12 Maggio 2021

Como-Pro Patria Primavera 3: sorride Boscolo, Chierichetti sigla il primo trionfo casalingo

Le più lette

Eccellenza Girone A: rinviata a mercoledì 12 maggio la sfida tra Vergiatese e Brianza Olginatese

Seconda domenica consecutiva con almeno due rinvii nel Girone A di Eccellenza. Dopo Sestese-Base 96, slitta anche il match...

Torino-Sampdoria Under 17: Toma e Vaiarelli non bastano, colpo blucerchiato con super Polli

Gli errori aiuteranno a crescere, come ha affermato il tecnico Menghini a fine partita, però lasciano l'amaro in bocca...

Perugia-Como Supercoppa Serie C: gli umbri graziano i lariani dal dischetto ma il «profeta» Elia annuncia la lieta novella

Il Perugia si aggiudica il primo round della Supercoppa di Serie C, battendo il Como per 2-1 al termine...

Termina 1-0 per la squadra di casa il confronto odierno tra Como e Pro Patria. A deciderla è un gol di testa di Paolo Chierichetti, al suo primo sigillo in campionato, che regala la prima vittoria stagionale casalinga a Christian Boscolo, dopo tre ko di fila.

Concretezza. La partita si apre nel segno di un sostanziale equilibrio tra le due compagini. Il Como nei primi minuti sembra mostrare più coraggio, arrivando a rendersi pericoloso in due occasioni: al quarto minuto con un tiro di Liserani che però finisce alto sopra la traversa e all’undicesimo con una punizione conquistata a ridosso dell’area di rigore. Tuttavia il piazzato battuto da Corbetta finisce anch’esso alto. La Pro Patria è tutt’altro che remissiva, e dopo i primi frenetici minuti prende le misure e inizia a operare con continuità un giro palla cadenzato che coinvolge praticamente tutti i membri, portando avanti un piano che prevede un ritmo di gioco più gestibile per gli uomini di Vecchio. Ciononostante gli ospiti si presentano raramente dalle parti di Di Bella, se non con qualche incursione delle punte prontamente neutralizzate dal reparto difensivo. La situazione si sblocca al 26′ quando il Como conquista un’altra punizione. Il punto di battuta non è comodo come per la precedente ma Corbetta è bravo a far cadere la palla al centro dell’area dove Chierichetti prende il tempo e impatta di testa segnando il gol che inaugura le marcature. Un vantaggio tutto sommato meritato per una squadra che fino a quel momento stava mostrando una buona idea di gioco. La rete cambia il ritmo partita con i padroni di casa che provano a capitalizzare il vantaggio senza però snaturare il proprio gioco con una frenesia che risulterebbe controproducente. Il Pro Patria ha una buona occasione con una punizione a dieci minuti dalla pausa che però termina sul fondo. I comaschi continuano a premere anche nei minuti conclusivi con due grandi occasioni: prima è il solito Corbetta che calcia potente coordinandosi al volo su corner, ma il tiro viene deviato e sfiora la traversa. Poi sul calcio d’angolo conquistato è Pelà a impattare il pallone di testa mancando di poco lo specchio della porta.

Evitare gli sprechi. Il secondo tempo viene inaugurato con un piglio maggiormente aggressivo rispetto alla frazione precedente. Il Como vuole impedire agli avversari di rientrare in partita e chiudere anzitempo la partita, mentre gli ospiti – al netto di un primo periodo chiuso con un fisiologico ammorbidimento – mostrano da subito un maggior coraggio dichiarando implicitamente di non voler uscire così presto dai giochi. Gli uomini di Boscolo sono decisamente propositivi arrivando più volte negli ultimi quindici metri, come in occasione della bella percussione di Cerasani che – sbilanciato – non riesce a calciare con precisione spedendo il pallone pochi centimetri a lato del palo. Al ventesimo è sempre Cerasani che si coordina per il tiro e nuovamente la palla finisce fuori di poco dopo essere sfilata davanti a Faré. Poco dopo avviene la prima vera occasione del Pro Patria: su una lettura errata della difesa casalinga Giardino si coordina e arma il piede calciando potente nello specchio della porta, ma Di Bella è bravo a restare in posizione coprendo il palo e para con sicurezza il tiro. È a questo punto che Vecchio percepisce il momento chiave e opera ben tre sostituzioni in contemporanea, cambiando di fatto tutto il reparto offensivo. Poco dopo però Zeroli viene espulso lasciando i compagni in inferiorità numerica e costringendoli a compattarsi. Gli ultimi cinque minuti segnano più di uno spavento per i padroni di casa: la Pro Patria si getta in avanti arrivando più volte a controllare la sfera dentro l’area, senza però trovare il gol del pareggio. Il Como è attento e nonostante i diversi sprechi accumulati durante il match riesce a uscire dal campo con il risultato minimo utile a siglare il primo trionfo casalingo.

IL TABELLINO 

COMO-PRO PATRIA 1-0
RETE: 26′ Chierichetti (C).
COMO (3-5-2): Di Bella 6, Mendolia 6, Liserani 6, Pelà 6, Soldi 6.5, Chierichetti 7, Vincenzi 6, Ranzetti 6 (32′ st Gandola sv), Citterio 6.5, Corbetta 6.5, Cerasani 6.5 (32′ st Longo sv). A disp. Servidei, Sala, Mutinelli, Galimberti, Gatti, Bertolli, Cosentino, Poerio, Polese. All. Boscolo 6.5.
PRO PATRIA (4-3-3): Ferè 6, Abri 6.5 (43′ st Biancardini sv), Moretto 6.5, Bressan 6 (6′ st Catani 6), Zeroli 6, Pinton 6, Costantini 6, Pisan 6.5, Giardino 6.5 (28′ st Pauselli 6), Oldani 6 (28′ st Alquati 6), Mei 6 (28′ st Avinci 6). A disp. Ferragina, Iemma, Russo, Castiglioni, Moulay, Pasku, Piran. All. Vecchio 6.
ARBITRO: Garbo di Monza 6.
ESPULSO: 30′ st Zeroli (P).

LE PAGELLE

COMO
Di Bella 6 Nel primo tempo non viene praticamente coinvolto. Non corre particolari rischi e si limita ad amministrare il reparto difensivo. Nel secondo tempo una gran parata evita  pericolose complicazioni.
Mendolia 6 Gestione ordinata del proprio reparto. È coinvolto spesso nella manovra e questo lo porta a qualche imprecisione che però non comporta errori sanguinosi.
Liserani 6 Si mette in mostra con buono spirito di iniziativa che lo rende autore di una performance positiva.
Pelà 6 Qualche sbavatura, amministra bene davanti alla difesa e in un paio di occasioni agisce da giocatore offensivo aggiunto.
Soldi 6.5 Consueta prova di maturità per il giovane scelto come capitano. Amministra bene la propria zona e incoraggia i compagni nei momenti più spinosi mostrando leadership e senso del dovere.
Chierichetti 7 Non soltanto il gol che sblocca il risultato. Partita di spessore la sua, con diverse buona chiusure e ribaltamenti di fronte.
Vincenzi 6 Rispetta bene i compiti operando sul lato sinistro del campo. Ogni tanto si intestardisce con il pallone tra i piedi, mostrando a tratti la necessità di dover diventare più cinico.
Ranzetti 6 Non brilla come in altre occasioni ma allo stesso tempo non è imputabile di grosse mancanze. (32’ st Gandola sv).
Citterio 6.5 Consueta prova di grinta e coraggio, lotta molto bene su ogni palla contesa e aumenta notevolmente il coefficiente di pericolosità del reparto offensivo.
Corbetta 6.5 La qualità tecnica è il suo forte e lo mostra partita dopo partita. Oltre alla bella punizione che si tramuta nell’assist, gestisce bene il ritmo partita controllando il pallone senza strafare al netto di qualche sbavatura negli ultimi metri.
Cerasani 6.5 Quando si apre sul lato sinistro per ricevere è sempre pericoloso. Bravo anche nel dialogare con il compagno di reparto. (32’ st Longo sv).
All. Boscolo 6.5 Prepara bene la partita e il vantaggio arriva con merito. La squadra spreca un po’ ma comunque gli agognati tre punti arrivano.

PRO PATRIA
Faré 6 Si fa sorprendere sul gol subito. Nel resto della partita corre più pericoli rispetto al collega comasco ma resta concentrato.
Abri 6.5 Cerca di rendersi utile, venendo particolarmente coinvolto nella costruzione bassa. Quando sale è una minaccia aggiunta. (43’ st Biancardini sv).
Moretto 6.5 Quando la situazione diventa critica il suo gioco sale di livello. Buona prova di gamba e di gestione del pallone.
Bressan 6 Nel primo tempo fa di tutto per contenere le arrembate del Como, all’inizio del seconda metà di gioco prende un brutto colpo che lo costringe all’uscita anticipata.
6’ st Catani 6 Chiamato ad aumentare la concretezza dei suoi, disputa una discreta partita cercando di dare il meglio.
Zeroli 6 La performance è generalmente positiva ma la doppia ammonizione a un quarto d’ora dalla fine è un errore da matita rossa.
Pinton 6 Cerca di tener le redini del reparto difensivo con azioni di copertura frutto di spirito di sacrificio.
Costantini 6 Una buona partita, prova ad agevolare la manovra e ha diverse buone intuizioni in fase offensiva.
Pisan 6.5 Mostra tecnica con il pallone tra i piedi. Nel secondo tempo, a causa dell’infortunio di Bressan, è costretto ad agire da difensore aggiunto.
Giardino 6.5 Nel primo tempo è autore di un paio di buone incursioni dove però manca la zampata vincente. Nella ripresa cerca di rendersi cinico, il tiro più pericoloso della Pro Patria è il suo.
28’ st Pauselli 6 Cerca di portare freschezza in campo ma l’esiguo minutaggio non gli permette di mettersi in mostra.
Oldani 6 Chiamato ad aggiungere fantasia nel reparto offensivo. Buone iniziative volte ad attivare  compagni davanti e qualche azione sbiadita sono due facce di una performance interessante.
28’ st Alquanto 6 Un buon impatto seppure limitato all’ultimo quarto d’ora.
Mei 6 Fatica a trovare la via del gol come anche il compagno di reparto, al netto di un buon lavoro di sponda.
28’ st Avinci 6 Il più pericoloso dei subentranti, in area ha una palla buona a metà ma non riesce a girarsi in tempo per il colpo vincente.
All. Vecchio 6 La squadra risente inizialmente del gol subito ma lui cerca di far restare i suoi ragazzi in partita fino alla fine.

ARBITRO
Garbo di Monza 6 La partita non richiede particolari interventi da parte sua: solo un doppio giallo. Bravo a gestire le poche situazioni potenzialmente calde.

LE INTERVISTE

Soddisfatto il tecnico di casa, Christian Boscolo: «Bisogna fare sempre attenzione agli avversari che possono diventare pericolosi in qualsiasi momento. Potevamo segnare di più, se non siamo andati ulteriormente in rete non è per sfortuna: abbiamo sprecato diverse  occasioni che potevano tramutarsi in un vantaggio più marcato. Dobbiamo lavorare su questo per evitare in futuro di subire brutte sorprese».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli