Peripeteia è il termine con cui nella narrativa per indicare un improvviso rovescio di fortuna o di mutamento delle circostanze, una caratteristica di cui ha ampiamente abusato George R. R. Martin nel suo Trono di Spade, celebre saga di libri e poi serie televisiva di successo. Questo è un termine che torna molto utile per descrivere Alessandria-Pro Vercelli del campionato Berretti. I Grigi, infatti, trovano la prima vittoria stagionale in un modo assolutamente clamoroso. In svantaggio dal 30′ del primo tempo, Nani e compagni hanno ribaltato la partita tra il 44′ e il 47′ del secondo tempo, chiudendo il match sul 3 a 2.

PRIMA FRAZIONE La gara si fa da subito scoppiettante, con l’Alessandria che gioca a viso aperto e pressando asfissiantemente le Bianche Casacche. Dopo i primi minuti, la Pro Vercelli prende le misure ai Grigi e inizia a farsi vedere in avanti e al 10′ si accende la stellina Matteo Maggio. Il primo squillo dell’ex Torino è al 12′, ma il suo mancino non inquadra lo specchio dei pali per una questione di centimetri. Il botta e risposta continua incessantemente, ma per vedere qualcuno rendersi pericoloso bisogna aspettare il 29, quando Bertuca spreca un’occasione colossale. L’attaccante dei Grigi, imbeccato da Poppa, davanti a Caressa non riesce ad angolare la sfera, imprimendo al tiro solamente potenza. Passa un minuto e l’Alessandria va di nuovo vicina al vantaggio. Fodrini perde palla in uscita, Poppa ci prova dalla distanza, am trova la respinta dell’estremo difensore vercellese, sulla respinta arriva Gaetano, che a due passi da Caressa sbaglia. Immediato il ribaltamento di fronte della Pro, con Maggio che riceve sulla sinistra e si accentra, Comoreanu gli lascia il piede forte e per l’ex Torino è un gioco da ragazzi portare in vantaggio i compagni. Passano nove minuti e le Bianche Casacche raddoppiano. Volpatto riceve sul lato corto dell’area di rigore sulla destra, con una magia si libera di Gaetano e va al tiro. La sua conclusione viene respinta da Marietta e sulla respinta si avventa Bernaudo che trova il gol del 2 a 0. A quel punto Rebuffi cambia le carte in tavola, abbandonando il 3-5-2 e passando al 4-2-3-1 per non concedere a Volpatto e Maggio l’uno contro uno sulla fascia. La scelta dà subito i suoi frutti e allo scadere le Bianche Casacche accorciano. Poppa viene pescato in area di rigore, lui controlla la sfera con uno stop di petto volante e viene steso da Pompilio. Il direttore di gara fischia il rigore, che viene realizzato dallo stesso Poppa.

CUORE GRIGIO Nella seconda frazione le protagoniste sono la tenuta mentale e fisica. I Grigi, infatti, rientrano dagli spogliatoi con la voglia e la determinazione di porre fine alle difficoltà di questo avvio di stagione, mentre gli ospiti sembrano quasi impauriti da questo approccio. A questo si aggiunge un calo fisico fisiologico da parte della Pro Vercelli, basti pensare che 25′ Maggio è costretto a uscire per crampi. I cambi che Fogli sceglie, poi, non danno le giuste risposte e il risultato è che l’Alessandria prende il pallino del gioco e schiaccia gradualmente i vercellesi. Fino al 40′, però, le occasioni latitano e la partita sembra ormai indirizzata verso una vittoria delle Bianche Casacche. Al 41′ si riaccende Poppa, che serve Marchesi in ottima posizione, ma quest’ultimo non trova clamorosamente la porta. Passano 3 minuti e arriva il pareggio dei padroni di casa. Fodrini sbaglia in uscita regalando di fatto la palla a Filip, Ghiozzi viene servito sulla destra e va al cross e pesca Imbergamo, ma la sua conclusione viene rimpallata. Sulla respinta al limite dell’area arriva Poppa che con un bolide buca un incolpevole Caressa e pareggia i conti. Il gol dà entusiasmo ai ragazzi di Rebuffi, mentre gli ospiti accusano il colpo. Al 47′ l’impresa si concretizza grazie alla rete del subentrato Cavanna, che trova la rete calciando con prepotenza dal centro-sinistra.

ALESSANDRIA-PRO VERCELLI IL TABELLINO

Alessandria-Pro Vercelli 3-2

RETI (0-2, 3-2): 30′ Maggio (P), 39′ Bernaudo (P), 46′ rig. Poppa (A), 44′ st Poppa (A), 47′ st Cavanna (A).

AMMONITI: Pompilio (P), Clerici (A), Comoreanu (A), Cavanna (A), Belluca (P), Marchesi (A).

ALESSANDRIA (3-5-2): Marietta 6, Comoreanu 5.5 (10′ st Marchesi 6.5), Macchioni 6, Clerici 6.5, Nani 6.5, Filip 6.5, Ghiozzi 6.5, Baldizzone 6 (35′ st Cavanna 7), Bertuca 5.5 (18′ st Imbergamo 6.5), Poppa 7.5, Gaetano 6 (10′ st Filippone 6). A disp. Cosma, Di Carlo, Minosse, Vilardi, Zeggio, Montagna, Sidella, Ravetto. All. Rebuffi 7.5.

PRO VERCELLI (4-3-3): Caressa 7, Pompilio 5.5, Pisanello 6, Raso 6.5, Fodrini 6, Vetri 6.5, Rossi 6.5 (44′ st Grupallo sv), Bernaudo 6.5 (10′ st Belluca 5.5), Valente 6.5 (25′ st Ferrari 6), Volpatto 7 (10′ st Fontana 5.5), Maggio 7 (25′ st Pittavino 5.5). A disp. Bigotti, Liberali, Mendolia, Barbuti, Di Chio, Jukaj. All. Fogli 6.

ARBITRO: Framba di Torino  5.5 Nelle scelte decisive non sbaglia, ma tante chiamate sono dubbie. Spesso angoli e rimesse laterali vengono sbagliate.

ALESSANDRIA-PRO VERCELLI LE PAGELLE

Alessandria

Marietta 6 C’è poco da fare sulle reti subite. Per il resto della gara si rivela attento e reattivo.

Comoreanu 5.5 Lascia il destro a Maggio in occasione del vantaggio vercellese, per sua fortuna non gli costa caro l’errore. 10′ st Marchesi 6.5 Entra con grande determinazione, rendendosi protagonista nel secondo tempo straordinario dei Grigi.

Macchioni 6 Decisamente meglio nella ripresa, durante la quale tiene senza troppi problemi Fontana.

Clerici 6.5 Primo tempo da sufficienza risicata, passa in difesa e dopo i primi minuti di ambientamento, diventa determinante per le sue chiusure e in fase d’impostazione.

Nani 6.5 Una certezza per tutto l’arco della partita. Prima tiene molto bene Valente e poi annulla Ferrari.

Filip 6.5 È uno di quei giocatori che rischia di passare inosservato, ma fa una quantità di lavoro sporco impressionante. Fondamentale nel mantenere gli equilibri.

Ghiozzi 6.5 Trova con estrema facilità il fondo, andando con continuità a crossare.

Baldizzone 6 Bravo nei movimenti senza palla, risultando un collante tra il centrocampo e l’attacco. 35′ st Cavanna 7 Cambio decisivo, lui ripaga la fiducia di Rebuffi segnando la rete che regala la prima vittoria stagionale all’Alessandria.

Bertuca 5.5 Spreca un’occasione colossale nel primo tempo. Buon lavoro spalle alla porta, ma serve più freddezza sotto porta. 18′ st Imbergamo 6.5 Entra con la giusta ‘garra’, riuscendo a mettere in difficoltà la difesa vercellese con la sua freschezza.

Poppa 7.5 Nonostante la rete decisiva sia di Cavanna, è lui il giocatore copertina della giornata. La doppietta è il simbolo della sua partita. È sempre dentro ogni sortita offensiva degli alessandrini, quando si illumina lui la manovra dei Grigi diventa imprevedibile.

Gaetano 6 Spreca anche lui una buona occasione nel primo tempo e patisce a tratti Volpatto. 10′ st Filippone 6

All. Rebuffi 7.5 Legge bene la partita e passa dal 3-5-2 al 4-3-1-2 cambiando il volto al match. Lavora su principi e questo si vede, perché i suoi ragazzi non patiscono il cambio di modulo. Ha dato mentalità e gioco ai Grigi. Questo punto può far ripartire la stagione dell’Alessandria.

Pro Vercelli

Caressa 7 Insieme a Maggio è tra i protagonisti di giornata. Nel primo tempo tiene in vita i compagni con due parate difficilissime.

Pompilio 5.5 Ingenuo in occasione del rigore di Poppa, nel secondo tempo cala insieme alla squadra.

Pisanello 6 Nel primo tempo riesce a tenere tutto sommato bene Ghiozzi, nel secondo tempo l’esterno dei Grigi passa con troppa facilità.

Raso 6.5 Primo di tempo di assoluta qualità per letture e impostazione, nel secondo tempo più in ombra, ma tiene botta.

Fodrini 6 Commette due errori in disimpegno che macchiano una grande prestazione. Il primo non costa alla Pro, perché Poppa e Gaetano non ne approfittano, il secondo porta al gol del pareggio.

Vetri 6.5 Voto che è una media tra il 7 del primo tempo e il 6 del secondo. Di testa svetta sempre lui.

Rossi 6.5 Cala fisicamente in modo vistoso nella seconda frazione. 44′ st Grupallo sv

Bernaudo 6.5 Il gol è una soddisfazione per il grande impegno messo. 10′ st Belluca 5.5 Non entra con il giusto mordente.

Valente 6.5 Buona prestazione nel primo tempo, nel secondo riceve meno palloni. 25′ st Ferrari 6 Sufficienza per la voglia messa in mostra. Molto isolato e poco pericoloso in contropiede.

Volpatto 7 Giocata da vedere e rivedere in occasione del 2 a 0, avesse giocato con più continuità la Pro avrebbe potuto chiudere il primo tempo con un vantaggio più ampio. 10′ st Fontana 5.5 Non sfonda quasi mai, non riuscendo a pungere quanto Volpatto.

Maggio 7 Esce per crampi. È ancora una volta il trascinatore delle Bianche Casacche. Il talento è indiscutibile e contor l’Alessandria si è visto anche spirito di sacrificio. 25′ st Pittavino 5.5 Troppe giocate sbagliate. La volontà c’è, ma non basta.

All. Fogli 6