13 Giugno 2021

Pro Sesto-Renate Primavera 3: Cominetti da urlo, tripletta che vale la vetta della classifica

Le più lette

Pavia-Codogno Eccellenza: la tripletta di Bertocchi cancella il sogno promozione degli azzurri

Un Codogno mai domo rimonta da 0-2 a 3-2 e cancella le residue speranze del Pavia di conquistare il...

Monza-Pro Sesto Under 12 Femminile: scopri le immagini più belle del match

Grande prova per l’Under 12 dell’A.C. Monza di Siliani che supera la Pro Sesto di Li Destri. Un importante...

Corsico-Arca Pulcini B: Sciascia e Mascolo intesa vincente, Fossati è una meraviglia

Uno spettacolo di calcio a tutti gli effetti quello offerto tra Corsico e Arca, tra gol stupendi e parate...

Da oggi c’è una nuova capolista assieme al Novara, ed è la Pro Sesto di Scavo che, nel recupero della quinta giornata, supera per 4-2 il Renate di Battilana grazie ad una splendida tripletta di Giovanni Cominetti: autentico leader della formazione biancoceleste e una spanna sopra tutti. Le Pantere creano tanto ma allo stesso tempo concedono troppo, e il risultato è solo la naturale conseguenza.

Primo tempo. A partire fortissimo è la squadra di casa, con il gol del vantaggio targato Cominetti che arriva subito: al 4’ errore delle Pantere davanti la propria di area di rigore, ne approfitta Cominetti che s’invola solo verso la porta e buca Proverbio. Un minuto più tardi sfiora anche il raddoppio: altro errore della difesa del Renate, decisamente in bambola, ma questa volta il diagonale di Mehmedaj finisce di poco a lato. La reazione del Renate arriva subito, però, e all’ 8’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Colombo anticipa Fasolini sul primo palo e di testa infila in rete: stabilità la parità. La partita è vibrante, i ritmi sono alti, e al 21’ la Pro Sesto torna nuovamente in vantaggio: da una mischia in area di rigore, Cominetti è il più lesto ad anticipare tutti, e infila a porta sguarnita la rete del 2-1. Il Renate, nonostante lo svantaggio, non smette di giocare, e al 30’ su un’azione personale di Bianchi sfiora il pari, ma Fasolini con i piedi si oppone e devia in calcio d’angolo. Al 33’ si rivede la squadra di casa, con uno plendido contropiede guidato da Ferrero che serve Mehmedaj in area di rigore, ma il centravanti sfiora leggermente la palla, spedendola a lato e sciupando una colossale occasione da gol. Al 37’ momento chiave del match: punizione laterale in prossimità dell’area di rigore per i bianconcelesti, alla battua va Rosà, sponda di Ferrero che sbatte sulla difesa del Renate e palla a Righini, che con il destro non sbaglia e fa 3-1. La Pro Sesto ha voglia di chiuderla, e due minuti più tardi sfiora il poker con il diagonale di Losco, che però finisce fuori, a fin di palo. Non accade altro, e il direttore di gara manda le squadre a riposo con il punteggio di 3-1 in favore dei padroni di casa.

Secondo tempo. Battilana decide di effettuare una sostituzione all’intervallo, inserendo Maffia al posto di Stamato: non cambia nulla dal punto di vista tattico. Il Renate entra con determinazione in campo, e riesce subito a dimezzare lo svantaggio con Cisternino, che al 4’ è bravissimo a capitalizzare al meglio di testa la sponda del compagno Sardo e a segnare la rete del momentaneo 2-3. Passa soltanto qualche minuto e il Renate sfiora anche la rete del 3-3, con Tramutoli che di testa, a botta sicura, colpisce il palo, su un cross perfetto del compagno De Meo. La Pro Sesto è sul pezzo però, e al 13’ trova il quarto gol di giornata, ancora Cominetti, bravissimo in area di rigore ad anticipare tutti e ad infilare a fin di palo la sua terza rete personale della partita. Le azioni fioccano da una parte e da un’altra, e un minuto più tardi un sinistro a botta sicura di Bianchi si schianta sulla traversa, negandogli la gioia del gol. Al 23’ è nuovamente la squadra di casa a sfiorare la rete, con un’azione tutta personale di Ruggieri che entra indisturbato in area di rigore ma sulla sua strada trova Proverbio che gli dice di no con un intervento con i piedi a dir poco strepitoso. Quattro minuti più tardi il Renate recrimina per un calcio di rigore non concesso da Bertin, su un sospetto contatto tra Costanzo e Rosà, ma per il direttore di gara non ci sono dubbi. Al 40’ Cominetti potrebbe fare poker, ma ancora una volta Proverbio si oppone, evitando il tracollo delle Pantere. Il Renate ci prova fino alla fine, con diverse azioni pericolose, ma non riesce ad accorciare il punteggio: la Pro Sesto vince e vola in vetta alla classifica assieme al Novara. Il Renate gioca ma concede troppo, e ancora una volta è costretta a leccarsi le ferite.

IL TABELLINO

PRO SESTO-RENATE 4-2
RETI (1-0, 1-1, 3-1, 3-2, 4-2): 4′ Cominetti (P), 8′ Colombo (R), 21′ Cominetti (P), 37′ Righini (P), 4′ st Cisternino (R), 13′ st Cominetti (P).
PRO SESTO (4-3-3): Fasolini 6.5, Ruggieri 7 (39′ st Gulli sv), Rosà 6, Latini 7 (39′ st Beretta sv), Righini 7, Carnevale 7, Ferrero 7.5 (31′ st Brenna sv), Miscioscia 7, Mehmedaj 7.5 (31′ st Bossi 6.5), Losco 7 (13′ st Baldini 6), Cominetti 8.5. A disp. Cavo, Zattoni, Gufoni, Rossi, Boni , Argilli, Coco. All. Scavo 7.5.
RENATE (3-5-2): Proverbio 7, Nespoli 5.5 (42′ st Cammara sv), De Meo 5.5, Cisternino 7, Trubia 6.5, Stamato 5.5 (1′ st Maffia 5.5), Sardo 6.5 (20′ st Costanzo 6), Rosa 6, Tramutoli 5.5 (20′ st Piccone 6), Bianchi 6.5, Colombo 7 (11′ st Butti 6). A disp. Glionna, Selmo, Eberini, Meroni, Maccario, Bosco. All. Battilana 6.
ARBITRO: Bertin di Como 5.5.
ASSISTENTI: Danciu di Lodi e Liuzza di Milano.
AMMONITI: Gulli (P), Cisternino e Stamato (R).

LE PAGELLE

PRO SESTO
Fasolini 6.5 Così così in occasione del gol del pareggio di Colombo, ma poi si riprende con uscite di grandissima personalità, e trasmette sicurezza a tutta la squadra.
Ruggieri 7 Strepitoso con le sue sovrapposizioni lungo l’out di destra, nel secondo tempo sfiora anche il gol, ma Proverbio è super e glielo nega. (39′ st Gulli sv).
Rosà 6 Dai suoi piedi nasce la rete del momentaneo 3-1, nel secondo tempo soffre un po’ troppo le imbucate del Renate dalla sua zona, ma le prestazione è sufficiente.
Latini 7 In mezzo al campo è un’autentica diga, alternando qualità e quantità. Fa girare la squadra con personalità ed è un leone dall’inizio alla fine. Nel finale, esausto, lascia spazio a Beretta. (39′ st Beretta sv).
Righini 7 Prestazione di personalità per lui, da vero leader della difesa. Ma non è tutto qui: si concede anche la rete del 3-1, anticipando con grande scaltrezza tutta la difesa delle Pantere e siglando la prima rete stagionale.
Carnevale 7 In coppia con Righini annullano di fatto, Tramutoli, marcandolo con grande mestiere per tutta la partita. Prestazione autorevole.
Ferrero 7.5 Sulla fascia è una spina nel fianco costante per la difesa delle Pantere, e dai suoi piedi arrivano ghiotte occasioni a rete per i suoi compagni. (31′ st Brenna sv).
Miscioscia 7 Il terzetto di centrocampo biancoceleste funziona a meraviglia, e Miscioscia offre un notevole apporto, contribuendo alla vittoria della squadra.
Mehmedaj 7.5 Oggi non segna, ma lotta come un leone in mezzo al trio difensivo del Renate, creando notevoli pericoli con le sue sponde: prestazione generosissima. (31′ st Bossi 6.5).
Losco 7 Che qualità quando s’inserisce. E proprio da uno dei suoi inserimenti con i tempi giusti sfiora il gol, con un diagonale che termina di pochissimo a lato. A metà secondo tempo lascia il campo, e viene sostituto dal compagno Baldini. (13′ st Baldini 6).
All. Scavo 7.5. La squadra rispecchia le idee dell’allenatore, che ci mette tanto cuore e tanta grinta dalla panchina. Vittoria che vale oro, e anche la testa della classifica.

 

RENATE
Proverbio 7 Insicuro in qualche uscita nel primo tempo, decisivo con parate che tengono a galla la squadra nella ripresa: ottima partita.
Nespoli 5.5 Nel primo tempo dalla sua zona nascono due delle tre reti della Pro Sesto, e Cominetti è troppo più veloce di lui. (42′ st Cammara sv).
De Meo 5.5 Ferrero è un cliente scomodo, e fa fatica a contenerlo nel primo tempo. Si riprende nella ripresa, ma non è di certo la sua miglior giornata.
Cisternino 7 Gol e tanti lanci in profondità di pregevole fattura: è lui il vero cervello delle Pantere. E la prestazione è di altissimo livello: da applausi.
Trubia 6.5 L’unico a non perdere mai la bussola al centro della difesa, nonostante le continue verticalzzazioni degli avversari.
Stamato 5.5 In difficoltà sulle ripartenze della Pro Sesto, si becca un’ammonizione e viene sostituito da Maffia a fine primo tempo.
1′ st Maffia 5.5 Tatticamente il suo ingresso non cambia nulla, ma le difficoltà riscontrate dal collega di reparto Stamato sostanzialmente rimangono.
Sardo 6.5 Poco presente nella prima frazione di gioco, decisamente protagonista nella seconda. Suo l’assist sul gol di Cisternino: bravo. (20′ st Costanzo 6).
Rosa 6 Da lui ci aspetta sempre tanto, ma oggi non regala la solita prestazione di livello. Non è il peggiore, però, e nel complesso merita la sufficienza.
Tramutoli 5.5 Pochi, se non nulli, i palloni giocabili, quasi sempre ingabbiato dalla difesa avversaria. L’unico squillo della gara è la traversa ad inizio secondo tempo, e al 20′ Battilana lo sostituisce, ma la musica non cambia. Prestazione da rivedere. (20′ st Piccone 6).
Bianchi 6.5 Le sue giocate sulla fascia sinistra intimoriscono la difesa della Pro Sesto, che spesso va in difficoltà da quella parte. Nel secondo tempo prende anche una traversa, e non molla mai: prestazione importante.
Colombo 7 Un gol importante che illude la sua squadra, poi la partita si complica notevolmente, ma la prestazione c’è. Il contributo anche. Ad inizio secondo tempo lascia il campo in favore del compagno Butti. (11′ st Butti 6).
All. Battilana 6 I suoi creato tanto in fase offensiva, ma concedono troppo agli avversari, e la Pro Sesto non perdona. Ennesima sconfitta che brucia e fa riflettere.

LE INTERVISTE

A fine partita, il tecnico della Pro Sesto Giuseppe Scavo è felicissimo della prestazione dei suoi ragazzi e del girone di andata che si è appena concluso: «Abbiamo fatto una grande prestazione. La nostra forza è il gruppo, e ho la fortuna di allenare 25 ragazzi che lottano su ogni pallone. Partita strana, a folate, dove abbiamo creato tantissimo ma anche concesso qualcosina. A livello offensivo credo che il Renate sia la squadra migliore, e non era facile vincere contro di loro. Il bilancio sul girone d’andata è positivo. La squadra può stare davanti, ma pensiamo partita dopo partita».

Di tutt’altro morale Matteo Battilana, allenatore del Renate, che si sofferma sugli errori della propria squadra: «A differenza di altre partite, oggi abbiamo creato molto ma abbiamo concesso troppo. E nei quattro gol della Pro Sesto ben tre sono disattenzioni nostre. Purtroppo paghiamo questo».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli