14 Aprile 2021

Cagliari-Inter Primavera 1: botta e risposta dal dischetto, Contini e Fonseca firmano l’1-1 ad Asseminello

Le più lette

Pro Sesto-Como Primavera 3: i biancocelesti volano con Cominetti e Mehmedaj e vedono la testa

Il tour de force non ferma la Pro Sesto che, alla quinta partita in due settimane, batte 2-1 il...

Gavirate Eccellenza: in mezzo al campo arriva Legnani

Altro colpo del DS Fabio Fumagalli. Questa volta il Gavirate si muove sul centrocampo. A titolo definitivo arriva Nicholas...

I promossi e i rimandati dal mercato: Esposito e Begolo al top, da rivedere De Peralta e Rrotani

A pochi giorni dalla chiusura del mercato primaverile di Eccellenza si può già tirar qualche somma sui movimenti complessivi...
Dennis Carzaniga
Dennis Carzaniga
Caposervizio Redazione Lombardia

Botta e risposta dagli undici metri. Contini per il vantaggio sardo, Fonseca per il pareggio nerazzurro: tra Cagliari e Inter finisce 1-1, un pareggio giusto al termine di una partita tosta ma non certo esaltante. Agostini, dopo le vittorie con Atalanta e Ascoli, centra il terzo risultato utile consecutivo mentre Madonna, dopo il ko con la Fiorentina, trova un punto tutto sommato utile visto come era iniziata la sfida di Asseminello.

Rigore e contro-rigore. A cominciare meglio è il Cagliari. Il 4-2-3-1 di Agostini si conferma solido e allo stesso tempo dinamico e ben equilibrato: un terzino bloccato (Boccia a destra) e uno con la licenza di avanzare (Michelotti a sinistra), una coppia di mediani ben assortita (Conti per la qualità, Kourfalidis per la quantità) e i tre trequartisti dietro a Contini (Tramoni, Delpupo e Desogus) sempre pronti a creare situazioni interessanti. Il 4-3-1-2 di Madonna si difende come può, ma per 20 minuti è in balìa degli avversari: Kinkoue fa troppi errori, gli esterni bassi (Tonoli e Vezzoni) sono costretti a un lavoro esclusivamente difensivo, Casadei e Squizzato non sembrano quelli di sempre e davanti Oristanio e Fonseca ci mettono troppo ad accendersi (Satriano invece non si accende proprio). Le avvisaglie che per l’Inter non sarà un primo tempo semplice arrivano già al 3′: su un lancio lungo Contini scappa via ai centrali, passa davanti a Vezzoni e impegna Magri con un destro rasoterra che il portiere (poi sostituito dall’esordiente Rovida) mette in angolo. Al 15′ i sardi concretizzano il dominio territoriale e passano in vantaggio: Desogus anticipa Kinkoue che lo atterra intervenendo in ritardo, per il direttore di gara è calcio di rigore tra le proteste degli interisti che chiedono la punizione da fuori area. Dal dischetto Contini è infallibile, anche se Rovida intuisce: 1-0 per il Cagliari. Il sinistro “sciabattato” a lato da Fonseca al 20′ sembra il classico segnale negativo, e invece l’Inter si sveglia aiutata da un episodio: Sangalli crossa per Satriano che prova a colpire, Palomba tocca con un braccio e per Bitonti è di nuovo rigore, ma dalla parte opposta. Fonseca è glaciale, spiazza Ciocci e firma l’1-1. Da qui in poi la squadra di Madonna cresce, soprattutto perché Oristanio entra in partita: su punizione, il fantasista prima il gol (34′), poi innesca Sottini che da zero metri mette fuori dopo il tocco di Fonseca (36′). Il tè caldo certifica un pareggio tutto sommato corretto.

Ripresa con poche emozioni. Nella pausa, sia Agostini che Madonna mettono mano all’assetto tattico della propria formazione. Il tecnico dei sardi toglie Desogus e inserisce Schirru che va sul centro-sinistra, con Kourfalidis sul centro-destra e Conti vertice basso del nuovo 4-3-1-2. L’allenatore interista, dal canto suo, cambia uomini ma non sistema di gioco: Mirarchi si piazza trequartista, Oristanio passa seconda punta al fianco di Satriano e Fonseca rimane negli spogliatoi per un problema fisico. La nuova scacchiera produce un sostanziale equilibrio che si protrae per tutto il secondo tempo: una ripresa equilibratissima e non certo brillante, complici forse anche le fatiche di Coppa. Dopo un destro largo di Contini ben imbeccato da Kourfalidis (10′), è l’Inter a provarci con un pizzico di convinzione in più. È soprattutto Oristanio a rendersi pericoloso: prima con un sinistro che termina a lato (18′), poi con una conclusione ravvicinata sulla quale Ciocci si fa trovare pronto respingendo (21′). Agostini prova a calare l’asso inserendo l’ex Folgore Caratese Rachid Kouda, che ha esordito settimana scorsa con l’Ascoli segnando una doppietta in pochi minuti, il ragazzo classe 2002 entra bene ma non riesce a stuzzicare Rovida. Madonna risponde con Jurgens e Peschetola, ma toglie Oristanio e così la luce nerazzurra si spegne. Finisce 1-1, e alla fine è giusto così.

Cagliari Primavera: foto di squadra per i ragazzi di Agostini
Cagliari Primavera: foto di squadra per i ragazzi di Agostini

IL TABELLINO

CAGLIARI-INTER 1-1
RETI (1-0, 1-1): 15′ rig. Contini (C), 24′ rig. Fonseca (I).
CAGLIARI (4-2-3-1): Ciocci 6, Palomba 5.5, Michelotti 6, Boccia 6 (29′ Sulis 6), Conti 6 (25′ st Kouda 6), Cusumano 6, Desogus 6.5 (1′ st Schirru 6), Kourfalidis 6, Contini 7 (43′ st Masala sv), Delpupo 5, Tramoni 5.5 (25′ st Cavuoti 6). A disp. D’Aniello, Iovu, Caddeo, Tahiri, Felleca, Sangowski, Fusco. All. Agostini 6.
INTER (4-3-1-2): Magri 6 (10′ Rovida 6), Tonoli 6, Vezzoni 6, Kinkoue 5, Sottini 5.5, Sangalli 6, Squizzato 5.5 (25′ st Peschetola 6), Casadei 6.5, Fonseca 7 (1′ st Mirarchi 6), Oristanio 6.5 (25′ st Jurgens 5.5), Satriano 5.5. A disp. Moretti A., Fontanarosa, Radaelli, Goffi. All. Madonna 6.
ARBITRO: Bitonti di Bologna 5.5.
COLLABORATORI: Piazzini di Prato e Bahri di Sassari.
AMMONITI: Palomba e Conti (C), Vezzoni, Sottini e Sangalli (I).

LE PAGELLE

PAGELLE CAGLIARI
Ciocci 6 Sulle occasioni interiste del primo tempo non può intervenire: sul rigore di Fonseca sbaglia angolo e viene spiazzato, poi Sottini da pochi passi lo grazia. Nel secondo tempo entra nel match con una bella parata su Oristanio.
Palomba 5.5 Il più in difficoltà della difesa dei sardi, nonostante un inizio convincente. Anche sfortunato in occasione del fallo da rigore che porta all’1-1 e che gli costa un giallo, gli va bene poco dopo – sulla punizione di Oristanio – perché tiene il braccio attaccato al corpo: però rischia. La marcatura su Fonseca non è una cosa semplice.
Michelotti 6 Tutto abbastanza tranquillo dalla sua parte: Tonoli sale poco, ma deve stare attento quando Oristanio va sulle sue zolle. Avrebbe forse potuto spingere di più, visto che la propulsione offensiva è una delle sue migliori qualità.
Boccia 6 Confermato nella posizione di terzino destro, lavora bene su Vezzoni quando sale e su Squizzato quando passa dalle sue parti. Gestione tranquilla fino a quando non è costretto ad alzare bandiera bianca. (29′ Sulis 6).
Conti 6 Solita regìa intelligente, il gioco del Cagliari passa sempre dal suo mancino. Non è un caso che il suo inizio brillante coincida con il buon approccio dei sardi, poi cala un po’ e il centrocampo dell’Inter rientra in partita. (25′ st Kouda 6)
Cusumano 6 Su Satriano fa bene il suo lavoro, l’uruguaiano non la vede quasi mai. Però quando l’Inter aumenta i giri del motore anche lui va un po’ in affanno.
Desogus 6.5 Buon lavoro a sinistra: tiene basso Tonoli e quando attacca riesce a fare male. Soprattutto quando converge verso il centro, come quando si va a prendere il rigore dell’1-0 anticipando Kinkoue e costringendolo al fallo. (1′ st Schirru 6).
Kourfalidis 6 Spalla perfetta per Bruno Conti: è quello che ti aiuta sempre, anche se spesso non si vede. Comincia bene come tutti, poi si normalizza.
Contini 7 Dopo 3 minuti è già pericoloso, bravo Magri a disinnescarlo. Si muove tra Kinkoue e Sottini e per i difensori nerazzurri sono problemi: non sbaglia dal dischetto firmando il gol del momentaneo vantaggio. Anche nel pomeriggio è pericoloso con un paio di belle iniziative personali. (43′ st Masala sv).
Delpupo 5 Non particolarmente ispirato, forse il peggiore del Cagliari. Mai veramente nel match, anche se soprattutto nella prima parte della gara gli spazi per fare male alla difesa avversaria ci sarebbero eccome.
Tramoni 5.5 All’inizio sembra poter spaccare il mondo: fa anche ammonire Sangalli, poi però piano piano sparisce dai radar fino alla sostituzione. (25′ st Cavuoti 6).
All. Agostini 6 Fino al rigore dell’1-1 la sua squadra aveva funzionato alla grande. Dopo aver incassato il pari però è venuta a mancare un po’ di spavalderia e l’Inter ne ha approfittato. Dà linfa nel finale con Kouda e Cavuoti, ma non basta per vincere la partita. Comunque un buon punto.

Cagliari-Inter Primavera 1: la formazione di Agostini
Cagliari-Inter Primavera 1: la formazione di Agostini

PAGELLE INTER
Magri 6 Giusto il tempo di fare una parata su Contini deviando in angolo il suo diagonale ravvicinato, poi deve lasciare il campo per un problema muscolare.
10′ st Rovida 6 Intuisce il rigore di Contini, tocca il pallone ma è comunque gol. Poi il Cagliari abbassa il baricentro e non riesce più ad arrivare dalle sue parti, se non nella ripresa con un diagonale largo ancora di Contini.
Tonoli 6 Si concentra principalmente sulla marcatura di Desogus e porta a casa la pagnotta. L’esterno sardo incide solo quando va centralmente a prendersi il rigore dell’1-0: non era suo.
Vezzoni 6 Primo tempo molto difficile, con Tramoni che lo costringe a stare nella sua metà campo senza mai permettergli di salire. Poi col passare dei minuti riesce ad alzarsi un po’ e ad aiutare Squizzato con qualche sovrapposizione, ma soprattutto riesce a trovare la giusta solidità in fase difensiva.
Kinkoue 5 I soliti pasticci con cui regala palloni agli avversari e il rigore regalato per un intervento davvero ingenuo su Desogus: primo tempo da matita rossa.
Sottini 5.5 Molto meglio di Kinkoue soprattutto in fase difensiva, ma sulla sua pagella pesa l’occasione sprecata da distanza ravvicinatissima sull’1-1: gol che non si può sbagliare, nemmeno se sei un difensore.
Sangalli 6 Nel difficile avvio nerazzurro è uno dei pochi che riesce a tenere la barra dritta. Da un suo bel cross nasce l’azione che porta al rigore dell’1-1, poi tiene testa a Conti e Kourfalidis usando bene intelligenza e tempi di gioco.
Squizzato 5.5 Dà il suo apporto ma non eccelle, sul centro-sinistra non sembra trovarsi propriamente a casa sua. (25′ st Peschetola X).
Casadei 6.5 Altra buona prova per uno dei 2003 più interessanti dell’intero panorama nazionale. Meno appariscente del solito
Fonseca 7 Il più vivo degli attaccanti nerazzurri. Dà riferimenti ai compagni, combatte su ogni pallone e quando c’è da colpire colpisce. Freddissimo dal dischetto: pallone da una parte e Ciocci dall’altra. Poco prima dell’intervallo si fa male, e così è costretto a rimanere negli spogliatoi. (1′ st Mirarchi 6).
Oristanio 6.5 L’Inter si sveglia con l’1-1 di Fonseca, ma poi è lui a trascinarla con le sue giocate. Sempre pericoloso quando mette il turbo, sempre pungente quando ci prova su punizione. (25′ st Jurgens 5.5).
Satriano 5.5 Non riesce a entrare veramente in partita: Cusumano lo marca bene, di palloni interessanti ne arrivano pochi e quando gli arrivano non ha quasi mai la soluzione giusta. Mezzo punto in più perché entra nell’azione del rigore che vale l’1-1.
All. Madonna 6 Primi 20 minuti da brivido, poi con il gol di Fonseca la squadra ritrova convinzione. Nella ripresa prova a portare a casa l’intera posta in palio, ma il Cagliari resiste.

Cagliari-Inter Primavera 1: la formazione di Madonna
Cagliari-Inter Primavera 1: la formazione di Madonna

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0