marcia giusta per poter incidere, mette in buone condizioni i compagni per far male alla Cheraschese.
Micelotta 6
Fa su e giù sulla fascia senza sosta, esce esausto dal campo.
18′ st Nuccio 6.5 Grande impatto sulla gara, ci prova con un paio di tiri da fuori.

 

LE INTERVISTE AGLI ALLENATORI

Dario Barberis, allenatore Cheraschese: «È ancora prematuro definirci una big del girone: dopo sole due gare è ancora troppo presto definire le gerarchie in un gruppo così difficile. Abbiamo dominato buona parte della gara, tolta la prima parte della ripresa in cui abbiamo subito il gol del momentaneo 2-1. Ho la fortuna di lavorare con un gruppo di amici: è importante che i ragazzi siano legati dal punto di vista umano, favorendo così il piano tecnico. Do grandi meriti ai 2001 e ai 2002 rimasti con noi».

Domenico Primerano, allenatore Pinerolo: «Buona prestazione da parte nostra, secondo me migliore di quella della Cheraschese. Abbiamo provato a giocare a calcio sempre, riuscendo anche a lunghi tratti rispetto alla poca costruzione loro e a frequenti lanci lunghi. Sono modi di giocare diversi, io preferisco gestire la manovra e giocare a calcio. Ho visto qualche sbavatura ma ci sta, siamo una delle rose più giovani del campionato e dobbiamo ancora trovare i giusti equilibri, c’è da lavorare ma oggi devo solo fare i complimenti ai miei. Le occasioni le abbiamo avute, paghiamo gli errori individuali in costruzione, ma sono errori che ci stanno se lavoriamo per raggiungere un buon livello di gioco».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli