17 Maggio 2021

Venaria: Paolo Petrucci torna in panchina, sua la guida dei 2006

Le più lette

Spal-Milan Primavera 1: punizione vincente di El Hilali, il Diavolo ora ci crede per davvero

Poteva essere la partita del sogno infranto, e invece è la partita della rinascita. Quella del Milan di Federico...

Alcione-Pro Patria Under 16: Caimi decide la gara della ripartenza, gambe ancora imballate per i ragazzi di Gentilini

La prestigiosa amichevole programmata per inaugurare la ripartenza dal brusco e rovinoso stop causato dalla pandemia, termina con la...

Casale-Folgore Caratese Serie D: D’Antoni, gol dell’ex allo scadere, punisce i nerostellati, i brianzoli inseguono i Play Off

In una partita dal sapore di Play Off, con la Folgore più vicina all’obiettivo rispetto a un Casale imbattuto...

«Sono un animale da campo, allenare è qualcosa che ho dentro di me. Mi è mancato farlo, mi è mancata l’adrenalina e lo stare con i ragazzi, soffrire e gioire con loro». Paolo Petrucci aveva abbandonato la panchina al termine della stagione 2019-2020, disputata con i 2007. La scelta di allenare gli allora Esordienti era nata dalla volontà di dedicarsi alla Scuola calcio, dopo l’ultima annata alla guida dei 2002 nel campionato Allievi (chiusero al 5° posto nel girone). Concluso il ciclo con i 2007, Petrucci si era allontanato dalla panchina, ma non dal calcio dilettantistico e non dal suo Venaria, e aveva abbracciato lo stimolante incarico di Direttore tecnico della Scuola Calcio, ruolo che continuerà a ricoprire anche nella prossima stagione. «È un compito che mi sta a cuore – commenta Petrucci – Abbiamo costruito un gruppo di lavoro collaborativo con allenatori molto partecipi, l’obiettivo è contribuire a una crescita comune per dar linfa alla Scuola calcio». Da un lato quindi la volontà di mantenere il ruolo di Direttore tecnico, dall’altro il richiamo della panchina. A conciliare le due volontà di Paolo Petrucci è stato il Venaria, affidandogli in aggiunta il timone dei 2006, guidati nell’ultima stagione da Juri Bragato, ora non più in società. «C’era l’opportunità di prendere più gruppi, ma per questioni personali e organizzative ho scelto di seguire proprio i 2006. Osservandoli poi, ho trovato un gruppo su cui si può impostare un lavoro importante, con delle belle individualità». Il neo tecnico dei prossimi Under 16 è pronto alla nuova sfida, sapendo di poter contare sulla stima del Venaria, che nel comunicato ufficiale sul proprio sito lo accoglie con queste parole: «Paolo non ha bisogno di presentazioni, tecnico di grandissima levatura e dal curriculum pesante. In questi anni si è ritagliato un ruolo sempre più grande e prezioso all’interno della società mettendo le sue conoscenze, competenze e qualità umane a disposizione dei Cervotti».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli