17 Maggio 2021

PancalieriCastagnole – Monregale Under 19: orgoglio monregalese, cinquina in 45′

Le più lette

Fanfulla-Ponte San Pietro Serie D: doppio De Angelis e un super Cizza fanno volare Ciceri, a Curioni non basta Moraschi

Quattro reti, tre rigori, un palo, una traversa e alcune polemiche, soprattutto per qualche decisione arbitrale nel primo tempo....

Juventus-Napoli Serie A Femminile: la fotogallery della festa Scudetto

La Juventus ha conquistato il suo quarto Scudetto consecutivo in altrettanti anni di attività della prima squadra. La festa...

Valceresio Under 15, Marchesi: «Non sono i ragazzi a nostro servizio per i successi, ma noi al loro per farli crescere»

Gruppo solido e con una forte voglia e determinazione è il Valceresio Under 15 del campionato provinciale di Varese....
Avatar
Daniele Moccia
Responsabile Eccellenza - Promozione Piemonte Promozione Girone B

Gara a due facce, con tanto di risultato a sorpresa: il PancalieriCastagnole di Luca Grandi cade rovinosamente, perdendo 5-1 contro la Monregale di Marco Rocca, in grado di segnare 5 reti in 45′.

Ai padroni di casa non basta un primo tempo dominato, ben giocato da ogni reparto e soprattutto con pochissimi rischi. In una ripresa apparentemente facile da gestire, il PancaCasta subisce il ritorno arrembante dei Galletti, bravi a crederci e bravi a giocare un tempo ad altissima qualità. Nonostante le (giuste) proteste per alcuni episodi accaduti nelle azioni dei gol monregalesi, i ragazzi di Grandi devono ancora migliorare molto, soprattutto sul piano della gestione del risultato.

Il 4-3-1-2 dei granata lascia comunque ottimi segnali (soprattutto sulla trequarti, con Iacolino coadiuvato da Meneguzzo), anche se qualche disattenzione difensiva da parte dei due centrali Boiero e Galvagno poteva essere evitata. Al 4-3-3 dei Galletti invece serve tempo per ingranare: quando la squadra di Rocca riesce ad attaccare bene la profondità le azioni pericolose fioccano e l’impressione è che i biancorossi possano far male a chiunque.

Partenza a razzo da parte dei granata di Grandi, subito pericolosi grazie a un recupero palla sulla trequarti, che favorisce la discesa a rete di Iacolino che però schiaccia troppo il mancino e tira larghissimo. Gli ospiti reagiscono abbastanza bene al grosso rischio iniziale, soprattutto sul piano della manovra, anche se tolto un tiro al volo (terminato alto) di Chiera le occasioni stentano ad arrivare. Sono infatti i padroni di casa a passare in vantaggio al 13′, grazie al corner da sinistra di Scaccuto che pesca la testa di Meneguzzo, bravo a superare Calimera e a indirizzare all’incrocio la sua incornata. La reazione dei Galletti di Rocca stenta ad arrivare, mentre Grandi dalla panchina pilota col telecomando i suoi ragazzi. La linea difensiva e quella mediana tengono bene, grazie soprattutto ai recuperi di Peretti e alle chiusure di Galvagno e Boiero, bravi a non perdere mai la concentrazione. Il PancaCasta crea ancora e su un altro errore in mediana della Monregale, questa volta di Calimera, arriva la palla gol di Scaccuto, bravo a scattare e a farsi trovare pronto sulla palla filtrante di Iacolino, ma impreciso nella conclusione mancina.

Nella pausa, però, nella mente dei Galletti scatta la molla giusta, che tanto è mancata nei primi 45’. La squadra di Rocca, che non aveva pressoché creato nulla nel primo tempo, segna tre reti in dieci minuti, indirizzando definitivamente la gara. Dopo 2’ arriva il pari sugli sviluppi di un cross da destra di Candela (bravo a partire alle spalle di Carrino), che trova l’intercettazione di Boiero che però finisce nella sua porta. Lo sfortunato autogol dei granata dona le giuste energie agli ospiti che al 7’ trovano il secondo gol, sfruttando ancora la fascia destra battuta da Candela, bravo a servire dentro Barberis (che scatta in sospetto fuorigioco) e ancor più bravo a infilare Fabio Dora sul primo palo. Il tris biancorosso lo completa Calimera dal dischetto, bravo a concretizzare il penalty conquistato da Chionetti, falciato da Alessandro Dora (anche se fuori area). La reazione dei granata, completamente storditi dall’improvvisa riscossa degli ospiti, non arriva se non con un timido tentativo da parte di Meneguzzo, ancora il più attivo dei suoi. Mentre la partita si innervosisce, la Monregale gestisce in scioltezza la partita, soffrendo poco (Rocca riesce anche a registrare la difesa) e creando altri pericoli agli avversari. A complicare un secondo tempo buio pesto, ci sono anche gli errori individuali: al 30′ Fabio Dora non si capisce con Galvagno, il pallone sguscia e ne approfitta un furbo Chiera che insacca a porta vuota. In una delle tante discese in contropiede dei Galletti si chiude l’incontro al 43′, con Comino lanciato a rete sulla destra, cross dal fondo (con il pallone che però era uscito), palla raccolta da Calimera che prende la mira e insacca con un gol alla Del Piero. Al Pancalieri di Grandi resta il buon primo tempo, ma serve rialzarsi al più presto dopo le 5 reti subite nella ripresa.

IL TABELLINO

PANCALIERICAST.-MONREGALE CALCIO 1-5
RETI (1-0, 1-5): 13′ Meneguzzo (P), 2′ st aut. Boiero, 7′ st Barberis (M), 10′ st rig. Calimera (M), 30′ st Chiera (M), 43′ st Calimera (M).
PANCALIERICAST. (4-3-1-2): Dora F. 5.5, Grembi 6 (1′ st Carrino 5.5), Dora A. 5.5, Galvagno 5.5, Boiero 5.5 (40′ st Reginato sv), Peretti 6, Meneguzzo 6.5, Russo 5.5 (31′ st Rosso sv), Alibeu 5.5 (31′ st Pepi sv), Iacolino 6 (13′ st Carena 6), Scaccuto 6. All. Grandi 5.5.
MONREGALE CALCIO (4-3-3): Sciandra 6, Schellino F. 6 (26′ st Rossi 6), Comino 6 (20′ st Dardanello 6), Hoxha 5.5, Gonella 6.5, Chionetti 6.5, Candela 7, Bertolino 6 (16′ st Comino 6.5), Chiera 6.5 (30′ st Bruno 6.5), Calimera 7, Barberis 7 (43′ st Lubatti sv). All. Rocca 7.
ARBITRO: Romano di Pinerolo 5 Dopo un primo tempo ordinario, ma in estrema difficoltà nella ripresa. 3 delle reti della Monregale sono viziate da sviste.
AMMONITI: 35′ Iacolino (P), 36′ Peretti (P).


LE PAGELLE

PANCALIERICASTAGNOLE
All. Grandi 5.5 Al di là degli errori arbitrali, è inspiegabile un tracollo nel genere dopo un primo tempo così convincente. Serve migliorare sul piano della gestione del risultato e dei nervi.
Dora A. 5.5 Ha le colpe sulla rete del 4-1, ma in generale perde le sicurezze che aveva nel primo tempo.
Grembi 6 Dà sostanza e quantità nella spinta sulla fascia, bravo soprattutto in fase di copertura.
1′ st Carrino 5.5 45′ davvero difficili fin dai primi minuti, dove si trova in ritardo nel chiudere Candela nell’azione del pareggio.
Dora F. 5.5 Si fa sorpassare da Chionetti e si trova costretto a falciarlo. Teoricamente gli costa un rigore, anche se il fallo è fuori area.
Galvagno 5.5 Complice con Alessandro Dora nella rete di Chiera. Così come il resto del reparto è protagonista di un secondo tempo da incubo.
Boiero 5.5 L’autogol è solo la punta dell’iceberg dei 45′ giocati in grande difficoltà.
40′ st Reginato sv
Peretti 6 Una mole immensa di palloni recuperati nel primo tempo, in grado di rilanciare i suoi in ripartenza. Cala d’intensità nel secondo tempo.
Meneguzzo 6.5 Ha il merito del bel gol che sblocca la gara, oltre a trascinare sul piano tecnico la sua squadra. Prova a strigliare i suoi nella ripresa, ma non basta.
Russo 5.5 Meno incisivo di Meneguzzo, va anche maggiormente in difficoltà rispetto al compagno di reparto.
31′ st Rosso sv
Alibeu 5.5 Poco cercato dai compagni, anche nel primo tempo non riesce a rendersi davvero pericoloso.
31′ st Pepi sv
Iacolino 6 Parte malissimo divorandosi un gol a tu per tu con Sciandra, cresce molto nel corso del primo tempo. Inevitabile calo nella ripresa, esce esausto.
13′ st Carena 6 Gara più di quantità che di qualità.
Scaccuto 6 Assist preciso per Meneguzzo, bravo anche a ritagliarsi degli spazi invitati per concludere a rete.

MONREGALE
All. Rocca 7
Il bel gioco espresso nel secondo tempo è un monito per molte avversarie del girone. La Monregale può far punti con chiunque.
Sciandra 6
Sul gol può poco, acquista maggiore sicurezza nel secondo tempo, riducendo gli errori quasi a zero.
Schellino F. 6
Sulla sua corsia il PancaCasta crea molto, specialmente nel primo tempo. In crescita col passare dei minuti.
26′ st Rossi 6
19′ positivi, senza sbavature.
Comino 6
In coppia con Candela semina il panico a sinistra, proponendosi in interessanti sovrapposizioni.
20′ st Dardanello 6
Forze fresche in corsia, ara la fascia e dà manforte ai compagni. 
Hoxha 5.5
Appare quello in maggiore difficoltà in difesa: patisce il dinamismo degli incontristi granata.
Gonella 6.5
Da buon capitano ha il compito di tenere compatta la squadra anche nel momento più difficile. Ha molto da fare nel primo tempo, ma il suo compito lo svolge bene.
Chionetti 6.5
Si smarca facilmente per poi inserirsi tra le linee, seminando il panico. In una delle sue scorribande, si guadagna il rigore.
Candela 7
Il primo ad alzare il ritmo dell’armata biancorossa: dai suoi piedi nascono le prime due reti della Monregale.
Bertolino 6
Tanta intensità, anche se ogni tanto manca la precisione.
16′ st Comino 6.5
Vero e proprio ariete offensivo, si piazza davanti a fare la sponda.
Chiera 6.5 (in foto)
Nel primo tempo è completamente in ombra, cresce con la squadra nella ripresa. Bravo a crederci e a sfruttare l’errore difensivo granata segnando il 4-1.
30′ st Bruno 6.5
In 15′ semina il panico in ripartenza.
Calimera 7 (in foto)
Nonostante qualche errore in disimpegno di troppo il suo contributo alla vittoria è fondamentale. Il gol che chiude la gara è un’autentica perla.
Barberis 7 (in foto)
La Monregale si affida a lui quando non riesce a giocare palla a terra. Vede bene la porta e spesso coglie la possibilità di inserirsi negli spazi lasciati scoperti.
43′ st Lubatti sv

 

LE INTERVISTE AGLI ALLENATORI

Luca Grandi, allenatore PancalieriCastagnole: «Abbiamo spento completamente la luce, non siamo riusciti a capire i punti cardine avversari, lasciandogli il pallino del gioco. Voglio fare i complimenti alla Monregale per la partita: hanno un gran gioco palla a terra, Rocca è stato bravissimo a dare un’impronta precisa alla sua squadra».

Marco Rocca, allenatore Monregale: «Abbiamo patito molto le palle alte, soprattutto nei calci piazzati. Dopo che fai sbloccare la partita agli avversari da calcio d’angolo diventa tutto più difficile: noi ci innervosiamo e loro prendono fiducia. Appena abbiamo iniziato il secondo tempo abbiamo trovato il pari, invertendo la situazione psicologica nostra e loro. Abbiamo trovato un buon palleggio e il giusto attacco alla profondità: il lavoro fatto in settimana si è visto».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli