16 Maggio 2021

Atalanta-Bologna Primavera 1: Cortinovis guida il poker nerazzurro, felsinei traditi da Farinelli che spreca un rigore

Le più lette

Milan Under 17: Antonio Gala e la carica dei 2004 all’inseguimento della rivincita Tricolore

Il 13 giugno 2019, in quella maledetta finale Scudetto persa contro la Roma, Antonio Gala è stato in panchina...

Tritium-Villa Valle Serie D: altro rinvio, ora il calendario si ingolfa ancora di più

Doveva essere il ritorno in campo della Tritium dopo quattro giornate non disputate per il focolaio Covid scoppiato nel...

Saluzzo-Bra Serie D: Gonella grande illusione, Marchisone e il solito Merkaj aprono la manita giallorossa

Il derby cuneese tra marchionali e braidesi rispetta le premesse legate alla classifica: nonostante un'ottima prima frazione, il Saluzzo...

Al Bortolotti di Zingonia l’Atalanta supera il Bologna per 4-1 grazie alle reti di Rosa, Cortinovis, Oliveri e Scalvini. I felsinei, cui non basta il gol del momentaneo pareggio di Vergani, possono recriminare per il rigore calciato sul palo da Farinelli che avrebbe cambiato volto alla partita. Con questa vittoria gli orobici, che hanno bissato la vittoria dell’andata, raggiungono il Sassuolo al sesto posto rientrando momentaneamente in zona playoff, obiettivo minimo per la formazione che ha vinto gli ultimi due campionati. I rossoblù restano fermi a quota 22 punti, al quartultimo posto, e nelle prossime giornate devono provare a cambiare passo se vogliono centrare il traguardo della salvezza. Brambilla conferma gran parte della formazione che ha espugnato Torino. Soltanto tre le novità: Dajcar tra i pali, Scanagatta in difesa al posto dello squalificato Cittadini e Rosa al centro dell’attacco. Zauri risponde schierando lo stesso undici che ha pareggiato col Genoa, anche se modifica lo schieramento tattico optando per il 4-2-3-1, con Pagliuca avanzato sulla trequarti alle spalle di Vergani.

Cortinovis scatenato. Bologna subito pericoloso con un colpo di testa di Arnofoli sugli sviluppi di un calcio piazzato, ma la sua torre non raggiunge nessun compagno e si spegne sul fondo. A passare in vantaggio è però l’Atalanta, con Gyabuaa che al 9’ pesca liberissimo Rosa a centro area, il cui colpo di testa non lascia scampo a Molla. La risposta felsinea è immediata, con una volée di Rabbi dal limite che sorvola di pochissimo la traversa. Il pareggio arriva al 25’, quando Rocchi recupera un pallone sulla trequarti offensiva e pennella un cross sulla testa di Vergani, che prende il tempo a Ghislandi e di testa batte Dajcar. Il gol complica il piano partita dei nerazzurri, ma al 36’ a togliere le castagne dal fuoco ci pensa Cortinovis, che inventa un bellissimo gol dal limite, disegnando col mancino una parabola che Molla può soltanto guardare insaccarsi sul palo lontano.

Farinelli spreca. Gli orobici tornano in campo decisi a chiudere subito la partita, e ci vanno vicinissimi già al settimo, quando Oliveri riceve da Cortinovis e scarica un destro violentissimo, ma Molla è prodigioso a distendersi e deviare sul palo la conclusione del numero 11 nerazzurro. Il gol arriva tre minuti più tardi con Scanagatta sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ma il signor Maranesi annulla per la segnalazione di fuorigioco da parte dell’assistente Garzelli. Al 67’ i rossoblù avrebbero l’occasione per pareggiare quando Sidibe commette fallo in area, costringendo il direttore di gara ad assegnare il calcio di rigore: sul dischetto si presenta Farinelli che apre troppo il piatto colpendo il palo interno, con la sfera che termina in corner dopo essere carambolata sulla schiena di Dajcar. Scampato il pericolo, i padroni di casa chiudono immediatamente la gara con la sassata dai venti metri di Oliveri, su cui stavolta Molla non è perfetto permettendo alla sfera d’insaccarsi centralmente. Dieci minuti più tardi è Scalvini a mettere il sigillo sulla partita, controllando in mischia un pallone sporco e battendo l’estremo difensore con la freddezza degna di un grande centravanti. Sabato l’Atalanta sarà di scena a Cagliari, con i rossoblù di Agostini impegnati a evitare di essere risucchiati nella lotta per non retrocedere. Il Bologna, invece, ospiterà un Empoli in gran forma, reduce da sette risultati utili consecutivi e in piena corsa per i playoff.

IL TABELLINO 

ATALANTA-BOLOGNA 4-1
RETI: 9’ Rosa (A), 25’ Vergani (B), 36’ Cortinovis (A), 25’ st Oliveri (A), 36’ st Scalvini (A).
ATALANTA (4-3-3): Dajcar 6, Ghislandi 6.5, Ruggeri 5.5, Zuccon sv (14’ Giovane 6), Scanagatta 5.5, Scalvini 7, Sidibe 5 (26’ st Kobacki sv), Gyabuaa 7.5, Rosa 7 (40’ st Italeng sv), Cortinovis 7.5 (40’ st De Nipoti sv), Oliveri 7. A disp: Sassi, Vismara, Hecko, Ceresoli, Grassi, G. Renault, Berto, Falleni. All. Brambilla 7.
BOLOGNA (4-2-3-1): Molla 5.5, Arnofoli 6 (35’ st Viviani sv), Montebugnoli 5 (1’ st Annan 6), Milani 5, Grieco 6 (27’ st Roma sv), Khailoti 5.5, Rocchi 7 (35’ st Di Dio sv), Farinelli 4.5, Vergani 7, Rabbi 6, Pagliuca 5 (15’ st Cossalter 5.5). A disposizione: Prisco, Cavina, Motolese, Carrettucci, Paananen, Pietrelli, Maresca. All. Zauri 5.
ARBITRO: Maranesi di Ciampino 7.
ASSISTENTI: Santi di Prato e Garzelli di Livorno.
AMMONITI: Scalvini (A), Giovane (A).

LE PAGELLE

ATALANTA
Dajcar 6
Vergani colpisce da posizione troppo ravvicinata, era complicato trovare il riflesso giusto per impedire la rete. Per il resto fa buona guardia, ed è anche fortunato sul rigore quando il pallone gli sbatte sulla schiena e termina in calcio d’angolo.
Ghislandi 6.5
Non riesce a contrastare efficacemente Vergani che gli prende il tempo sul gol dell’1-1. Dà il meglio di sé in proiezione offensiva, formando con Gyabuaa una catena che crea parecchi grattacapi alla difesa rossoblù.
Ruggeri 5.5 Lascia troppo spazio a Rocchi che, indisturbato, serve a Vergani la palla del pareggio.
Zuccon sv
Un infortunio lo costringe ad abbandonare il campo dopo pochi minuti.
14’ Giovane 6
Costretto a entrare in campo a freddo per l’infortunio del compagno, non sbaglia l’approccio alla gara offrendo il suo contributo in mezzo al campo sia in fase difensiva, sia nell’avviare le azioni nerazzurre.
Scanagatta 5.5 Sul pareggio bolognese lascia troppo spazio a Vergani, che gli passa alle spalle e realizza comodamente da due passi. Va in gol di testa a inizio ripresa ma il gol viene annullato per fuorigioco.
Scalvini 7
Insuperabile in difesa, si concede anche il lusso di andare a segno facendosi trovare al posto giusto nel momento giusto per realizzare il 4-1, battendo Molla con grande freddezza da posizione ravvicinata.
Sidibe 5
Il Bologna spinge prevalentemente sulla corsia di destra costringendolo ad una partita attenta. Ingenuo quando commette fallo dentro l’area, offrendo agli ospiti la grande occasione per pareggiare dagli undici metri. (26’ Kobacki sv).
Gyabuaa 7.5
Entra subito in partita servendo a Rosa l’assist per il gol dell’1-0. Si ripete poco dopo la mezz’ora, col passaggio vincente per il nuovo vantaggio firmato da Cortinovis. Si allarga spesso sulla destra per andare a occupare lo spazio che lascia libero il suo capitano, mettendo in difficoltà la difesa felsinea che fatica a leggerne i movimenti.
Rosa 7 Ricambia la fiducia di Brambilla portando in vantaggio i suoi dopo pochi minuti. Poi sembra uscire dal match, ma si riaccende in tempo per appoggiare a Oliveri il pallone del 3-1 che chiude la partita. (40’ st Italeng sv).
Cortinovis 7.5
È in fiducia e si vede, entrando in quasi tutte le azioni offensive della squadra. Avvia l’azione del vantaggio, poi segna il 2-1 con un perfetto tiro a giro che lascia di sasso il portiere. (40’ st De Nipoti sv).
Oliveri 7
Nel primo tempo si nota poco, poi sfiora il gol a inizio ripresa ma il suo tiro, deviato da Molla, centra in pieno il palo. La rete è solo rimandata di qualche minuto, sempre con un tiro da fuori su cui stavolta il portiere è tutt’altro che perfetto.
All. Brambilla 7
Dà fiducia a Rosa che lo ricambia portando subito in vantaggio i nerazzurri. Conquista tre punti pesanti che gli permettono di agganciare il Sassuolo al sesto posto, tornando pienamente in corsa per i playoff, obiettivo minimo per i campioni d’Italia.

BOLOGNA
Molla 5.5
Incolpevole sui gol di Rosa, che colpisce di testa da pochi passi, e di Cortinovis, che pennella una parabola perfetta dal limite. Si supera per negare il 3-1 a Oliveri, deviando sul palo la sua conclusione diretta all’angolino, ma non è altrettanto pronto venti minuti più tardi lasciandosi sfuggire una conclusione molto meno impegnativa del numero 11 nerazzurro.
Arnofoli 6
Vicino al gol dopo pochi minuti con un bel colpo di testa. Cerca di spingere supportando la manovra offensiva, ma nella ripresa concede un po’ troppa libertà a Oliveri. (35’ st Viviani sv).
Montebugnoli 5
Gli orobici affondano spesso dalla sua parte e lui va in difficoltà, trovandosi frequentemente in inferiorità numerica tra Cortinovis che si accentra, Gyabuaa che s’inserisce e Ghislandi che si sovrappone. Avrebbe bisogno di maggior sostegno da parte dei compagni.
1’ st Annan 6 Dal suo ingresso in campo l’Atalanta trova meno spazio per sfondare sulla corsia di destra, sintomo del buon lavoro del classe 2002 in fase difensiva. Quello che manca è il supporto in fase offensiva, elemento non trascurabile dovendo recuperare un risultato di svantaggio.
Milani 5
Al primo affondo bergamasco si perde completamente Rosa, liberissimo di colpire a centro area e battere Molla. Non è l’unica occasione in cui il centravanti orobico gli crea dei problemi.
Grieco 6 Dà ordine alla manovra felsinea pur senza effettuare grandi giocate. Meno bene in fase difensiva, coi movimenti tra le linee di Cortinovis che sfuggono spesso alla guardia sua e di Farinelli. (27’ st Roma sv).
Khailoti 5.5
Sul 2-1 esce molto in ritardo su Cortinovis, che al limite dell’area ha tutto il tempo per prendere la mira e riportare avanti i suoi.
Rocchi 7
Il gol del pareggio è in gran parte merito suo, che riconquista palla sulla trequarti offensiva e pennella il cross sulla testa di Vergani. (35’ st Di Dio sv).
Farinelli 4.5
Vuole calciare a tutti i costi il rigore, togliendo il pallone dalle mani di Rabbi, ma ne fa un pessimo uso calciandolo sul palo. Troppo molle anche nel contrastare Scalvini, che ha tutto il tempo per controllare in area e battere il portiere da posizione ravvicinata.
Vergani 7
Al primo pallone utile lascia il segno con un bel colpo di testa, poi viene servito poco e male dai compagni. Glaciale.
Rabbi 6
Tocca pochi palloni, ma quando la sfera arriva dalle sue parti cerca la porta senza paura di far brutta figura, come in occasione della volée a inizio partita terminata di poco sopra la traversa. Se gli avessero lasciato calciare il rigore, forse parleremmo di un’altra gara.
Pagliuca 5
Mai davvero in partita, non riesce a lasciare il segno costringendo Zauri a richiamarlo in panchina.
15’ st Cossalter 5.5
Non riesce a imprimere il cambio di marcia all’attacco bolognese, anche se il match viene chiuso dall’Atalanta soltanto dieci minuti dopo il suo ingresso in campo.
All. Zauri 5
È lui a scegliere di far calciare il rigore a Farinelli invece che a Rabbi, venendo tradito dal suo centrocampista che spreca l’occasione per pareggiare i conti. La salvezza del Bologna non passava certamente da Zingonia, ma questa sconfitta rischia di complicare i piani dei rossoblù.

ARBITRO
Maranesi di Ciampino 7
Sempre ben posizionato, fischia il giusto non prendendosi mai la scena. Ineccepibile e sicuro nell’assegnare il calcio di rigore al Bologna.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli