7 Marzo 2021

Hellas Verona – Monza
 Primavera 2: il Monza è poca roba e il Verona ne approfitta

Le più lette

Genoa-Atalanta Primavera 1: Kallon e Felipe Estrella affondando la Dea nella ripresa

Due fiammate. Una nel momento cruciale del match, una quando ormai i giochi erano fatti. La prima è firmata...

Vighenzi Under 19, il tecnico Antonelli: «Il compito dell’allenatore è mettere i ragazzi in condizione di rendere al meglio»

Sulla panchina della Vighenzi Calcio Under 19 per la seconda stagione consecutiva siede Giacinto Antonelli. Il tecnico ha portato...

Per gli abbonati del giornale digitale domani, in omaggio, c’è anche Palio Magazine

Otto pagine fitte fitte, un secondo numero da leggere tutto di un fiato. E' Palio Magazine, l'house organ che...

All’ombra dello stadio Bentegodi, il Verona schianta il Monza senza fare nessun tipo di sconti. Finisce 6-1 per i padroni di casa al Tavellin, con il Monza che torna a casa mesto dopo la seconda goleada subita nel giro di appena una settimana dopo la cinquina col Pordenone. Le squadre sono molto compatte in campo e nelle prime battute di gioco è difficile trovare spazi, con poche occasioni pericolose ambo le parti. Al 13’ Bernardi mette un cross invitante in area ma nessuno dei suoi è abbastanza lesto per giungere puntuale all’appuntamento col gol. Il primo tentativo degno di nota dell’undici di Allegretti è il gran tiro da fuori di Magli che al 20’ viene leggermente deviato e sibila a fil di palo. Intorno alla mezz’ora comincia a lievitare la prestazione dei Gialloblu: al 30’ Cancellieri inizia il suo show personale e, sfruttando un tocco impreciso della difesa brianzola, calcia con potenza verso la porta difesa da Rubbi, che è però reattivo a respingere il tentativo con una buona parata. 7’ più tardi lo scambio al limite dell’area tra Bertini e e Cancellieri si conclude con un tiro sull’esterno della rete di quest’ultimo. È solo il preludio al gol. Prima rete che arriva poco dopo, al 39’ con Jocic che quasi per caso si trova sulla traiettoria del cross basso ancora di Cancellieri e non perdona il numero uno del Monza. Il Verona non si accontenta del singolo vantaggio e preme sull’acceleratore. Neanche a dirlo, è ancora turbo-Cancellieri a incunearsi in area, Amato è in netto ritardo e lo stende. Dal dischetto Bertini al 41’ è impeccabile e spiazza Robbi. Il doppio vantaggio subito nel finale di prima frazione può essere una mazzata per qualsiasi squadra, per questo Monza in particolare. Alla ripresa del gioco, il match prosegue sulla stessa falsariga degli ultimi 6’ di gara ne l primo tempo. È un monologo recitato dai ragazzi di Corrent quello che va in scena nel primo quarto d’ora: ci provano in sequenza Calabrese, Pierobon e Bertini ma senza troppa convinzione. L’episodio che chiude definitivamente il match è la punizione di calciata da Bertini al minuto 17: il tiro non è granché, ma il flipper che si genera in area è malefico e non lascia scampo a Robbi per la terza marcatura veronese. Al 23’ uno spento ma volenteroso Yeboah ci prova con un’azione personale ma viene fermato all’ultimo dalla difesa ospite. Risponde dall’altura parte il neo entrato Longo, con un colpo di testa ravvicinato che testa gli ottimi riflessi di Kivila. La forza del Verona sta anche nelle riserve, ne è dimostrazione l’impatto devastante di Florio sul match. È suo il gol del 4-0 con un preciso tiro dal limite dell’area direttamente all’angolino. Passa un solo giro di orologio e Colferati trova il meritato gol della bandiera al termine di un’azione personale. Il finale è un passerella per i Mastini che trovano la via del gol al 45’ e al 48’: prima con la punizione magistrali di Florio all’incrocio dei pali e poi con il tocco sotto porta di Yeboah. Undici gol subiti in due gare faranno scattare campanelli d’allarme in casa Monza.

IL TABELLINO

HELLAS VERONA-MONZA 6-1
RETI (4-0, 4-1, 6-1): 39′ Jocic (HV), 41′ rig. Bertini (HV), 17’ st Saio aut. (M), 38’ st Florio (HV), 39’ st Colferai (M), 45’ st Florio (HV), 48’ st Yeboah (HV).
HELLAS VERONA (4-2-3-1): Kivila 7, Gresele 6.5, Bernardi 7, Coppola 6.5, Martone 6 (1’ st Squarzoni 6.5), Calabrese 6, Bertini 7 (20’ st Florio 8), Pierobon 6.5 (16’ st Terracciano 6.5), Yeboah 7, Jocic 7.5 (35’ st Bragantini 6), Cancellieri 7.5 (35’ st Elvius 6). A disposizione: Aznar, Ogliani, Fornari, Diaby, Nkosi Kansaku, Ferrarese, Zingertas. All. Corrent 7.5.
MONZA (4-3-3): Rubbi 5.5, Cusati 5 (1’ st Falzoni 5.5), Amato 5, Magli 4.5 (18’ st Caizza 5.5), Saio 5, Robbiati 4.5 (32’ st Kojdheli 5), Colferai 6.5, Vallisa 5, Castaldo 5 (1’ st Folla 5.5), Zito 5.5 (14’ st Longo 6), Salducco 5. A disposizione: Priori, Donati Sarti, Abbenante, Calabrò, Prinelli, Pio Loco Boscariol. All.: Allegretti 4.5.
AMMONITI: Martone (HV), Salducco (M), Cusati (M), Calabrese (HV), Vallisa (M), Kojdheli (M)
ARBITRO: Bogdan Nicolae Sfira di Pordenone 7.
PRIMO ASSISTENTE: Giorgio Lazzaroni di Udine 6.
SECONDO ASSISTENTE: Thomas Miniutti Maniago 6.

LE PAGELLE

HELLAS VERONA
All. Corrent 7.5 È bravo a caricare i suoi nonostante il momento difficile dell’avversario. I ragazzi lo ascoltano e anche
Kivila 7 Grande sicurezza tra i pali e fuori: le sue uscite alte sono una garanzia. Dimostra ottimi riflessi su un colpo di testa ravvicinato. Non può nulla sul gol.
Gresele 6.5 Parte in sordina ma poi si sveglia insieme a tutta la squadra e fornisce una prova di grande corsa e qualità.
Bernardi 7 Domina sulla fascia sinistra, tutte le azioni pericolose da quella parte partono dai suoi piedi e dalle sue incursioni in profondità.
Coppola 6.5 Non va mai in sofferenza con l’attaccante avversario, sovrastandolo fisicamente e senza mai farlo girare.
Martone 6 Gioca davanti alla difesa e il suo lavoro è prezioso. Non rientra in campo dopo l’intervallo perché era già ammonito. (1’ st Squarzoni 6.5).
Calabrese 6 Non sempre precisissimo quando deve liberarsi del pallone però gioca una partita di grande sostanza.
Bertini 7 È in palla e si vede, ci prova con numerosi inserimenti e tentativi da fuori. Trova il meritato gol trasformando ottimamente il rigore del 2-0.
20’ st Florio 8 Entra e piazza la doppietta personale in meno di mezzora. Not bad.
Pierobon 6.5 Partita positiva la sua, a voler trovare il pelo nell’uovo in alcune occasioni pecca di velocità di ragionamento quando ha la palla tra i piedi. (16’ st Terracciano 6.5).
Yeboah 7 Lotta tanto su tutti i palloni che gli vengono recapitati ma non riesce mai a essere pericoloso. Spezza l’incantesimo con il sesto gol che chiude il match.
Jocic 7.5 Fa sentire il suo pesò là davanti: corre, lotta, dialoga con i compagni. Ha il grande merito di sbloccare una partita fino a quel punto bloccata. (35’ st Bragantini 6).
Cancellieri 7.5 Quando accende il motorino è impossibile fermarlo, ha un passo superiore e mette sempre in difficoltà la difesa ospite, procurandosi anche il rigore del 2-0. (35’ st Elvius 6).

MONZA
All. Allegretti 4.5 Non riesce a uscire dal Tavellin con un risultato positivo. Non può che essere deluso per la goleada subita.
Rubbi 5.5 In realtà non risulta essere colpevole in nessuna delle sei reti subite, può solo prendersela e raccogliere la palla in fondo al sacco.
Cusati 5 Dalla sua parte oggi gli avversari gli hanno dato filo da torcere, infatti si ritrova spesso in difficoltà a contenere l’ondata gialloblu. (1’ st Falzoni 5.5).
Amato 5 Il suo diretto avversario attacca costantemente e lui soffre. Suo il fallo in ritardo su Cancellieri che dà la svolta definitiva al match per il 2-0.
Magli 4.5 Giornata storta per lui, come per la maggior parte dei suoi compagni. Mette poca qualità anche quando ha il pallone tra i piedi. (18’ st Caizza 5.5).
Saio 5 Davanti il Verona fa paura, e la fisicità di Yeboah certamente non lo ha aiutato. È suo l’ultimo tocco del flipper che regale il 3-0 agli Scaligeri.
Robbiati 5.5 Gara di grande attenzione per buona parte del primo tempo. Cala alla distanza e va nel pallone sul finale di gara. (32’ st Kojdheli 5).
Colferai 6.5 È il più propositivo dei suoi, non a caso è suo il gol della bandiera per i Brianzoli, che rende il passivo meno pesante.
Vallisa 5 Si trova in mezzo al ciclone veronese e fatica a ritagliarsi uno spazio nella manovra di gioco dei Biancorossi.
Castaldo 5 È in ombra per tutto il primo tempo, non gli arrivano palloni e fa poco per andarseli a conquistare. Sostituito all’intervallo. (1’ st Folla 5.5).
Zito 5.5 Si fa notare nel primo tempo per qualche buon lancio lungo per imbeccare i suoi compagni attaccanti. Scompare nella ripresa. (14’ st Longo 6).
Salducco 5 È molto confuso quando è in comando della sfera, ci prova con qualche tiro da lontano ma senza successo.

LE INTERVISTE

NICOLA CORRENT, ALLENATORE HELLA VERONA: «È stata una partita con un risultato pesante. Primo tempo combattuto con il manza che ci ha messo in difficoltà: ripartivano bene in contropiede, pericolosi sui calci piazzati. Simao stati bravi e fortunati a trovare il doppio vantaggio sul finire di primo tempo. Abbiamo un gruppo di qualità che lavora con entusiasmo, non conta tanto la quantità ma la qualità, sono stati tutti determinati. Non so dove potremo arrivare, è un campionato con partite difficili, i dettagli fanno la differenza. Noi abbiamo tante e armi ma possiamo ancora migliorare».

RICCARDO ALLEGRETTI, ALLENATORE DEL MONZA: «Non ci siamo». Scuote la testa il tecnico del Monza, deluso dal risultato finale, alla seconda seconda pesante consecutiva, dopo il ko interno con il Pordenone di settimana scorsa (1-5).


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli