12 Agosto 2020 - 12:09:04

Juventus-Bologna Primavera: Tongya inventa, segna e regala l’ultima vittoria dell’anno

Le più lette

Juventus Primavera, il Monza si aggiudica l’amichevole estiva

La Juventus Primavera torna in campo per preparare l'ottavo di finale di Youth League contro il Real Madrid del...

Novara, è ufficiale: Sergio Zanetti nuovo allenatore della Berretti

Mancava solo l'ufficialità per l'approdo di Sergio Zanetti al Novara. L'argentino allenerà la Berretti prendendo il posto di Giacomo...

Rovato Eccellenza, tra i pali arriva Manuel Felotti dal Brusaporto

Nuovo portiere per il Montorfano Rovato, società impegnata nel campionato di Eccellenza, che si è assicurata il classe 2002...

È di nuovo Juventus-Bologna Primavera. Si ripete a distanza di tre giorni dallo scontro tra le due compagini in Coppa Italia, terminato 3-1 in favore dei bianconeri. Questa volta il divario si è leggermente ridotto ma il risultato sorride sempre ai ragazzi di Zauli: 3-2 con le reti di Da Graca, Portanova e Tongya oltre alla doppietta su rigore nella ripresa di Juwara.

PRIMO TEMPO – La partita comincia con il Bologna che prova a fare la partita affidandosi al mancino di Juwara, autore di vari spunti pericolosi sulla fascia destra. La prima azione degna di nota però capita sui piedi di Portanova ma Khailoti è ottimo nel tentativo disperato di mettere in angolo. Al 18′ dopo un paio di rimpalli è Franco Tongya a risolvere con una giocata per servire Da Graca che fulmina Molla. Altro gol per l’ex Palermo dopo le doppiette a Leverkusen e contro lo stesso Bologna qualche giorno fa. Passano due minuti è Portanova si inventa un destro strepitoso per il raddoppio bianconero, un tiro che va a finire sul palo prima di terminare la propria corsa in fondo al sacco. La gara si contraddistingue per un gioco spezzettato complici vari falli che interrompono spesso e volentieri le azioni. Il Bologna si fa vivo con Di Dio ma Israel è attento a mettere in angolo. Passa un minuto, esattamente al 38′, è Tongya dopo l’assist trova anche la gioia personale tenendo di fisico su Khailoti e beffando Molla sul suo palo. La Juventus non ha intenzione di fermarsi e Ahamada, dopo essere partito da metà campo, conclude con un tiro debole e centrale. Niente a che vedere con la gran conclusione di Ruffo Luci al 46′ per gli ospiti, ma la sfera scheggia il palo.

SECONDO TEMPO – La ripresa vede i padroni di casa entrare in campo con un atteggiamento di gran lunga diversa rispetto a quello mostrato positivamente nelle ultime undici uscite che l’hanno vista uscire sempre con almeno un punto. Ne approfitta il Bologna con Di Dio che al 10′ viene atterrato da Dragusin, regalando a Juwara il gol del 3-1 riaprendo di fatto la partita. La mentalità bianconera non cambia e questo favorisce i felsinei che conquistano un altro rigore, questa volta dopo un contatto Ahamada-Farinelli che offre a Juwara la doppietta personale. Due penalty calciati benissimo dall’esterno del Bologna, tra i migliori in campo. Il Bologna a quel punto prova il tutto per tutto senza riuscire nell’impresa con la Juventus che si chiude e mantiene il risultato a favore.

Per Zauli si tratta del dodicesimo risultato utile di fila in tutte le competizioni, rischiando nella ripresa ma approfittando di un primo tempo perfetto. Il Bologna invece colleziona la quinta sconfitta consecutiva tenendo conto della Coppa Italia. In campionato dunque gli emiliani tengono la decima posizione a differenza della Vecchia Signora che approfitta degli stop di Inter, Cagliari e Genoa per avvicinarsi alle zone alte della classifica.

PRIMAVERA – IL TABELLINO DI JUVENTUS-BOLOGNA 3-2

JUVENTUS-BOLOGNA 3-2

Reti (3-0, 3-2): 18′ Da Graca (J), 20′ Portanova (J), 38′ Tongya (J), 11′ st su rigore e 39′ st su rigore Juwara (B).

JUVENTUS (4-3-2-1): Isreal; Bandeira, Dragusin, Vlasenko, Anzolin; Ranocchia (33′ st Leone), Fagioli, Ahamada; Portanova, Tongya; Da Graca. A disp.: Garofani, Raina, Riccio, De Winter, Francofonte, Abou, Sekulov, Moreno, Stoppa, Gerbi. Allenatore Zauli.

BOLOGNA (4-1-4-1): Molla; Longhi, Saputo, Khailoti, Agyemang (30′ st Pagliuca); Grieco (14′ st Stanzani); Juwara, Baldursson, Ruffo Luci, Di Dio (33′ st Farinelli); Uhunanamure (30′ st Cossalter). A disp.: Ruggiu, Boriani, Bianchino, Carrettucci, Bovo. Allenatore Troise.

AMMONITI: 33′ Dragusin (J), 25′ st Fagioli (J), 34′ st Portanova (J).

Arbitro: Claudio Petrella di Viterbo 6.5 Prende due decisioni importanti ma giuste ovvero i rigori assegnati al Bologna nel secondo tempo.

PRIMAVERA – LE PAGELLE DI JUVENTUS-BOLOGNA

Pagelle Juventus

Israel 6.5 Risponde bene a Di Dio nel primo tempo, i rigori di Juwara sono quasi imparabili.

Bandeira 6 Giocate di qualità e qualche sgroppata pericolosa.

Dragusin 6.5 Causa il rigore con una mezza ingenuità ma per il resto tiene a galla la difesa.

Vlasenko 7 Prova rocciosa da parte del centrale difensivo, sempre posizionato bene.

Anzolin 7 Il capitano bianconero offre una prestazione molto positiva, facendo da pendolino sulla fascia.

Ahamada 6.5 Gara di sostanza per il francese, molto duttile nella costruzione della ripartenza della Juventus.

Fagioli 6 La qualità non manca mai, ma la stanchezza si sente. Dopo giornate da 8 in pagella, il centrocampista più di qualche giocata soprattutto nel secondo tempo.

Ranocchia 6.5 Inserimenti velenosi e tanta personalità come si vede quando fa da filtro tra difesa e attacco. (33′ st Leone sv)

Tongya 7.5 Un gol e un assist per il trequartista juventino e della nazionale italiana, decisivo con delle giocate funzionali.

Da Graca 7 Non smette più di segnare, ci ha preso gusto e si vede. Sblocca una partita non semplice da inaugurare.

Portanova 7 L’esperienza si vede e la grande rete è la dimostrazione delle sue qualità.

All. Zauli 7 Dopo un inizio difficile, la sua Juve arriva a 12 risultati consecutivi senza perdere. Oggi prova ottima nel primo tempo, di livello inferiore nel secondo ma il suo 2019 si chiude con i tre punti.

Pagelle Bologna

Molla 5.5 Il portiere della Nazionale ai mondiali brasiliani di categoria non mostra le sue grandi capacità, in particolar modo in occasione del gol di Tongya.

Lunghi 5.5 Viene saltato con troppa facilità, in chiara difficolta.

Saputo 6 Uno dei pochi positivi in difesa, gioca da leader guidando il pacchetto arretrato.

Khailoti 6 Prestazione altalenante nel corso dei novanta minuto. Dal salvataggio di Portanova allo scontro perso con Tongya per il momentaneo 3-0.

Agyemamg 6.5 Vari i cross insidiosi in area di rigore, nonostante l’età si fa rispettare fino al momento del cambio. (30′ st Pagliuca sv)

Grieco 6.5 Ha il peso di tutto il centrocampo visto il modulo 4-1-4-1 ma non si fa distrarre. Grande prova prima della sostituzione. (14′ st Stanzani 6 Prova a dare la scossa).

Juwara 7.5 Imprendibile, le sue giocate sono molto pericolose e rendono la vita dura ai difensori bianconeri. Dal dischetto è infallibile, entrambi tirati molto bene.

Baldursson 6 Qualche spunto ma nulla di più, prova a rendersi utile nel momento di maggior spinta dei suoi.

Ruffo Luci 6.5 Il suo tiro al 46′ del primo tempo meritava miglior fortuna. Ottima conclusione ma è il palo ad opporsi.

Di Dio 6.5 È in fiducia e si vede. Ci prova appena può andando vicino al gol più volte. (33′ st Farinelli 6.5 Si conquista il secondo rigore di giornata).

Uhunamure 6 Poche reali occasioni create dal centravanti bolognese. (30′ st Cossalter sv)

All. Troise 6 Se il primo tempo fatica tantissimo, nella ripresa rischia addirittura di pareggiare un 3-0. Scelte azzeccate e schieramento coraggioso.

PRIMAVERA – LE INTERVISTE DI JUVENTUS-BOLOGNA 3-2

LE PAROLE A FINE GARA: Zauli (Juventus)

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli