lunedì 1 Giugno 2020 - 06:20:29

Monza – Lecco Berretti: Monguzzi sfida la legge di gravità, a Monzello è una manita importante sul Lecco

Le più lette

Villa Valle, ora è ufficiale: Marco Bolis è il nuovo allenatore della prima squadra

Era nell'aria da giorni, adesso c'è anche l'ufficialità: Marco Bolis è il nuovo allenatore del Villa Valle in Serie...

Mantova, Serie C sempre più vicina e il presidente Ettore Masiello è raggiante: «La promozione sarebbe assolutamente meritata»

L'esito del Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, che ha proposto la promozione delle prime classificate di ogni girone...

BM Sporting Under 19, Alessandro Gazzola in panchina anche nel 2020-2021

Alessandro Gazzola sarà l'allenatore del Bm Sporting Under 19 anche nella prossima stagione. È arrivata tramite i canali social...

Una ‘manita’ importante quella del Monza, una di quelle difficili da scordare, perché maturata in novanta minuti in cui sono emerse tutte le emozioni che può regalare una partita di calcio. I ragazzi di Monguzzi dimostrano di saper soffrire, di saper incassare, ma soprattutto di mandare al tappeto una delle squadre più forti del torneo, il Lecco, che ora è ufficialmente in crisi. La prima frazione di gioco di Monzello è ricca di spunti e riserva, sin dalle primissime battute, delle sorprese. La partenza è decisamente in discesa per il Lecco, che dopo soli due giri di lancette è avanti: Lombardi perde rovinosamente un pallone sulla trequarti campo, contrastato da Cateni, che parte in velocità, chiude un lungo uno-due con Arienti e batte Cristini, per la rete dell’1-0. Un fulmine a ciel sereno per i biancorossi, che subiscono un contropiede letale, un’arma più volte ripetuta nel corso del match dagli uomini di Carli. A vantaggio acquisito i blucelesti non cambiano tattica e optano per l’attesa e le ripartenze, scelta che concede spazio ai ragazzi di Monguzzi, che al quarto d’ora sfiorano il pari con la gran giocata di Goffi, che libera sul secondo palo Bernacchi, che leggermente in ritardo non arriva in spaccata. È il preludio al pareggio, che matura tre minuti più tardi, con la discesa sulla fascia di Perego, che si appoggia intelligentemente allo stesso Goffi, il quale libera con una magia di prima intenzione Colferai, che da due passi non perdona e supera ferocemente Ferrara, pareggiando i conti. Gli ospiti, subito il pari, provano a reagire nei minuti successivi, quando un altro contropiede sull’asse Cateni-Arienti, porta alla conclusione Cornettone, ma il suo destro è facile preda per Cristini. Ma i padroni di casa occupano meglio il campo e costruiscono, scelta che porta al raddoppio alla mezz’ora: Goffi, al limite dell’area, pesca con una prelibatezza Calabrò, che s’incunea dalla sinistra, ringrazia ed infila Ferrara, fissando il parziale sul 2-1. Nella ripresa lo spartito non cambia e il Monza, dopo un solo minuto, si porta sul 3-1 ed azzanna definitivamente il Lecco: Calabrò pesca sul filo del fuorigioco Colferai, che sulla corsia di sinistra aggira Ferrara in uscita, scarica al centro per Locati, che prepara una conclusione che non lascia scampo allo stesso Ferrara, rientrato nel frattempo tra i pali. I ritmi sono alti, il match frizzante e così i blucelesti, sotto di due, trovano la forza per riaprirla con lo stacco imperioso di Brambille, su corner di Morlandi. I minuti successivi sono un fluire di tempo, con Monguzzi a predicare calma e gestione del risultato acquisito e Carli ad inserire Romeo e Nappo per provare a ribaltarla. I padroni di casa subiscono le sortite ospiti e rischiano più volte di essere riacciuffati, ma Cristini si supera su Cateni prima e su Zangrillo poi. La gestione del risultato, però, non è contemplata dall’undici biancorosso, che con una grandissima energia chiude all’attacco, trovando al 37’ la rete del 4-2, con la deviazione decisiva di Brambille, sul traversone di Sacchini, e quella del definitivo 5-2, proprio allo scadere, con il missile dalla lunga distanza di Cerrina, che con freddezza siberiana chiude i conti. Per il Monza una vittoria più che meritata, maturata in novanta minuti da montagne russe, per il Lecco una sconfitta che fa molto male e che allunga il distacco dalla capolista Novara e fa avvicinare minacciosamente il Renate.

Il tabellino di Monza – Lecco Berretti

MONZA – LECCO 5-2
RETI (0-1; 3-1; 3-2; 5-2): 2’ Cateni (L), 18’ Colferai (M), 30’ Calabrò (M), 1’ st Locati (M), 10’ st Brambille (L), 37’ st aut. Brambille (L), 45’ st Cerrina (M).
MONZA (4-3-1-2): Cristini 7, Perego 7 (38’ st Baggio sv), Sacchini 6.5, Bernacchi 6.5, Lombardi 5.5 (29’ st Folla sv), Brusa 6.5, Calabrò 7.5, Robbiati 6 (17’ st Cerrina 7), Locati 7 (29’ st Khvedelidze sv), Goffi 7 (17’ st Pio Loco 5.5), Colferai 7.5. All. Monguzzi 8. A disp. Bozzato, Barra, Falzoni, Caronni, Savino, Folla, Caccavo, Carlino.
LECCO (4-3-3): Ferrara 5.5, Bonsi 6 (38’ st Caputa sv), Malvestiti 6.5, Morlandi 6.5 (31’ st Manganaro sv), Brambille 6, Zangrillo 5.5, Arisi 5.5, Colombo 5.5 (13’ st Romeo 6.5), Cornettone 5.5 (31’ st Raiola sv), Cateni 7, Arienti 6 (13’ st Nappo 6). All. Carli 5.5. A disp. Pulze, Bourkaa, Medici, Altieri.
AMMONITI: Bernacchi (M), Cerrina (M), Lombardi (M), Morlandi (L).
ARBITRO: Carrozzo di Seregno 6.
ASSISTENTI: Algieri di Milano 6 e Finocchio di Milano 6.

Le pagelle di Monza – Lecco Berretti

MONZA (4-3-1-2)

Cristini 7 Attento per tutti i novanta minuti, salva il risultato in più occasioni nella ripresa, mostrando gran personalità.
Perego 7 Difficile vederlo sbagliare qualcosa, gestisce con lucidità ogni situazione, esce stremato dopo una partita in cui corre per sette.
Sacchini 6.5 Spinge di meno rispetto a Perego e gioca più in copertura, suo il traversone che propizia il momentaneo 4-2.
Bernacchi 6.5 L’inizio con la sgroppata di Cateni è da incubo, ha il merito di rialzare la testa e di lottare su ogni pallone, gran prova la sua.
Lombardi 5.5 Confuso in fase di regia, perde rovinosamente la palla che consegna il momentaneo vantaggio ospite e sbaglia molte giocate elementari, rimandato.
Brusa 6.5 Stesso discorso di Bernacchi, emerge con lo scorrere del tempo e nella ripresa nega letteralmente la gioia del gol a Nappo.
Calabrò 7.5 Giocatore totale, si esprime al meglio pressando alto, contrastando la fase di costruzione ospite, mostrando fantasia e freddezza sottoporta.
Robbiati 6 Leggermente anonimo rispetto ai compagni, ci prova con una conclusione ravvicinata ma centra in pieno Ferrara, poi qualche passaggio utile in fase di costruzione.
Locati 7 Tanto lavoro sporco utile alla squadra, ripiega e gioca da terzino aggiunto, poi trova il gol in avvio di secondo tempo.
Goffi 7 Analizzando il suo primo tempo, per le sue giocate, meriterebbe almeno mezzo voto in più, nella ripresa però cala e fa correre qualche rischio.
Colferai 7.5 Prestazione in crescendo per lui, lotta su ogni pallone possibile trovando la rete dell’1-1 e l’assist del 3-1.
All. Monguzzi 8 Fa giocare i suoi con un sistema in grado di far esprimere al meglio ogni singolo, azzanna il Lecco nei momenti migliori per i suoi e non cade nei ribaltamenti di fronte improvvisi.

LECCO (4-3-3)
Ferrara 5.5 Raccogliere cinque palloni dal sacco non è mai cosa facile, nel complesso non ha grandi colpe su tutti i gol ma qualcosa in più poteva farla.
Bonsi 6 Non brilla eccessivamente finendo vittima tavolta delle percussioni di Colferai, nel complesso, però, lotta e si guadagna la sufficienza.
Malvestiti 6.5 Sicuramente uno dei migliori dei suoi, lo scontro con Perego è una costante del match, prova a pungere spesso.
Morlandi 6.5 Stesso discorso di Malvestiti, si mostra sempre presente nella manovra lecchese con i piazzati, da cui nasce il 3-2 e con la regia.
Brambille 6 Croce e delizia, imperioso e di gran tempismo lo stacco che accorcia le distanze, sfortunato sulla deviazione decisiva che consegna il 4-2.
Zangrillo 5.5 Lo si nota per un colpo di testa che crea problemi a Cristini, in fase difensiva fatica ad essere roccioso.
Arisi 5.5 Funge da raccordo nello scacchiere di Carli, poco propositivo in avanti, dove si vede raramente, più presente ma non troppo brillante in difesa.
Colombo 5.5 Si vede poco, non entra in partita e viene sostituito. (dal 13’ st Romeo 6.5 Prova a dare la scossa ai suoi, sfiora il gol e propizia una grande occasione).
Cornettone 5.5 Molto lavoro sporco anche per lui, abbinato però a poca lucidità sottoporta e ad una non eccessiva fortuna.
Cateni 7 Fiamma viva, decisamente il migliore dei suoi. Parafrasando Caressa “è come il prezzemolo, lo trovi dappertutto”.
Arienti 6 Complice nella rete che porta al vantaggio, nelle movenze ricorda il “Tucu” Correa e la sua rapidità mette spesso in crisi gli avversari.
All. Carli 5.5 Considerando il copione della gara e la tattica adottata, di per sé il bilancio è forse troppo negativo. I suoi dimostrano di saper colpire ma a fare la differenza sono i grandi spazi concessi al Monza.

monza lecco berretti
Lecco: gli undici titolari scelti da Carli per la gara contro il Monza

monza lecco berretti
Fabio Cateni (Lecco)

ARBITRO: Carrozzo di Seregno 6 Dirige all’inglese lasciando spesso correre, in qualche episodio compie scelte affrettate, ma nel complesso non sorgono grosse problematicità.

ASSISTENTI: Algieri di Milano 6 e Finocchio di Milano 6.

L’INTERVISTA NEL DOPOGARA A MONGUZZI (MONZA)

SCARICA L’APP PER I RISULTATI LIVE


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy