22 Giugno 2021

Juventus-Roma Primavera 1: Riccio all’ultimo respiro regala il pareggio, Cerri e Miretti da urlo

Le più lette

Seguro: arriva Gandolfi dalla Brianza Olginatese, confermati Acquaro in Under 15 e Albano in Under 16

Alessandro Gandolfi è il nuovo allenatore dell'Under 14 del Seguro. L’ex Brianza Olginatese, il quale ha ricoperto ruoli di...

PDHAE-Bra Serie D: la fotogallery in vista dei playoff

Il PDHAE di Cretaz si aggiudica il terzo posto nello scontro diretto contro il Bra di sabato. Apre le...

Torneo Eusalp, il cammino della Lombardia di Matteo Medici: 20 motivi (più uno) per sorridere

Manuel Ravasio come Gigi Buffon, Alessandro Pellegrino come Fabio Grosso: il cuore torna a Germania 2006, l’attualità ci porta...

La Juventus non molla mai e lo dimostra anche oggi. Un pareggio che per come si era messa la partita vale come una vittoria. Senza Da Graca per tutto il secondo tempo e con la Roma avanti con i gol di Afena-Gyan e Podgoreanu, i bianconeri sono chiamati agli straordinari e con le reti di Cerri e di capitan Riccio all’ultimo minuto riacciuffano i giallorossi. Andrea Bonatti schiera il suo consueto 4-4-2 con Giovanni Garofani in porta, novità a destra con l’impiego di Daniel Leo al posto di Gabriele Mulazzi mentre per il resto solita difesa composta da Koni De Winter, il capitano Alessandro Riccio e Jean-Claude Ntenda. Matias Soulé agira largo a destra con la coppia Fabio Miretti-Enzo Barrenechea a centrocampo, confermato Samuel Iling-Junior sulla fascia mancina. Davanti Nikola Sekulov supporterà da seconda punta il capocannoniere della competizione Marco Cosimo Da Graca, in gol da tre partite consecutive in campionato con 15 reti complessive. Alberto De Rossi mette in campo i suoi con il solito 4-2-3-1 composto da Pietro Boer tra i pali che sostituisce Davide Mastrantonio. Difesa formata da Matteo Tomassini, Raul Morichelli, Javier Vicario e Amir Feratovic. Squalificato il centrale difensivo titolare Maissa Ndiaye arrivato alla sua quinta sanzione nella scorsa giornata contro la Lazio. A centrocampo presenti Edoardo Bove e Filippo Tripi, assente Ebrima Darboe: in panchina contro il Manchester United con la Prima Squadra, non è stato nemmeno convocato per la sfida di Vinovo esattamente come Riccardo Ciervo che viene sostituito da Suf Podgoreanu. A sinistra opererà Nicola Zalewski con Tommaso Milanese schierato trequartista centrale. Davanti unica punta il ghanese Felix Afena-Gyan, reduce da un gol contro l’Atalanta e un assist nel derby capitolino.

Felix in girata. I primi minuti sono prevalentemente di studio che vengono spezzati al nono da una conclusione di Da Graca che scalda le mani a Boer. Prende poi piede la Roma con alcune giocate interessanti sugli esterni ed è proprio da una sponda di Zalewski sulla sinistra che nasce la prodezza di Afena Gyan che al 15′ in acrobazia prende contro tempo Garofani che non può nulla sulla conclusione del numero nove ghanese che porta avanti la Roma. Un minuto dopo i giallorossi possono subito raddoppiare con una magia di Milanese che supera il diretto avversario con una veronica, si sposta il pallone sul destro e calcia molto forte con la sfera che termina sul fondo di qualche centimetro. La Juventus attutisce il colpo e prova a rispondere: lo fa prima con Barrenchea, ma la palla finisce alta, e successivamente con Da Graca che si invola per 40 metri ma al momento di concludere perde un po’ di potenza e non angola abbastanza il pallone, ben respinto da Boer. Ultima chance sulla testa del terzino svizzero bianconero Leo che sul secondo palo salta di testa e colpisce l’esterno della rete. Sfortunata la Roma costretta a cambiare nel corso della prima frazione Vicario per un problema muscolare e Morichelli dopo uno scontro fisico contro Ntenda. Nell’intervallo anche Da Graca è obbligato ad alzare bandiera bianca, probabilmente per un colpo ricevuto nella prima frazione. Non a caso, pochi minuti dopo l’inizio del match, si era fermato toccandosi la zona lombare della schiena.

Riccio allo scadere. Ripresa shock per la Juventus con il raddoppio immediato della Roma firmato Podgoreanu che approfitta della respinta corta di Garofani per ribadire in rete, male anche Ntenda che si fa trovare dietro l’attaccante israeliano libero di colpire indisturbato a porta libera. La reazione bianconera arriva con Sekulov che scarica tutta la sua rabbia col destro ma è bravissimo Boer a mano aperta a mettere in angolo. Al 17′ della ripresa grande azione della Juventus con Soulé che apre sulla sinistra per iling-Junior che mette in mezzo e trova Cerri anch’esso a porta libera che scarica in porta. Poco dopo chance enorme per Soulé che calcia altissimo da pochi passi dopo un azione strepitosa di Miretti, già in precedenza pericoloso dalle parti di Boer. Continua l’assedio Juventus che con l’ingresso di Turicchia, Chibozo e Turicchia oltre quello di Cerri ha aumentato i giri del motore. A cinque dalla fine Sekulov fa la barba al palo con una conclusione molto forte sugli sviluppi di angolo. Boer si supera ancora, questa volta sulla deviazione di Riccio nata da una punizione di Miretti che impegna l’estremo difensore della Roma che devia in angolo. La Juventus non demorde e all’ultimo secondo Miretti trova Cerri, bravissimo a fare la sponda per Riccio che scarica in porta trovando l’insperato pareggio in rimonta.

IL TABELLINO

JUVENTUS-ROMA 2-2
RETI (0-2, 2-2): 15′ Afena Gyan (R), 12′ st Podgoreanu (R), 18′ st Cerri (J), 49′ st Riccio (J).
JUVENTUS (4-4-2): Garofani 5.5, Leo 5.5 (20′ st Mulazzi 6.5), Ntenda 6 (36′ st Chibozo sv), Barrenechea 6, De Winter 7, Riccio 7.5, Sekulov 6.5, Miretti 7.5, Da Graca 6 (1′ st Cerri 7.5), Soulè 5.5, Iling-Junior 6.5 (29′ st Turicchia 6.5). A disp. Senko, Fiumanò, Omic, Nzouango, Cotter, Sekularac, Raina. All. Bonatti 7.5.
ROMA (4-3-3): Boer 7, Tomassini 6.5, Vicario sv (24′ Buttaro 6), Morichelli 6 (39′ Faticanti 5.5), Feratovic 6, Tripi 6.5, Milanese 7 (36′ st Pagano sv), Bove 6.5 (36′ st Tahirovic sv), Afena Gyan 7 (36′ st Tall sv), Zalewski 7, Podgoreanu 6.5. A disp. Mastrantonio, Evangelisti, Zajsek, Cassano, Bamba, Berti, Voelkerling. All. De Rossi 6.
ARBITRO: Acanfora di Castellammare di Stabia 6.
ASSISTENTI: Bonomo di Milano e Ravera di Lodi.
AMMONITI: Barrenechea (J), Faticanti (R).

LE PAGELLE

JUVENTUS

Garofani 5.5 Sbaglia in occasione del secondo gol, respinge male e corto regalando a Podgoreanu il gol del momentaneo 0-2.

Leo 5.5 Torna da varie settimane di stop e panchina, è ancora un po’ arrugginito e si vede. Ha però messo importanti minuti nelle gambe per le gare che verranno.

20′ st Mulazzi 6.5 Entra molto bene in campo, sulla destra si fa vedere con alcune sgroppate e sortite offensive di qualità.

Ntenda 6 Meno devastante del solito, anche lui ha colpe sulla seconda rete visto che si trova dietro a Podgoreanu. Prestazione sufficiente poiché si dimostra spina nel fianco per la difesa avversaria. (36′ st Chibozo sv).

Barrenechea 6 Meno qualità del solito, ma tanta sostanza e cattiveria agonistica. Non toglie mai la gamba e fa ripartire spesso i suoi compagni.

De Winter 7 La personalità del belga è disarmante, calma olimpica indipendentemente dal minuto di gioco. Molto bene anche nelle varie coperture difensive.

Riccio 7.5 Che fosse ispirato sotto porta lo si notava negli ultimi minuti. Oltre al buona prova difensiva, va evidenziato il gol da attaccante vero all’ultimo secondo. Gioia immensa per il capitano bianconero.

Sekulov 6.5 Aggiunge al sacrificio anche un po’ più di concretezza e pericolosità col tiro. Partita di livello, che aumenta dopo l’uscita di Da Graca.

Miretti 7.5 Il migliore in campo insieme a Cerri, bravissimo dal primo all’ultimo minuto tra verticalizzazioni, tiri e suggerimenti. Giocatore che dà sempre più l’aria di predestinato.

Da Graca 6 Esce per un infortunio che ha influito anche sulla sua prestazione. Al netto di ciò, scalda più volte la mani a Boer con alcuni tiri pericolosi.

1′ st Cerri 7.5 Ingresso devastante, gol e assist che pesano come macigni sulla partita e sul campionato. Va riconosciuto a suo favore il grande lavoro che sta facendo nonostante le panchine.

Soulé 5.5 Il campo non lo aiuta, non incide e spesso fa ripartire gli avversari. Va però sottolineato il passaggio che porta l’assist del momentaneo 1-2, ma non salva una prestazione al di sotto delle sue qualità.

Iling-Junior 6.5 Giocatore che sta maturando molto a livello tattico, altro assist che si aggiunge alla sua collezione personale.

29′ st Turicchia 6.5 Prova una quantità di cross incredibile, ara la fascia per tutti i quindici minuti.

All. Bonatti 7.5 Indovina i cambi con grandi meriti e si conquista un pareggio di carattere e qualità. Invoca alla calma e ad usare la testa fino all’ultimo, alla fine ha ragione.

ROMA

Boer 7 Più volte decisivo sulle conclusione della Juventus, pecca un po’ sulle uscite in particolar sui corner.

Tomassini 6.5 Si fa trovare pronto sulla fascia di competenza, argina come può l’attacco offensivo fino al definitivo 2-2.

Vicario sv Fuori per infortunio dopo nemmeno mezz’ora.

24′ Buttaro 6 Entra a freddo ma si adatta subito bene, nella ripresa prende le misure e gestisce bene.

Morichelli 6 Finché riesce a rimanere in campo fa la sua parte. Costretto al cambio prima dell’intervallo.

39′ Faticanti 5.5 Soffre tanto l’esperienza, in particolar modo quella di Sekulov. Per essere un classe 2004 non sfigura.

Feratovic 6 Molta fisicità per ostacolare prima Da Graca e poi Cerri. Amministra bene la difesa e guida con autorità i compagni.

Tripi 6.5 Tocca tanti palloni per far ripartire il gioco, non si tira mai indietro e lotta su tutto il campo. Con Barrenechea mette in scena una grande sfida a colpi di contrasti e recupera palloni.

Milanese 7 La qualità è dalla sua parte e già lo sapevamo, sfiora il gol dopo una giocata clamorosa. Via via si vede meno in avanti, ma comunque ogni azione importante transita dai suoi piedi. (36′ st Pagano sv).

Bove 6.5 Riesce ad alternare bene in entrambe le fasi, sparisce in fase offensiva ma è anche normale visto il ruolo e il tipo di partita che ha dovuto interpretare. (36′ st Tahirovic sv).

Afena Gyan 7 Il suo gol è una prodezza, ottima girata che inchioda Garofani. Da apprezzare il lavoro svolto tra sponde, ripartenze e pericoli creati. (36′ st Tall sv).

Zalewski 7 Grande sponda per il gol di Felix, uno dei più pericolosi in attacco e lo dimostra per tutta la gara. La Roma si affida a lui quando ha provato a ripartire.

Podgoreanu 6.5 Un po’ in ombra nella prima frazione, si riscatta nella ripresa con il gol del momentaneo 0-2.

All. De Rossi 6 Non è di certo facile andare sullo 0-2 a Vinovo, il problema è che alla fine tra Roma a corrente alternata e una Juve martellante arriva solo un pareggio.

ARBITRO

Acanfora di Castellammare di Stabia 6 Pochi errori in questa partita, solo un episodio dubbio su un presunto rigore per la Juventus (contatto su Miretti), ma dalle immagini sembra aver preso la decisione corretta.

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli