Marco Torre e Simone Zampieron, entrambi 2000 del Calcio Derthona
Marco Torre e Simone Zampieron, entrambi 2000 del Calcio Derthona

Le grandi squadre sanno volgere a proprio vantaggio anche un solo episodio. Le grandi squadre giocano a due tocchi, anche in condizioni difficili. Le grandi squadre si costruiscono dalla difesa. La Coppa Piemonte è la sfida tra grandi squadre per eccellenza, dunque fin dalla prima giornata, la sfida tra Saluzzo e Derthona degli under 19 rispecchia perfettamente tutto ciò che si pensa di queste corazzate e lascia con il fiato sospeso fino all’ultimo minuto. Avvio a modulo speculare, il 4-3-2-1, con la punizione di seconda ben calciata a lato da Caula al 7’ tra le poche vere chance della prima frazione. Il campo sconnesso e il timore di sbagliare condizionano il gioco, nessuno azzarda il pressing alto e il nervosismo latente rompe sul nascere gli spunti individuali, condizionando anche le prestazioni dei rispettivi numeri 10, Berardo e Maftei. La seconda chance arriva dunque ad inizio ripresa, quando Torre smanaccia fuori un angolo, Allasia batte a rete ma Orsi salva di testa sulla riga di porta. Il Saluzzo allunga un po’ le proprie maglie ma il doppio attaccante del Derthona compromette la costruzione dal basso avversaria, alzando di conseguenza il baricentro dei leoni. Al 6’ un rinvio corto di Supertino mette Echimov in condizione di battere a rete da sinistra ma l’esterno mancino del numero 11 si spegne di poco alla sinistra del primo palo. Il trequartista ospite non si scoraggia e ci riprova con una bella torsione di testa sulla punizione di Rolandi al 20’ ma il tuffo plastico di Martini è provvidenziale, palla in calcio d’angolo. Proprio da una battuta dalla bandierina arriva sul versante opposto, 5’ dopo, la chance più ghiotta dell’incontro: Terragno crossa basso, la palla schizza tra i piedi nell’area piccola, arriva sui piedi di Cossotto che calcia a botta sicura ma Torre va giù come un gatto e si oppone miracolosamente sulla riga di porta. Il Saluzzo ha dalla sua la gestione della palla, il Derthona ci prova di rimessa fino al 41’, quando il pressing alto di Ippolito manda in tilt capitan Supertino, l’esterno dei leoni crossa in mezzo e trova la mezza rovesciata di Echimov, sulla quale però Martini risponde a Torre superandosi in tuffo alla propria sinistra. Con uno 0-0 scritto, serve uno strappo sulla pagina. E a portarlo ci pensa il capitano – acquisito – Zampieron, che dal calcio d’angolo battuto da Rolandi e sporcato di tacco da Echimov, si apposta sul secondo palo e spinge in porta da due passi un pallone infuocato. Non c’è più tempo per il ribaltone del Saluzzo, Ippolito a fine gara è comunque soddisfatto per un finale di stagione che può solo confermare il gran lavoro svolto dai suoi campioni, mentre il Derthona si dimostra ancora una volta squadra tosta, compatta e letale nel volgere a proprio favore gli episodi.

CLICCA QUI PER ASCOLTARE L’INTERVISTA A DAVIDE IPPOLITO

CLICCA QUI PER ASCOLTARE L’INTERVISTA A MAURIZIO LO PICCOLO

Saluzzo-Calcio Derthona 0-1
Rete: 42’ st Zampieron.
Saluzzo (4-3-2-1): Martini 7, Qira 7 (39’ st Rossi sv), Caula 6.5, Supertino 6, Rivarosa 5.5 (8’ st Palushy 6.5), Terragno 6.5 (39’ st Forgia sv), Mondino 6, Allasia 6 (43’ st Ponso sv), Cossotto 6.5, Berardo 5.5, Depetris 6.5 (18’ st Allemano 6.5). A disp. Nardi, Barroero, Kodra, Reda. All. Ippolito 6. Dir. Giacoletti.
Calcio Derthona (4-3-2-1): Torre 7.5, Porreca 6.5, Rolandi 7, Orsi 7.5, Zampieron 8, Krekaj 6.5, Rampoldi 6 (1’ st Concolino 6.5 (39’ st Ippolito sv)), Gugliada 6.5, Balestrero 5.5 (1’ st Petek 6.5), Maftei 6 (33’ st Gassani 6.5), Echimov 7. A disp. Porrati, Rava, Rama. All. Lo Piccolo 7.5. Dir. Torre.
Ammoniti: 20’ Echimov (D), 20’ Berardo (S), 37’ Krekaj (D), 35’ st Zampieron (D), 49’ st Forgia (S).
Arbitro: Terreno di Cuneo 7.5: Grazia Maftei ma per il resto è solo protagonista in positivo, esemplare.

SALUZZO

Martini 7 Sembra rispondere a tono a Torre, peccato il gol arrivato dopo il miracolo.
Qira 7 Echimov è un avversario che morde, finché c’è lui però non si passa. 39’ st Rossi sv.
Caula 6.5 Piedi educati, difficili da trovare nei centrali difensivi di periferia.
Supertino 6 Un paio di valutazioni errate in una gara tutto sommato positiva.
Rivarosa 5.5 Brutta chiusura di frazione. 8’ st Palushy 6.5 Sa reggere anche da ultimo baluardo.
Terragno 6.5 Non si scoraggia dopo un paio di brutte giocate e cresce tanto. 39’ st Forgia sv.
Mondino 6 Pochissime buone chance, premiato il sacrificio anche in fase difensiva.
Allasia 6 Il lavoro sporco di rottura e ripartenza tocca a lui, lo compie. 43’ st Ponso sv.
Cossotto 6.5 Tecnica sopraffina, fisico e visione. Attaccante moderno, urlo strozzato da Torre.
Berardo 5.5 Buone giocate ma quando è preso di mira rischia di lasciare i suoi sempre in 10.
Depetris 6.5 Pendolo in fascia, a ritmo altissimo. 18’ st Allemano 6.5 La mette giù con classe.
All. Ippolito 6 I suoi la gestiscono ma gli episodi sorridono al Derthona.

Saluzzo
Saluzzo

CALCIO DERTHONA

Torre 7.5 Sa prendersi rischi nelle uscite e si supera su Cossotto, tra i match-winner.
Porreca 6.5 Un’incomprensione con Torre rimediata nell’arco di 90’ di tenacia.
Rolandi 7 Si toglie anche la soddisfazione dell’assist, oltre all’attenta copertura.
Orsi 7.5 Fino al gol, l’MVP dei suoi. Lui e Zampieron sfiorano l’intesa perfetta.
Zampieron 8 Con la fascia al braccio vede già dove andrà la palla: superpotere da veggente.
Krekaj 6.5 Gli tocca sudare e sbuffare per tappare i buchi centrali: si difende.
Rampoldi 6 Corrente alternata. 1’ st Concolino 6.5 Alza il pressing fino al k.o. 39’ st Ippolito sv.
Gugliada 6.5 Cementifica il centrocampo nella ripresa, diventando invalicabile.
Balestrero 5.5 Discontinuo in fase di disturbo. 1’ st Petek 6.5 Tra le mosse giuste di Lo Piccolo.
Maftei 6 Tecnica, grinta, fisico ma troppi nervi. 33’ st Gassani 6.5 Azzecca un paio di palloni di fino.
Echimov 7 Poco gli importa risultare simpatico: il Mandzukic total black va spesso vicino al gol.
All. Lo Piccolo 7.5 La Dea Bendata assiste le sue (corrette) mosse scacchistiche.

Calcio Derthona
Calcio Derthona