18 Giugno 2021

Alessandria-Giana Erminio Primavera 3: orgoglio e passione, dopo due cocenti sconfitte Rebuffi sorride grazie alla tripletta di Filipi

Le più lette

Pontelambrese-Sestese Eccellenza: i comaschi onorano l’ultimo turno di campionato con una bella vittoria firmata Castagna e Hamidi

La stagione si chiude in crescendo per la Pontelambrese, con la sensazione che se ci fosse stata qualche altra...

Serie D girone A: l’ultimo turno è anticipato a sabato 19 giugno

Con una lettera giunta a tutte le società, il Dipartimento Interregionale ha comunicato che l'ultimo turno in programma per...

Gagliarda prova dell’Alessandria che riscatta così le due prove opache contro Como e Pro Sesto, quest’ultima capolista del girone. Non tragga in inganno che la vittoria sia arrivata contro l’ultima in classifica. La Giana, infatti, senza timori reverenziali ribatteva colpo su colpo alle giocate alessandrine. E se alla fine la vittoria ha reso felice i padroni di casa lo si deve ad uno strepitoso Filipi, che con una tripletta ha fatto pendere l’ago della bilancia dalla sua parte. Sull’altra sponda un ottimo Dilernia ha limitato i danni ma purtroppo non è bastata la sua doppietta. E’ stata, comunque, una bella battaglia che, pronti via, si volgeva a favore dei biancazzurri. Ma l’orso grigio dopo i fisiologici cinque minuti per riprendersi dalla botta a freddo, gol al 3′, ha cominciato a macinare gioco, mettendo in difficoltà gli ospiti che rintuzzavano con ordine gli assalti dei padroni di casa. A lungo andare i ragazzi di Chiappella han dovuto soccombere ma senza arrendersi. E dire che sul 3 a 2 su un angolo direttamente in porta hanno reclamato il gol che l’arbitro non ha concesso.

Doccia fredda. Solo tre minuti e su un malinteso difensivo, cross di Oggionni, tra un difensore e Marchelli, indeciso, la palla carambolava sui piedi di Dilernia che l’appoggiava in porta. Trascorrono alcuni minuti prima che i grigi si organizzino e comincino a dare fastidio alla difesa ospite. Al 10′ infatti una bella occasione sprecata da Suppa che sotto porta, in vicinanza del palo, si gira col destro ma colpisce troppo sotto la palla che s’impenna oltre la traversa. Lo stesso giocatore scatta con ritardo, al 21′, sull’imbucata di Emanuello, facendosi anticipare dall’uscita a valanga di Galimberti. Alla mezz’ora arriva il pari su rigore calciato con freddezza da Filipi, fallo subìto da Emanuello. Continua la sfida a viso aperto tra le contendenti che, con pressing alto, mettono in difficoltà le relative difese, ma senza trovare le vie per la porta. Il tempo si chiude lasciando intravedere che la ripresa sarebbe stata più dura. E così sarà!

Battaglia Orgogliosa. Le due squadre scendono in campo molto agguerrite. A portarsi in vantaggio, all’8′, sono i grigi, con una graffiante pennellata, che s’infila sotto la traversa dove Galimberti si lancia ma non arriva. Due minuti dopo ecco la risposta degli ospiti, che sfruttano una punizione proveniente da destra: difesa grigia ferma e Dilernia insacca per il giusto pari. Si va avanti con ritmo molto elevato. Filipi scatenato, al 17′, riceve da Podda al limite dell’area destra, s’incunea tra due avversari e di sinistro completa il quadro con una seconda pennellata gemella della prima. Galimberti non crede ai suoi occhi. L’Alessandria sembra soddisfatta, Rebuffi capisce che questo potrebbe essere pericoloso, visto che la Giana indomita si porta sotto di brutto. Esce Emanuello, entra Caposele e in difesa Cavallieri lascia il posto al più fresco Comoreanu. Al 44′ Caposele ruba palla a centrocampo e superato un avversario se ne va in porta saltando il portiere e mettendo in rete quasi dal fondo il definitivo 4-2.

IL TABELLINO

Alessandria-Giana Erminio 4-2
RETI (0-1, 2-1, 2-2, 4-2): 3′ Dilernia (G), 30′ rig. Filipi (A), 8′ st Filipi (A), 12′ st Dilernia (G), 17′ st Filipi (A), 44′ st Caposele (A).
ALESSANDRIA (3-4-2-1): Marchelli 6, Cavallieri 6.5 (19′ st Comoreanu 6), Minosse 6.5, Ghiardelli 7, Di Carlo 6.5, Manfrin 6.5, Podda 7, Suppa 6, Emmanuello 6 (19′ st Caposele 7), Filipi 8, Ghiozzi 6.5 (40′ st Fabbrucci sv). A disp. Baschiazzorre, Patini, Serpe, Solia, Costa, Soleti, Mainetti, Miglietta, Beka. All. Rebuffi 7.
GIANA ERMINIO (4-4-2): Galimberti 6, Manzoni 6.5, Belingheri 6.5, Giani 6 (26′ st Caronni sv), Ragazzini 6, Piazza 6.5, Villa 6, D’Elia 6.5, Dilernia 7.5 (40′ st Antonelli sv), Ferrigno 6.5 (34′ st Ghilardi sv), Oggionni 6.5 (34′ st Nembri sv). A disp. Passoni, Vitanza, Vergani, Colombara, Panzeri. All. Chiappella 6.5.
ARBITRO: Pongan di Novara 6.
ASSISTENTI: Ceppaglia di Torino e Varrese di Torino.

LE PAGELLE

ALESSANDRIA

Marchelli 6 Nelle due occasioni dei gol, sulle uscite aeree, non ha mostrato la solita sicurezza.

Cavallieri 6.5 Si mette in luce, anche se con qualche incertezza, preciso e determinato nei contrasti.

19′ st Comoreanu 6 Dà il suo apporto nella concitata fase finale.

Minosse 6.5 Parte un po’ in sordina ma col passare del tempo si rivela coriaceo  e volitivo.

Ghiardelli 7 Non si ferma un attimo a tutto campo intercetta, filtra e appoggia in avanti.

Di Carlo 6.5 Buona prestazione che però è punteggiata da qualche neo in fare aerea.

Manfrin 6.5 Razionale nella distribuzione dei palloni e deciso nel filtrare davanti alla difesa.

Podda 7 Scava una trincea sulla fascia destra a forza di percorrerla avanti e indietro, due bei suggerimenti per Filipi.

Suppa 6 Non è proprio la sua giornata sbaglia cose che di solito sa fare molto meglio.

Emanuello 6 Si vede poco ma ha il merito di essersi procurato il rigore scaccia pensieri.

19′ st Caposele 7 Entra e segna il gol che dà serenità.

Filipi 8 Che dire? Un rigore eseguito con sicurezza e due eurogol da ascriversi negli annali del calcio giovanile e non solo.

Ghiozzi 6.5 Quando parte palla al piede sulla fascia sinistra crea disagi per il difensore di turno. (40′ st Fabbrucci sv).

All. Rebuffi 7 Al momento giusto legge ottimamente la gara e fa le sostituzioni giuste per rinforzare la squadra.

 

GIANA ERMINIO

Galimberti 6 Solo ammirazione, forse, per l’avversario che lo infilato per due volte in modo artistico.

Manzoni 6.5 Ghiozzi quando parte fa paura ma se l’è cavata comunque egregiamente.

Belinghieri 6.5 Podda non gli dà punti di riferimento, ma lui non si scompone lo aspetta al varco.

Giani 6 Non si fa trovare sempre pronto davanti alla difesa a fare da frangiflutti. (28′ st Caronni sv).

Ragazzini 6 Sui palloni aerei è quasi insuperabile ma palla a terra si è fatto sorprendere a fine gara.

Piazza 6.5 Raddoppi di marcatura sempre provvidenziali. soprattutto nel primo tempo.

Villa 6 Pochi inserimenti quando i suoi venivano avanti, forse compiti di copertura.

D’Elia 6.5 Grande spinta alle spalle dell’attacco, tenta anche conclusioni nello specchio poco riuscite. (40′ st Antonelli sv).

Dilernia 7.5 Impeccabile sui palloni inattivi in fase aerea. La sua doppietta non basta se non per soddisfazione personale.

Ferrigno 6.5 Sa Padroneggiare il pallone quando passa tra i suoi piedi. (34′ st Ghilardi sv).

Oggionni 6.5 Due assist in occasione dei due gol. Piedi buoni e visione di gioco. (34′ st Nembri sv).

All. Chiappella 6.5 Non può recriminare sull’operato dei suoi ragazzi che hanno dimostrato doti di palleggio buone.

 

ARBITRO

Pongan 6 A volte lascia andare troppo certe giocate. Per fortuna che le squadre sono state molto corrette.

LE INTERVISTE

Fabio Rebuffi, allenatore dell’Alessandria: «Grande prova di coraggio e gioco dei miei ragazzi che hanno saputo, come avevo raccomandato in settimana, reagire a due sconfitte di cui una con la prima in classifica. Sicuramente siamo sulla buona strada per il prosieguo».

Andrea Chiappella, allenatore della Giana Erminio: «Sicuramente una bella partita loro hanno mostrato doti di palleggio molto buone, ma noi non gli siamo stati da meno. Più freddi e cinici in fase di rifinitura, mentre noi non siamo stati in grado di sfruttare al meglio le nostre palle gol».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli