28 Ottobre 2020 - 09:03:03
sprint-logo

Atalanta-Juventus Primavera: Da Graca allo scadere riprende i bergamaschi

Le più lette

Atletico Torino-Lucento Eccellenza: Epifani mattatore, l’Atletico sprofonda

E' un Lucento troppo superiore quello visto all'impianto di Santa Rita contro l'Atletico Torino del neo tecnico Dessena, reo...

Lesna Gold-PSG Prima Categoria: Arena e Grieco mattatori, tris del PSG a Grugliasco

Vittoria prestigiosa per il PSG di Calamita, che espugna il difficile campo del Lesna con un rotondo 3-1, ma...

LG Trino – Alicese Orizzonti Under 16: Zanoni e Mattarello show, prima gioia Trino

Riscatto LG Trino e primi tre punti in campionato. La squadra di Mauro Giuliano batte a domicilio 4 a...

Comincia con un pareggio al Centro Bortolotti di Zingonia il campionato di Atalanta e Juventus, due tra le favorite per la vittoria finale. All’autorete di Daniel Leo dopo l’iniziativa di Giuseppe Carrà, è stato Cosimo Marco Da Graca a riportare la gara sul punteggio di parità a pochi minuti dal triplice fischio.

I primi istanti di gara fotografano quello che sarà il canovaccio del match con la Juventus più propositiva e pericolosa mentre l’Atalanta in difficoltà che rimaneva a galla con qualche giocata dei singoli. Bianconeri dunque molto più incisivi e all’11’ vanno vicini al vantaggio con la punizione di Petrelli, troppo centrale per sorprendere Dajcar. Il primo tempo prosegue con gli ospiti padroni del gioco capaci di mettere in difficoltà l’Atalanta come quasi mai nelle ultime due stagioni di dominio orobico. Si fa comunque viva la squadra di Brambilla con la gran giocata ultimata con un tiro di poco a lato effettuata da Panada al 36′. Un minuto dopo Scalvini salva il risultato murando una potente conclusione di Tongya destinata in porta: il numero dieci bianconero è il più attivo tra i ventidue in campo e a dimostrarlo sono i tanti falli subiti e i dribbling riusciti dal classe 2002.

Le squadre vanno a riposo a reti bianche, Juve brava a costruire ma con qualche problema a finalizzare. Troppi invece i problemi riscontrati nell’Atalanta che si affida quasi solo alle geometrie di Panada per trovare un po’ di respiro dai ritmi altissimi degli avversari.

Secondo tempo che inizia com’era finito il primo con il solito Tongya, questa volta servito da Sekulov, che in area controlla e calcia alto provocando il primo brivido della ripresa. Al 17′ la Juve va letteralmente ad un soffio dal vantaggio con il colpo di testa di Petrelli da calcio d’angolo che termina fuori di poco. Insistono i ragazzi di Bonatti e al 29′ ci provano sempre con il gioco aereo con De Winter, ma lo spunto di testa del belga non impensierisce Dajcar. Al 33′ arriva il vantaggio Atalanta: Carrà, subentrato da poco, scappa via dalla sinistra e prova un tiro da posizione improbabile che diventa possibile grazie alla deviazione decisiva di Leo che beffa Garofani e porta in avanti i suoi. La Juve vuole evitare la beffa e dalla panchina pesca quello che sarà poi il jolly di giornata vale a dire Da Graca. C’è prima spazio per un’altra azione strepitosa di Tongya che nello stretto supera due uomini prima di infrangersi sul muro di Dajcar. Al 44′ ecco il pareggio di Da Graca: l’ex Palermo resiste alla carica del difensore e con un tiro potente quanto precisa fulmina l’estremo difensore dell’Atalanta.

Un pareggio che sta stretto ai bianconeri che però fino all’ultimo stava per rischiare di tornare da Zingonia senza nemmeno un punto. Atalanta che sembra lontana dagli standard degli scorsi anni dove dominava in lungo e in largo, ma c’è sempre da dire che si tratta solo della prima partita, contro un avversario tosto e naturalmente ci sarà bisogno di tempo per Brambilla per assimilare il gruppo.

ATALANTA-JUVENTUS 1-1 – TABELLINO

Reti: 33′ st Carrà (A), 44′ Da Graca (J)

ATALANTA (4-3-3): Dajcar; Ghislandi, Cittadini, Scalivini, Ceresoli; Gyabuaa, Panada, Sidibe; Olivieri (22′ st Carra’), Kobacki (22′ st Italeng), Cortinovis. A disposizione: Vismara, Viviani, Scanagatta, Berto, Hecko, Grassi, Renault, De Nipoti, Sassi, Zuccon. Allenatore: Massimo Brambilla

JUVENTUS (4-2-3-1): Garofani; Leo (43′ st Mulazzi), De Winter, Riccio, Ntenda; Miretti, Pisapia (38′ st Omic); Sekulov, Tongya, Turicchia (33′ st Da Graca); Petrelli (38′ st Bonetti). A disposizione: Senko, Raina, Nzouango, Verduci, Fiumanò, Cerri, Cotter, Iling. Allenatore: Andrea Bonatti

Ammoniti: 43′ pt Ghislandi (A), 45′ pt Turicchia (J), 19′ st Sekulov (J), 21′ st Ceresoli (A), 38′ st Cittadini (A), 44′ st Da Graca (J), 48′ st Cortinovis (A)

Arbitro: Monaldi di Macerata 6,5 Usa bene i cartellini e sa farsi rispettare in campo.

ATALANTA-JUVENTUS 1-1 – PAGELLE

Pagelle Atalanta

Dajcar 6.5 Il portiere bergamasco è attento, non può nulla sul missile di Da Graca

Ghislandi 6 Soffre nel primo tempo, si riprende con esperienza nella ripresa

Cittadini 6 Molto bene in fase di copertura fino al gol di Da Graca dove sbaglio l’intervento permettendo al bianconero di realizzare l’1-1

Scalvini 6.5 Salva più volte la baracca nel primo tempo, prosegue bene anche nel secondo tempo

Ceresoli 6 Attento e diligente nella sua corsia di competenza

Gyabuaa 6.5 Quando l’Atalanta si sposta in avanti, il ragazzo si distingue per voglia di fare e inventiva. Offre vari palloni interessanti

Panada 7 Se la sua squadra riesce ad avere un attimo di respiro nel primo tempo è grazie alla sua tecnica. Va vicino al gol più volte

Cortinovis 6 Anonimo nel primo tempo, più vivace nella ripresa

Sidibe 6 Qualche fiammata, ma niente di speciale

Kobacki 5.5 L’eredità di Piccoli è enorme, oggi soffre molto la difesa della Juve e combina poco (21′ st Italeng 6 Più convinto e grintoso del compagno)

Olivieri 5.5 Raramente si vede nel vivo dell’azione (21′ st Carrà 7 La sua giocata stava per regalare la vittoria ai suoi, entra con il piglio giusto)

Allenatore Brambilla 6 Il punto con la Juve è comunque un risultato da conservare, la prestazione invece deve dare spunti per migliorare. Intelligente la mossa Carrà che era valso il momentaneo 1-0

Pagelle Juventus

Garofani 6 Attento e sicuro nelle uscite, beffato da una deviazione nell’occasione del vantaggio orobico

Leo 6 Pericoloso in fase offensiva, dietro talvolta concede qualcosa. L’autogol è frutto di tanta sfortuna (43′ st Mulazzi sv)

De Winter 6.5 Solido e roccioso in difesa, concede pochissimo

Riccio 6.5 Parte con un piccolo infortunio, si riprende e lo fa in grande stile

Ntenda 6.5 Quando parte è impressionante, tanto fisico misto a tecnica

Miretti 7 È solo un 2003, ma come ha già dimostrato gli anni scorsi, ha qualcosa in più rispetto alla media. Partita totale, bravo nello stretto ma anche nel piazzarsi in campo

Pisapia 6.5 Altro 2003, altra grande prestazione: caparbio e capace, fa bene entrambe le fasi (38′ st Omic sv)

Sekulov 6 Il suo lavoro sporco è notevole, manca la fiammata delle sue

Tongya 7 Dopo le grandi prestazioni delle scorse stagioni, è arrivato probabilmente l’anno della sua consacrazione tra i giovani: non smette un attimo di correre e innesca giocate impensabili

Turicchia 6.5 Di ruolo fa il terzino, oggi viene spostato da esterno offensivo e non delude le aspettative. Cala nella ripresa, ma il primo tempo è più che sufficiente (33′ st Da Graca 7 Gol da cineteca che permette ai bianconeri di evitare la beffa)

Petrelli 6.5 Il capitano della Juventus non trova il gol, ma dimostra crescita come si può notare dalla sua partita di sacrificio (38′ st Bonetti sv)

Allenatore Bonatti 7 Un esordio in Primavera di ottimo livello considerando intensità e pareggio contro l’Atalanta, un risultato che sta addirittura stretto. Schiera due centrocampisti del 2003, sposta Riccio centrale, alza Turicchia e inserisce Da Graca: tutte mosse che si rivelano azzeccate.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli