Cuneo: tra futuro stadio e dieci giorni per evitare maxi-multa e -8…

368
Serie D Cuneo niente iscrizione
Serie D Cuneo niente iscrizione, quale futuro?

Giorni e settimana davvero particolari e particolare in casa Cuneo: tra il progetto avveniristico (e con tanti punti di domanda) di un nuovo stadio (atteso da anni) e il provvedimento della Corte Federale d’Appello che dà pochi giorni di tempo per regolarizzare la posizione inerente alla fideiussione per evitare la maxi multa di 350.000 Euro e la penalizzazione di 8 punti in classifica.

Così come si può leggere nel lungo comunicato n° 62, la Corte Federale d’Appello, “rigetta il ricorso di primo grado delle URBS Reggina 1914 S.r.l., Matera Calcio S.r.l., Pro Piacenza 1919 S.r.l. e AC Cuneo 191 S.r.l.; assegna alla URBS Reggina 1914 S.r.l., alla Matera Calcio S.r.l., alla Pro Piacenza 1919 S.r.l. ed alla AC Cuneo 1905 S.r.l. il termine perentorio di giorni 10 (dieci), decorrente dalla data di pubblicazione della presente decisione sul Com. Uff., per depositare presso la Lega di appartenenza una nuova garanzia fideiussoria dell’importo di € 350.000,00, secondo le modalità previste dai Com. Uff. nn. 49 e 50 del 24.5.2018, ferme, in caso di inadempimento, le sanzioni di cui alla delibera commissariale n. 59/2018“.

Un lungo contenzioso, in riferimento alla fideiussione ottenuta e presentata da Cuneo e altre società, da parte della Finworld spa, poi però estromessa dall’Albo degli intermediari finanziari dalla Banca d’Italia e che ha reso ‘nulle’ le fideiussioni presentate. Le società avevano fatto reclamo alla prima sentenza di regolarizzazione in data 28 settembre 2018 e ora l’atto definitivo con la richiesta da parte della Corte d’Appello federale di procedere entro dieci giorni, pena la multa di 350.000 Euro e la penalizzazione di 8 punti in classifica da scontare in questo campionato. Con la squadra biancorossa che nel caso, vedrebbe la sua classifica alquanto pericolosa e e pericolante… Senza contare gli eventuali contraccolpi su un ambiente che non potrebbe essere certamente sereno.

Tutto questo mentre nella giornata di oggi, dopo tanta attesa, la commissione sul progetto del nuovo stadio di Cuneo hanno visto presso la sala consiliare, le commissioni consiliari riunite, la II, la III e la VI (con la presenza anche di alcuni tifosi che hanno esposto uno striscione, con la scritta “Anni e anni di parole, è l’ora dei fatti. Sì stadio!”), alla presenza del direttore generale del Cuneo Calcio, Simone Sivieri, l’amministratore unico Oscar Becchio, il direttore sportivo Sergio Borgo e il responsabile del settore giovanile Mauro Amanzi, la presentazione del progetto-stadio.

Protagonista Marco Santarelli, direttore di Res On Network, l’istituto internazionale di ricerca e sviluppo con sedi a Londra e negli Usa, che ha realizzato il progetto, esposto in commissione insieme agli ingegneri Alessandro Romagnoli e Gianluca De Falco. Per un progetto molto ambizioso e avveniristico di uno stadio da sogno da realizzare presumibilmente nell’area del palazzetto dello sport, anche se è stato precisato che la zona è ancora da individuare.

Avveniristico anche l’impianto, con la possibilità di essere coperto e l’idea della polivalenza di tutto l’impianto, in modo tale da essere utilizzato anche per altri eventi sportivi e discipline sportive e non solo, e tecnologia rivoluzionaria per gli accessi con l’assenza dei tornelli sostituito da un sistema che permette di scansionare la retina degli spettatori agli ingressi, per una capienza indicativa e stimata di posti che sarebbero tra i 5 e i 6 mila, per un costo dell’opera che sulla base dei primi studi si aggirerebbe intorno ai 7-8 milioni di euro.

Un progetto che, se da una parte ha sicuramente colpito e stupito i presenti, lascia e ha lasciato molte domande sulla realistica ipotesi di realizzazione, soprattutto in tempi medio-brevi, con la sensazione forse, sussurrata anche da molti presenti, di aver visto e assistito alla presentazione di un progetto stupendo ma forse un po’ troppo futurista, mentre a Cuneo e al Cuneo serve e servirebbe semplicemente un nuovo stadio…

Dieci giorni per fideiussione ed evitare multa e penalizzazione da una parte. Progetto-idea stadio del futuro dall’altra. Destini incrociati a Cuneo…