Inter, Youth League: magnifico esordio per l’U19

749
Inter Youth League, Sebastiano Esposito sempre decisivo
Inter Youth League, Sebastiano Esposito sempre decisivo

Inter Youth League – Dopo la sofferta vittoria di sabato a Pescara, la formazione nerazzurra di Armando Madonna era, questo pomeriggio al Breda di Sesto, impegnata nella sua prima uscita nella Youth League contro i cechi della Slavia Pragha. Una partita senza storia, vinta con il minimo sforzo dalla formazione meneghina con un roboante 4-0 in cui ha brillato, ancora una volta, la stellina del solito Sebastiano Esposito un extraterreste per la categoria.
Malgrado i pronostici fossero tutti dalla parte dell’Inter, quasi a sorpresa la partita inizia con gli ospiti subito aggressivi. Passano appena 2 giri di lancette e subito i nerazzurri sono costretti a difendere, con Persyn che si fa trovare al posto giusto riuscendo a deviare un pericoloso traversone diretto verso la porta difesa da Pozzer. Subito lo spavento i nerazzurri reagiscono immediatamente e, dopo neanche un minuto, sul ribaltamento di fronte si guadagnano un pericoloso calcio d’angolo, dal quale per un soffio Ntube non trova la deviazione vincente. L’Inter da qui diventa assoluta padrona del campo, con i cechi che faticano davvero molto a impensierire l’intera retroguardia di casa. Intorno al 20′ il talentino Esposito prova a mettersi in mostra con le sue immense qualità: prende palla sulla trequarti, tenta l’azione personale e una volta entrato in area manca il contatto con il pallone. L’interista chiede il rigore, ma il direttore di gara non è della stessa opinione, ed anzi decide di sanzionarlo con un giallo per simulazione. Il match è caratterizzato da un caldo rovente, che costringe l’arbitro ad un cooling break forzato. La boccata di freschezza sembra dare forze nuove alla formazione di Madonna che al 29′ sblocca il match con Esposito, imbeccato magistralmente da un lancio lungo e calibrato del talento francese Agoume. Una volta macchiato il tabellino, l’Inter vorrebbe portarsi all’intervallo con già la pratica archiviata, ma il portiere ceco Sirtonik non è della stessa opinione e blinda la sua porta.  L’inter, dopo aver trovato il vantaggio non si rilassa, anzi, prende il controllo del gioco sfiorando la rete più volte grazie alle proprie pedine offensive, ma Surovcik riesce a farsi perdonare compiendo miracoli in porta. Nella ripresa il canovaccio del match non cambia, anzi. L’Inter preme ancora sull’acceleratore, vogliosa di mettere al sicuro il risultato. Ad illudere tutti ci pensa Vergani che, imbeccato da un indemoniato Esposito, viene fermato solamente dall’assistente dell’arbritro per fuorigioco. Il 2-0 è nell’aria e si concretizza al 12′ quando Vergani viene steso in area da Sirtonik, per Birsan non ci sono dubbi: è calcio di rigore. Dal dischetto, manco a farlo apposta, si presenta Esposito che con freddezza spiazza l’estremo difensore avversario, bissando così il vantaggio. Sul 2-0, ecco che però i cechi provano a reagire trovando però di fronte a loro un muro nerazzurro che gli impedisce qualsiasi tentativo di rimonta. Al fine di poter chiudere una volta per tutte i conti, il tecnico Madonna decide allora di pescare dalla panchina. Al 30′ ecco che l’ex tecnico della Virtus Bergamo inserisce Oristanio – già protagonista sabato a Pescara – che ripaga subito della fiducia andando a segno solamente 3 minuti più tardi, grazie ad uno splendido mancino che non lascia scampo a  Surovcik. A questo punto lo Slavia esce di fatto dalla partita e nel finale sotto nel punteggio, e anche di un uomo (complice l’espulsione di Hosek a quattro dalla fine), e l’Inter chiude così il suo esordio nella competizione continentale, trovando con un più che positivo Vergani la rete che fissa il risultato sul roboante e definitivo 4-0. Dopo il grande successo di oggi, la strada si mette in salita per i ragazzi di Madonna. Nei prossimi impegni, infatti, avranno di fronte il Barcellona (2/10) ed il Borussia Dortumund (5/11), due rivali di tutt’altra caratura, ma alla portata della formazione nerazzurra.

INTER 4
SLAVIA PRAGHA 0
RETI: 30′, 12′ st rig. Esposito (I), 33′ st Oristanio (I), 45′ st rig. Vergani (I)
INTER: Pozzer, Kinkoue, Ntube, Pirola, Persyn (20′ st Squizzato), Gianelli (40′ st Vaghi), Agoume, Schirò (29′ st Oristanio),  Burgio (20′ st Colombini), Vergani, Esposito (29′ st Fonseca). A disp.: Stankovic, Attys, Vaghi. All.: Armando Madonna.
SLAVIA PRAGHA: Sirotnik (7′ Surovcik), Vincour, Stetka (30′ st Matys), Hosek, Kosek, Vit (13′ st Zinhasovic), Toula, Doudera, Aguiar (1′ st Zerovik), Cerv, Vanek (30′ st Kristan). A disp.: Barta, Allijagic. All.: Hysky.
ESPULSO: 41′ st  Hosek (S).

Lorenzo Borsellino – Matteo Diaco


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.