SuperOscar Under 19 Rosta
SuperOscar Under 19 : il Rosta di Fabrizio Savino e Massimo leone (foto Cassarà)

Quarti di finale pazzeschi per il SuperOscar Under 19; il Rosta dopo l’Alpignano elimina anche la Pro Eureka, di nuovo ai calci di rigore; anche il Lucento passa tramite i tiri dal dischetto dopo essersi fatto raggiungere dal Venaria rimasto in 8 per le espulsioni di Campanella, Matees e Vivarelli.

Il Rosta, iscritto ai campionati Provinciali, affronterà in semifinale la vincente di ChieriCBS (in campo oggi alle 19:00 in corso Sicilia), mentre il Lucento se la vedrà con una tra Gassino e Borgaro (oggi alle 20:30). Domenica alle 17 e alle 18:30 sono in programma le due semifinali, infine le finali si disputeranno martedì 10 settembre sempre in corso Sicilia 58 (3° posto alle 19:00, 1° posto alle 20:30).

Nella prima gara, campo CBS, la Pro Eureka di Alessio Billia riesce a scardinare la retroguardia del Rosta al 3′ della ripresa quando il direttore di gara vede un fallo di mano in area biancorosso. Federico Pansini, che già aveva calciato il rigore decisivo agli ottavi domenica contro il Mirafiori, ha il piede caldo e dagli 11 metri insacca alle spalle di capitan Verrengia. Dopo 10 minuti Regaldo conquista un altro rigore, ma se il destro di Pansini è caldo, i guantoni di Verrengia sono bollenti: il numero uno del Rosta, anch’egli protagonista agli ottavi con il rigore finale parato a Imperadore dell’Alpignano, si tuffa sulla sua destra e respinge il calcio d’angolo. Il Rosta gioca la carta Federico Da Col, un’altra punta ad affiancare i “giganti” Davor Cerini e Luca Morabito: e il coraggio viene premiato all’ultimo minuto, quando il numero 17 infila Rizzato e manda tutti a i rigori, dove Dennys Verrengia è monumentale andando a togliere dall’angolino basso il tiro di Damiano Rolle. Capitano contro capitano. Per l’Eureka sbaglia anche Pietro Formia, il Rosta li segna tutti e vola in semifinale.

PRO EUREKA-ROSTA 3-5 dopo i calci di rigore
RETI (1-0, 1-1): 3′ st rig. Pansini (P), 35′ st Da Col (R).
SEQUENZA RIGORI: Rima (P) gol, Cerini (R) gol, Rolle (P) parato, Meotto (R) gol, Formia (P) alto, De Mattia (R) gol, Segretario (P) gol, Morabito (R) gol.
PRO EUREKA (4-3-3): Rizzato; Carnazza, Rolle, Tameu (15′ st Brataj), Rima; Estrada, Moriello (27′ st Gaudino), Segretario; D’Alessandro (1′ st Regaldo), Formia, Pansini. A disp. Petruzzelli, Viziale. All. Alessio Billia. Dir. Chiarle, Zito.
ROSTA (4-3-1-2): Verrengia; Leone (24′ st Meotto), Vartolo, Talucci, Donnarumma (27′ st Dema); Picari (1′ st Furlan), Trevisi (1′ st Patruno), Careri (23′ st Da Col); De Mattia; Cerini, Morabito. All. Fabrizio Savino-Massimo Leone. Dir. Meotto, Careri.
ARBITRO: Ruggieri di Collegno.
AMMONITI: 26′ Rolle, 29′ Tameu, 10′ st Patruno, 21′ st Donnarumma, 25′ st Formia, 33′ st Gaudino.
NOTE: 13′ st Verrengia para un rigore a Pansini.

SuperOscar Under 19 Pro Eureka
SuperOscar Under 19 : la Pro Eureka (foto Cassarà)

Partita infuocata tra Lucento e Venaria, quattro cartellini rossi, di cui i primi tre per gli arancioverdi di Emanuel Urbano che, in otto e sotto di un gol, sono riusciti a portare la gara ai calci di rigore. Attenzione però, non è stata assolutamente una partita cattiva: i ragazzi hanno assistito insieme alla prima sfida tra Rosta e Pro Eureka e al rientro negli spogliatoi si sono salutati in amicizia. Passa in vantaggio il Lucento con una semi rovesciata in mischia del centrale Mattia Saglimbeni, sugli sviluppi di palla inattiva. Nella ripresa prima il rosso a Andrea Campanella per fallo assolutamente involontario su Samuele Lo Monaco (che infatti al momento della sua espulsione andrà ad abbracciare il capitano del Venaria), successivamente fuori anticipatamente anche Matees e Vivarelli. Il Venaria resiste in otto, rischia qualcosa ma resta sempre pericoloso sui calci di punizione, magistrale quello di Loris Papagno che infila all’incrocio dei pali il pallone che porta direttamente ai rigori. Dagli 11 metri Christian Guidi respinge la conclusione di Barcelos, mentre Federico Nicola riesce solo a sfiorare quella di Epifani. Il rigore finale dello specialista Stefano Ciurleo proietta il Lucento tra le prime quattro.

LUCENTO-VENARIA 6-4 dopo i calci di rigore
RETI (1-0, 1-1): 29′ Saglimbeni (L), 35′ st Papagno (V).
SEQUENZA RIGORI: Ricci (L) gol, Mariella (V) gol, Fantino (L) gol, Scardino (V) gol, Saglimbeni (L) gol, Barcelos (V) parato, Epifani (L) gol, Papagno (V) gol, Ciurelo (L) gol.
LUCENTO (4-3-3): Guidi; Borin, Ricci, Saglimbeni, Ghiazza; Sacco (29′ st Fantino), Spione, Ciurleo; Di Leo (26′ st Gelmini), Epifani, Mazzara (10′ st Lo Monaco). A disp. Beruto, Contino, Lontrato, Castellino. All. Gianfranco Maione. Dir. Pesce, Ciurleo, Mazzara.
VENARIA (4-3-3): Nicola; Scardino, Pipicella, Campanella, Barcelos; Consoli (15′ st Mariella), Matees, Vivarelli; Furcas (23′ st Coppola), Papagno, Nicoletti (31′ st Ravo). A disp. Selvaggio, Miserendino. All. Emanuel Urban. Dir. Finetti, Furcas.
AMMONITI: 14′ st Ciurleo, 17′ st Pipicella, 28′ st Sacco.
ESPULSI: 12′ st Campanella (V), 21′ st Matees (V), 28′ st Vivarelli (V), 34′ st Lo Monaco (L).

SPRINT E SPORT DAL 1957 OGNI LUNEDI IN EDICOLA