14 Agosto 2020 - 02:18:00

Andrei Radu: il portiere del momento

Le più lette

Villa Valle, aspettative alte e la giusta esperienza: con Bolis idee chiare e squadra tecnica

È nella splendida cornice dell’hotel ristorante Settecento a Presezzo che nella serata di mercoledì 5 agosto si è tenuta...

Il format dei campionati c’è, le graduatorie di ripescaggio delle giovanili ancora no

Il Comitato Regionale ha deliberato il format dei campionati per la stagione 2019/20 non solo per le prime squadre...

Sui format il Comitato Regionale Lombardia ha preso la strada giusta. Anche se in ritardo

È servito tempo, tanto tempo, ma alla fine il Comitato Regionale Lombardia ha preso la decisione giusta riguardo i...

Giovane promessa romena e di proprietà dell’Inter, Andrei Radu, è senza dubbio uno dei ragazzi più intriganti del panorama calcistico che sta stupendo molti addetti ai lavori attraendo verso di sè l’interesse di molti club. Punto di riferimento della propria nazionale, si sta ritagliando un ruolo da protagonista all’europeo Under 21 con i suoi interventi decisivi. Radu infatti sta dando un grande contributo alla selezione romena consentendole di qualificarsi alle semifinali come prima del girone e di mettere alle proprie spalle la temibilissima Francia. Proprio questa sera alle 18:00 la Romania sarà in campo contro la Germania con l’obiettivo di raggiungere un’inaspettata e contro ogni pronostico finale.
Radu inizia nel 2005 al Viitorul Bucuresti per poi passare allo Steaua Bucarest (dal 2009 al 2012) e completare la sua crescita in patria nella Dinamo Bucarest. A gennaio 2013 Andrei Radu riceve la grande chiamata dall’Italia, in particolare dalla Pergolettese, rimanendovi solo sei mesi. A 16 anni infatti si trasferisce all’Inter. Per un anno milita negli allievi ’97 giocando con talenti come Federico Dimarco, Loris Zonta e Federico Bonazzoli. Nello stesso anno si laurea Campione d’Italia vincendo ai rigori la finale scudetto contro il Milan di Patrick Cutrone e conquista successivamente la Supercoppa. Nella stagione 2014/2015 entra a far parte della squadra Primavera con cui vince il Torneo di Viareggio nel 2015 e la Coppa Italia Primavera un anno più tardi. Il 14 maggio 2016 l’allora tecnico della Prima Squadra Roberto Mancini gli concede l’esordio in Serie A contro il Sassuolo nell’ultima giornata di campionato, con l’Inter già certa del quarto posto. Subentra nel secondo tempo al 72’ a Juan Pablo Carrizo senza incassare reti (per la cronaca la Beneamata perde 3-1 grazie a tre marcature subite dal portiere argentino). Nella stagione 2016/2017 entra a tutti gli effetti in Prima Squadra senza, però, trovare spazio a causa di un grave infortunio alla spalla che lo tormenta per tutta l’annata. Nel luglio 2017 passa in prestito all’Avellino con cui totalizza 24 presenze contribuendo alla salvezza. Ritornato all’inter, viene acquistato dal Genoa, il quale assicura al club milanese un diritto di recompra fissato a 12 milioni per il 2019. Nella scorsa stagione Radu esprime a pieno tutto il suo potenziale riuscendo a conquistare il posto da titolare a discapito di Federico Marchetti e garantendosi il riacquisto del club nerazzurro. Il classe ’97 ha dimostrato di essere un portiere assolutamente moderno: bravo con i piedi, dotato di buona tecnica, grande personalità e reattività che si rivela utile nei calci di rigore. L’inter ovviamente non intende farselo scappare e non vorrebbe correre il rischio di un Zaniolo-bis. Allo stesso tempo, però, non pensa che sia già pronto a prendere in mano le chiavi della porta della squadra di Antonio Conte. Per questo motivo si è deciso di prolungare il prestito del baby portiere al Genoa, società ritenuta adatta per il completo della sua maturazione. Si candida in ogni caso ad essere uno dei più credibili e degni successori predisposto a raccogliere l’eredità di Samir Handanovic.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli