14 Aprile 2021

Giana Erminio-Pro Sesto Primavera 3: debutto da sogno per Scavo, rimpianti Giana

Le più lette

Desenzano Calvina – Ponte San Pietro Serie D: Franzoni croce e delizia, Ibe la riprende, ma decide tutto Ruffini

È Luca Ruffini l’uomo della provvidenza in casa Desenzano Calvina nel match valido per la 25° giornata del girone...

Rozzano Under 16: capitan Daniele Abbatantuoni, tra gruppo e l’idolo Nicolò Barella

Il capitano di una squadra ha sempre un triplice compito sulle sue spalle. In primis, deve essere sempre un...

Albinoleffe-Virtus Verona Primavera 3: Dusi e Tacchella illudono, i cambi di Biava ribaltano la gara

Grande vittoria per l'Albinoleffe che ribalta il risultato dopo essere andata sotto per ben due volte contro una Virtus...

Fare trenta e non fare trentuno: quello che è mancato alla Giana è riuscito alla Pro Sesto e il calcio si è confermato essere uno sport che sa essere maledettamente semplice, e basta questa frase per capire il perché nel calcio uno vince e l’altro torna a casa con un pugno di mosche in mano. La Pro Sesto sbanca Gorgonzola, vincendo 1-0 con il gol di Matteo Ferrero a fine primo tempo. Neanche il tempo di accomodarsi che la Pro sfiora subito il vantaggio: Panzani va via a mezza difesa avversaria con uno scatto di pura prepotenza, ma arrivato davanti al portiere incrocia troppo il destro e il pallone sfiorando il palo si spegne sul fondo. L’inizio di fuoco non è un fuoco di paglia, visto che la gara è impostata da entrambe le squadre a ottimi ritmi, e le manovre rapide guidate dai piedi di Giani e Latini trovano costantemente spazi nelle difese avversarie, dando l’impressione che lo 0-0 potrebbe durare quanto un pupazzo di neve in piena estate. E serve un po’ più del previsto, ma al 33′ è la Pro Sesto a sbloccare la situazione: il destro di Ferrero sugli sviluppi di un corner è dolce come l’omonima azienda di merendine, ma è amarissimo per Buono, perché nonostante non sia potentissimo va a depositarsi imprendibile nel sette dopo aver toccato la traversa. Un vantaggio meritato per gli uomini dell’esordiente in panchina Scavo, i più propositivi nella prima mezz’ora, ma che rischia di evaporare all’istante, quando un minuto dopo solo un grande riflesso di Cavo impedisce al destro incrociato di Dilernia di terminare la sua corsa nell’angolino basso. Al 40′ possibile sliding door della gara, con la Giana che chiede il rigore per un fallo di Carnevale su Ferrigno: episodio dubbio, su cui Pastori lascia correre in mezzo alle proteste dei padroni di casa. L’inizio della ripresa vive di un equilibrio atipico, dove è la Giana ad attaccare di più, ma è la Pro Sesto ad essere più pericolosa e che sembra avere una specie di controllo indiretto sulla gara, con ripartenze in contropiede che danno sempre l’impressione di poter far male. E chi meglio di una forza fresca per sfruttare un contropiede? Sono proprio i cambi di Scavo, gli azzeccatissimi Cominetti e Franceschinis, a confezionare la clamorosa occasione per lo 0-2: fuga sulla fascia del primo, destro a incrociare del secondo che si stampa sul palo. Lo spavento corso da ancora più verve alla spinta degli uomini di Chiappella, a cui però manca tanto la fantasia necessaria sull’ultimo passaggio: il risultato è una pressione sterile, che non impensierisce Cavo e che fa aumentare il nervosismo dei padroni di casa. La Pro non mostra chiari segnali di sbandamento, la prestazione della retroguardia difensiva, con Carnevale sugli scudi, vive una giornata di grazia. L’unica vera occasione per la Giana arriva in pieno recupero, col destro di D’Elia dal limite dell’area che esce di poco a lato: troppo poco in una giornata di pura frustrazione per i padroni di casa, con lo 0-1 finale che premia una Pro Sesto capace di attaccare e di soffrire quando serve, ingrediente principale per essere capaci di vincere.

IL TABELLINO

GIANA ERMINIO- PRO SESTO 0-1
RETE: 33′ Ferrero (P).
GIANA ERMINIO (4-2-3-1): Buono 6, Manzoni 6.5, Vitanza 6 (10′ st Colombara 5.5) , Giani 6.5 (18′ st Pomer 6), Belinghieri 6, Ragazzini 6 (10′ st Piazza 6) , Villa 5.5, Caronni 6, Dilernia 6, Ferrigno 6.5 (18′ st D’Elia 6), Ghilardi 6. A disp. Galimberti, Previtali, Panzeri, Moro, Oggionni, Antonelli, Nembri. All. Chiappella 6.
PRO SESTO (4-3-3): Cavo 6.5, Ruggieri 6.5, Rosà 6, Latini 7 (15′ st Brenna 6), Righini 6.5 (42′ st Zattoni sv), Carnevale 7.5, Ferrero 7 (42′ st Baldini sv), Losco 6.5, Costa 6.5, Panzani 6.5 (24′ st Cominetti 7), Beltramini 6 (24′ st Franceschinis 6.5). A disp. Fasolini, Bandini, Argilli, Boni, Bossi. All. Scavo 6.5.
ARBITRO: Pastori di Busto Arsizio 5.5 Non sembra avere il controllo del match, troppi fischi dubbi.
ASSISTENTI: Monopoli di Milano 5.5, Ferrais di Milano 5.5.
AMMONITI: Ruggieri (P).
ESPULSI: All.Scavo (P).

LE PAGELLE

GIANA ERMINIO

Buono 6 Sul gol sarebbe servito un vero miracolo, per il resto ordinaria amministrazione e il palo che lo salva su Franceschinis.

Manzoni 6.5 Sempre propositivo sulla fascia, tanti cross in mezzo e garanzia di corsa e grinta.

Vitanza 6 Costretto a una gara a freno a mano tirato per la pressione degli ospiti, si dedica con abnegazione alla fase difensiva. (10′ st Colombara 5.5).

Giani 6.5 Regia spesso scolastica ma comunque efficace, non si esime dalla lotta in mezzo e recupera mille palloni. (18′ st Pomer 6).

Belinghieri 6 Più sofferenza nel primo tempo, nella ripresa invece prende le misure ed è il primo a far ripartire l’azione dei suoi.

Ragazzini 6 Compito difficile in marcatura dietro, soffre un po’ contro Costa ma vince la sua buona dose di duelli. (10′ st Piazza 6).

Villa 5.5 Una prestazione di nervi spesso rischia di diventare negativa, le cose gli riescono sempre a metà.

Caronni 6 Cerca di velocizzare la manovra riuscendoci a intermittenza, ordinato ma gli manca la giocata importante.

Dilernia 6 Lavoro sporco davanti, Cavo gli nega la gioia del gol in quella che è la sua unica vera occasione.

Ferrigno 6.5 Il più attivo dei suoi davanti, salta spesso l’uomo e dai suoi piedi passano tutti i palloni pericolosi. (18′ st D’Elia 6).

Ghilardi 6 Sbatte spesso contro l’attenta difesa avversaria, ha il merito di non demordere fino alla fine.

All.Chiappella 6 Prestazione generosa dei suoi, è mancato il guizzo necessario dalla trequarti in su per riacciuffare il risultato.

PRO SESTO

Cavo 6.5 Una sola vera parata, quella su Dilernia, che si rivela però decisiva per la vittoria dei suoi.

Ruggieri 6.5 Passa più tempo al limite dell’area avversaria che in quello della sua, ala mascherata da terzino.

Rosà 6 Più guardingo del collega di fascia, ma superarlo in uno contro uno è impossibile per le ali avversarie.

Latini 7 Testa alta, qualità e lucidità, l’ABC del regista si trova nei suoi piedi, orologio che controlla il ritmo. (15′ st Brenna 6).

Righini 6.5 Solido e attento in marcatura, si perde Dilernia solo una volta in 90 minuti, senza conseguenze. (42′ st Zattoni sv).

Carnevale 7.5 Difensore vecchio stampo, che ringhia anche sull’ombra degli attaccanti e non lascia passare uno spiffero.

Ferrero 7 Prestazione generosa in mezzo, un contrasto dopo l’altro, il gol della domenica è una ciliegina sulla torta decisiva. (42′ st Baldini sv).

Losco 6.5 Utile lavoro di filtro a centrocampo, molto spesso è lui il guastafeste che mette i bastoni tra le ruote alla manovra avversaria.

Costa 6.5 Sa essere sia pericoloso in zona gol che un regista avanzato, prestazione completa a cui manca solo il gol.

Panzani 6.5 La magia è sempre nel suo bagaglio, oggi non la estrae ma già solo la sua presenza è sempre un grattacapo per la difesa. (24′ st Cominetti 7).

Beltramini 6 Gara più di corsa che di tecnica, trova raramente spazi per incidere in zona gol. (24′ st Franceschinis 6.5).

All. Scavo 6.5 Esordio indimenticabile per lui, con cambi perfetti, espulsione, ma soprattutto una vittoria da ricordare.

LE INTERVISTE

All. Chiappella (Giana Erminio): «Una gara difficile, nel primo tempo abbiamo sofferto un po’ la loro velocità e ci è mancata malizia sul gol subito. Dopo siamo usciti bene, la reazione dei ragazzi c’è stata e penso che ai punti avremmo sicuramente meritato il pareggio, ma il calcio è anche questo e dai nostri errori odierni cercheremo di imparare per tutto il resto della stagione».

All. Scavo (Pro Sesto): «Ringrazio la squadra per avermi regalato un debutto in panchina memorabile, in una partita davvero maschia e combattuta. Noi siamo stati bravi a mantenere il pallino del gioco soprattutto nel primo tempo, poi nella ripresa era prevedibile che loro avrebbero spinto di più e che ci sarebbe stato da soffrire, ma i ragazzi lo hanno fatto benissimo e sono orgoglioso della loro prestazione».

LA FOTOGALLERY

A cura di Stefano Alfieri


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0