10 Aprile 2021

Novara-Pro Patria Primavera 3: Costantini e Zeroli firmano il colpaccio esterno, Lofrano in gol per i blues

Le più lette

Orsa Iseo: Luciano Quetti il nuovo direttore sportivo, e Coradi replica a Corini

In attesa dell’ufficializzazione di Luciano Quetti come nuovo direttore sportivo, prevista nel pomeriggio di martedì 6 aprile, il presidente...

La Biellese cala il pokerissimo: cinque nuovi arrivi

A pochi giorni dall'inizio del nuovo campionato di Eccellenza, La Biellese ufficializza cinque nuovi arrivi in casa bianconera, portando...

L’Under 15 Femminile dell’Olimpia SQ: una famiglia nata e cresciuta con Roberto Di Stefano

Una scommessa vinta quella del Presidente Gabriele Lanza: prosegue a gonfie vele la crescita del settore femminile dell’Olimpia Solero...

Esordio magico per la Pro Patria nel campionato Primavera, che sbanca Novarello, quartier generale del Novara di Erminio Russo, reduce dalla bella vittoria ottenuta a Lecco nell’unica gara finora giocata. Il primo tempo approssimativo e sotto ritmo condanna i Piemontesi alla prima sconfitta in campionato; gioia incontenibile per i ragazzi di Busto Arsizio che, grazie ad una spiccata solidità difensiva e una buona dose di cinismo, ottengono i tre punti alla loro prima uscita ufficiale, in attesa di recuperare le gare con Pro Vercelli, Alessandria e Renate. Decisive le reti in apertura della mezz’ala destra Costantini e del difensore centrale Zeroli, bravissimo anche nel finale a ergere il muro difensivo che regge agli assalti finali del Novara; la zampata di Lofrano a 25 minuti dal termine e il forcing finale dei padroni di casa non bastano per agguantare un punto in rimonta. A Novarello finisce dunque 1-2 tra Novara e Pro Patria.

Giù le mani dai trequartisti. In un calcio caratterizzato spesso da tridenti offensivi, ali estrose e terzini di spinta, Novara e Pro Patria sono voci fuori dal coro che preferiscono affidare le chiavi del loro gioco alla fantasia, all’estro e all’inventiva del 10. Repetto e Oldani non hanno solo un numero sulle spalle, bensì un romantico concetto di calcio inteso come raffinata espressione artistica. Procediamo con ordine. Il tecnico dei padroni di casa, Erminio Russo, schiera i suoi con un 3-4-1-2: l’estremo difensore é De Rosa; linea a tre dietro composta da Morra, il capitano Bartoli e Siciliano; Baldi a destra e Bianchi a sinistra sono i laterali a tutto campo mentre Iervolino e Pensalfini fungono da diga a centrocampo; pochi metri più avanti ecco Repetto, libero di svariare su tutto il fronte offensivo a ricamare per le due punte D’Arcangelo e Giffoni. In risposta Andrea Vecchio, guida della Pro Patria, si affida al 4-4-2 con un centrocampo a rombo perfetto per creare densità in mezzo al campo: Di Lernia tra i pali, Bressan terzino destro, Zeroli e Pinton coppia centrale e Moretto terzino sinistro; Piran davanti alla difesa, Costantini mezz’ala destra, Catani mezz’ala sinistra e Oldani a fare da collante tra il centrocampo e la coppia d’attacco Mei – Giardino. In questo esatto contesto tattico il ruolo, o meglio ancora i compiti in campo, di Repetto e Oldani hanno un peso specifico decisivo nelle sorti dell’incontro: entrambi si incaricano delle palle inattive più pericolose, il primo conferisce qualità ad ogni manovra offensiva, il secondo è decisivo nell’episodio del raddoppio e sa anche mettersi al servizio della squadra quando c’è da soffrire.

Sprint Pro Patria. Il pronti via è di quelli da incubo per i ragazzi di Russo. Giusto il tempo di prendere posizione e gli ospiti passano avanti: pregevolissimo scambio in ripartenza tra Mei e Giordano con quest’ultimo che trova il corridoio per servire l’inserimento di Costantini, lucido nel freddare De Rosa e portare avanti i suoi. Al 20′, con i padroni di casa ancora in confusione, arriva anche il raddoppio. Punizione quasi perfetta di Oldani dal limite dell’area e palla che impatta sul palo; sulla ribattuta il più lesto di tutti è Zeroli che con un tiro sporco beffa nuovamente un incolpevole De Rosa. Una reazione novarese, seppur timida, c’è e si manifesta un quarto d’ora più tardi, quando Repetto lascia partire dall’out di sinistra un cross delizioso su cui Giffoni incorna con forza; l’attaccante 2003 però deve fare i conti con un super intervento di Di Lerna che conserva i due gol di vantaggio con con cui gli ospiti vanno al riposo. Nella ripresa Russo inserisce subito Lofrano, Ballone e Paltrinieri, richiamando in panchina Baldi, Giffoni e Iervolino; i padroni di casa sembrano aver trovato nuova verve e spingono decisi sull’acceleratore fin dai primi minuti della seconda frazione. La Pro risponde colpo su colpo, arginando i pericoli e dimostrando di avere le idee chiarissime quando si può ripartire. Quando mancano 25 minuti al triplice fischio, la partita si riapre: sugli sviluppi di un calcio piazzato di Repetto si innesca un batti e ribatti dentro l’area; Lofrano è caparbio e fortunato a ribadire in rete il pallone e regalarci un finale avvincente. L’inerzia ora è tutta per i blu che costringono gli ospiti stabilmente nella loro metà campo; le occasioni concrete però faticano ad arrivare. Nonostante le mole di corner subiti e la costante pressione avversaria, la Pro stringe i denti, si difende con tanti uomini e nei minuti finali riesce anche a tamponare l’inferiorità numerica scaturita dal secondo giallo a Costantini. L’unico vero brivido per Vecchio e i suoi è al 92′, sull’ennesima traiettoria aerea, questa volta letta male da Di Lernia ma non capitalizzata da Gazoul. Si chiude così con una splendida vittoria, prova di grande carattere per i Lombardi; al Novara non resta che rammaricarsi per quei minuti iniziali approcciati con troppa leggerezza.

IL TABELLINO

NOVARA-PRO PATRIA 1-2
RETI (0-2, 1-2): 10′ Costantini (P), 24′ Zeroli (P), 20′ st Lofrano (N).
NOVARA (3-4-1-2): De Rosa 6, Morra Bean 6, Bianchi 6.5 (27′ st Paglino 6), Iervolino 5.5 (1′ st Ballone 6), Siciliano 6, Bartoli 6, Baldi 5.5 (1′ st Lofrano 6.5), Pensalfini 5.5, D’Arcangelo 5.5 (20′ st Gazoul 6), Repetto 7, Giffoni 5.5 (1′ st Paltrinieri 6). A disp. Pallavicini, Lorenzi, Favia, Baldazzi, Mattei, Tadini, Iannucci. All. Russo 6.
PRO PATRIA (4-3-1-2): Di Lernia 6, Bressan 6, Moretto 6 (30′ st Biancardini 6), Piran 7, Zeroli 7,5, Pinton 6.5, Costantini 7, Catani 6 (30′ st Pauselli 6), Giardino 6.5 (30′ st Pasku sv), Oldani 7 (24′ st Di Vita 6), Mei 6.5 (40′ st Alquati sv). A disp. Ferè, Abri, Iemma, Avinci, Castiglioni. All. Vecchio 7.
ARBITRO: La Luna di Collegno 6.
AMMONITI: Morra Bean (N), 20′ Siciliano (N), 23′ Pinton (P), 43′ Zeroli (P), 42′ st Costantini (P).
ESPULSO: 43′ st Costantini (P).

LE PAGELLE 

Novara
De Rosa 6 Esente da responsabilità in entrambi i gol. Nella ripresa è bravo a disinnescare un tiro da fuori di Mei.
Morra 6 Gara senza preziosismi; migliora quando ha più campo sulla destra per far valere l’ampia falcata.
Bianchi 6.5 Gioca su tutto l’out si sinistra e lo fa con quantità e qualità, duettando bene con i compagni. (30′ st Paglino sv).
Iervolino 5.5 A volte non è sufficientemente preciso nel dettare i tempi. Cerca di rimediare con fisicità e irruenza nei contrasti.
1′ st Ballone 6 Si posiziona sulla fascia destra, cerca spesso di puntare verso il fondo ma raramente trova sbocchi per incidere.
Siciliano 6 Tolta la prima mezz’ora di confusione collettiva, gioca una partita senza sbavature. Ottimo nel gioco aereo.
Bartoli 6 Capitano e leader del pacchetto difensivo cerca di coordinare i movimenti dei compagni. In un paio di circostanze non gestisce al meglio l’impostazione dal basso.
Baldi 5.5 Gioca solo il primo tempo in cui nessuno dei suoi riesce a mettersi in luce. Lui sembra un po’ fuori dalla manovra.
1′ st Lofrano 6.5 Decisiva una sua zampata per riaprire il match e dare speranza alla squadra. Partecipa da vicino all’assedio finale senza trovare la doppietta.
Pensalfini 5.5 Cala nella ripresa perdendo qualche pallone di troppo, nel complesso non la sua migliore prestazione.
D’Arcangelo 5.5 Per lunghi tratti un po’ isolato, fatica a trovare spazi e non è mai realmente pericoloso.
20′ st Gazoul 6 Capita sulla sua testa la chance finale per il pareggio; sfortunato nell’occasione non impatta al meglio dopo l’uscita a vuoto di Di Lernia
Repetto 7 Cerca sempre il pallone, anche a costo di venirlo a prendere in difesa. Dalle sue iniziative nascono le azioni pericolose dei padroni di casa.
Giffoni 5.5 Non sempre al centro della manovra offensiva, sfortunato quando trova sulla sua strada la paratona di Di Lernia
1′ st Paltrinieri 6.5 Entra nel ruolo di centrocampista e mette ordine nelle idee novaresi. Ottimo ingresso.
All. Russo 6 I suoi nel primo tempo sbagliano l’approccio alla gara. Nella ripresa si vede tanta grinta e desiderio di rivincita.

PRO PATRIA
Di Lernia 6 Incolpevole sul gol subito, fortunato nel finale ma anche superbo nel primo tempo sul colpo di testa di Giffoni.
Bressan 6 Partita molto attenta; sale poco ad accompagnare la manovra ma dalla sua parte non si passa.
Moretto 6 Non sbaglia praticamente nulla e si assume pochi rischi in fase offensiva. (30′ st Biancardini sv)
Piran 7 Diga davanti alla difesa, vanta un senso della posizione invidiabile abbinata a qualità nelle giocate.
Zeroli 7.5 Un leone quando c’è la lottare ma anche un perfetto rapace d’area nell’avventarsi sulla respinta in occasione del raddoppio. Prestazione da incorniciare.
Pinton 6.5 Difensore roccioso, è sempre concentrato e limita perfettamente D’Arcangelo.
Costantini 7 Gol frutto di una splendida incursione a fari spenti. Macchia la bella prestazione con un secondo giallo evitabile nel finale.
Catani 6 Forse il meno brillante dei suoi in mezzo al campo. Da comunque equilibrio in entrambe le fase.
30′ st Pauselli 6 Entra quando i suoi sono schiacciati in difesa e collabora a tenere su la barricata lottando su ogni pallone
Giardino 6.5 Bravissimo nel dare profondità e rapidità alle ripartenze ospiti. (30′ st Pasku sv).
Oldani 7 Punizione magistrale per far scaturire il raddoppio ed una prestazione maiuscola di raccordo tra attacco e line mediana.
22′ st Di Vita 6 E’ bravo a farsi trovare pronto nel momento più difficile del match.
Mei 6.5 Fa a sportellate con i difensori e duetta bene con i compagni quando trova un po’ di spazio. (40′ st Alquati sv).
All. Vecchio 7 Dispone i suoi ragazzi con grande ordine tattico e la squadra non va in affanno eccessivamente in affanno anche nelle fasi più critiche.

ARBITRO

Simone La Luna di Collegno 6.5 Gestisce con polso una partita che nei minuti finali poteva essere complicata.

LA FOTOGALLERY DI GIROLAMO CASSARA’


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0