12 Giugno 2021

Renate-Novara Primavera 3: impresa dei piemontesi in nove, Lorenzi e Corona per restare in vetta

Le più lette

Segrate, Saladino lascia le redini del settore giovanile: promossi Zumpano e Napolitano, per l’Under 18 c’è Gatti

Col passare del tempo, prendono sempre più forma gli assetti tecnici delle società in vista della prossima stagione. C’è...

Juventus-Spal Primavera 1: Moro e Ellertsson fermano i bianconeri, Cotter sfiora una rimonta pazzesca

Si ferma a dodici la striscia di risultati utili consecutivi per la Juventus di Andrea Bonatti che cade in...

Lombardia Uno-Pro Patria Under 16: Corrias è l’eroe di giornata, Badnjevic l’anima degli ospiti

Corrias e Robustelli cambiano la partita nel secondo tempo e grazie alla qualità delle loro giocate e la sintonia...

Il Novara compie una vera e propria impresa battendo il Renate, pur giocando per oltre 15 minuti in nove. Le reti di Lorenzi e Corona permettono alla squadra Russo di restare in vetta alla classifica. La partita è molto più equilibrata di quando non dicano il risultato e la classifica. Se il Novara crea sfruttando precisi cambi di gioco, il Renate risponde con una circolazione di palla molto precisa e ordinata, che a lungo gli ha permesso di controllare il pallino del gioco, anche in 11 contro 11. Il Renate paga caro però la mancanza di occasioni da rete nitide, mentre gli ospiti sfruttano al meglio le poche occasioni concesse dagli avversari.

Fulmine. Alla prima occasione buona, già al quarto minuto, il Novara passa in vantaggio indirizzando la partita. Punizione dalla trequarti battuta magistralmente da Tordini, la palla attraversa tutta l’area e arriva a Lorenzi, salito in attacco per la punizione. Il centrale ospite anticipa la difesa, forse colpevole di una marcatura non impeccabile e appoggia in tuffo in rete. Poco dopo sono i padroni di casa ad arrivare alla conclusione. Bianchi batte corto un angolo per l’accorrente Trubia che con un potente rasoterra crea qualche problema agli ospiti, soprattutto sulla prima ribattuta. Le conclusioni da fuori si dimostrano essere l’arma preferita del Renate che arriva più volte alla conclusione. La fase centrale del primo tempo è di grande equilibrio con il gioco che si sviluppa più lentamente e in modo controllato. Nessuna delle due squadre riesce a creare veri e propri pericoli dalle parti dei portieri. Alla mezz’ora l’azione più pericolosa dei padroni di casa, sempre su calcio di punizione. Bianchi pesca Rosa in area ma di testa il centrocampista nerazzurro angola troppo non inquadrando la porta di poco. L’ingresso di Repetto porta ancora più imprevedibilità all’attacco del Novara che però non riesce a concretizzare alcune buone ripartenze. Il primo tempo si conclude con i padroni di casa sempre in pressione sull’area del Novara, senza però creare altre occasioni.

Doppio. Il secondo tempo si apre in fotocopia del primo. Una combinazione Tordini-Lorenzi, sempre da calcio di punizione, porta al raddoppio per gli ospiti ma l’arbitro annulla per fuorigioco. L’episodio che potrebbe cambiare le sorti della partita è la doppia ammonizione di Pensalfini. Il centrocampista viene prima ammonito per una simulazione in area e le successive proteste gli costano la seconda ammonizione. I padroni di casa, in superiorità numerica, controllano ancor di più i ritmi di gioco senza però riuscire a riaprire la partita. La fretta di pareggiare non porta a risultati degni di nota, se non qualche conclusione da fuori area, che non impensierisce Ujkaj. Il Novara gioca sulle ripartenze sfruttando i soprattutto i rapidi cambi di gioco per Repetto e Tordini. È proprio una combinazione tra i due che porta il neo entrato Corona a segnare il gol del raddoppio, con una potente conclusione da dentro l’area. Le dimensioni dell’impresa del Novara aumentano quando a 15 minuti dal termine Ballone rimedia il secondo giallo della sua partita, per un fallo di mano forse un po’ fiscale. Gli ospiti rimangono quindi in nove ma il Renate continua ad attaccare senza successo.

TABELLINO

RENATE-NOVARA 0-2
RETI: 4’ Lorenzi (N), 27’ st Corona (N)
RENATE (4-3-3): Proverbio 6, Costanzo 6, De Meo 6 (15’ st Meroni 6), Cisternino 6.5, Trubia 6 (34’ st Piccone sv), Maffia 6, Sardo 6.5 (44’ st Bosco sv), Rosa 6.5 (34’ st Maccario sv), Tramutoli 6, Bianchi L. 6.5 (15’ st Butti 6.5), Colombo 6. A disp. Glionna, Bernacchi, Stamato, Selmo, Cammara, Eberini, Nespoli. All. Battilana 5,5.
NOVARA (4-2-3-1): Ujkaj 6, Morra 6 (26’ Repetto 8), Bianchi N. 6.5, Bartoli 7, Favia 6.5, Lorenzi 7, Ballone 6, Pensalfini 5, D’Arcangelo 6.5 (24’ st Bonacina 6), Tordini 8, Lofrano 6 (7’ st Corona 7.5). A disp. De Rosa, Siciliano, Baldi, Mattei, Paltrinieri, Gazoul, Pagalino, Iannucci. All. Russo7.5.
ARBITRO: Belloni di Milano 6
COLLABORATORI: Stangoni di Sondrio e Calabrese di Busto Arsizio
AMMONITI: Morra (N), Bartoli (N), Proverbio (R), Lorenzi (N), Trubia (R), Meroni (R), Maccario (R), Corona (N)
ESPULSI: 4’ st Pensalfini (N), 30’ st Ballone (N)

LE PAGELLE

Renate-Novara Primavera 3- Repetto (N)
Repetto, il migliore in campo.

RENATE
Proverbio 6 Forse leggermente in ritardo sul primo gol, è bravo ad uscire dalla propria area in un paio di occasioni per evitare problemi peggiori.
Costanzo 6 Molto propositivo anche in attacco, ottima l’intesa con Bianchi.
De Meo 6 Gioca una partita più difensiva rispetto al compagno di fascia, anche perché è impegnato in un bel duello con Balloni.
15’ st Meroni 6 Gioca più avanzato del compagno che sostituisce, senza riuscire a creare grossi problemi agli avversari
Cisternino 6.5 Regista della squadra, avanza anche in attacco per creare maggiori pericoli agli avversari. Le sue conclusioni da fuori sono tra le più pericolose.
Trubia 6 Non ha problemi ad avanzare palla al piede a centrocampo, non sbaglia quasi un intervento in difesa.
Maffia 6 Impegnato in un duello molto fisico con D’Arcangelo regge bene nonostante paghi qualche centimetro d’altezza all’avversario.
Sardo 6.5 Il suo pressing porta a recuperare diversi palloni, si propone bene anche in avanti allargando il gioco. È più presente nell’ultima mezzora.
Rosa 6.5 Non parte benissimo ma cresce con il passare dei minuti, fino a diventare il regista aggiunto della squadra nel secondo tempo.
Tramutoli 6 La sua è una partita di sacrificio, pressa incessantemente su ogni avversario ma non ha grandi occasioni per trovare la via del gol.
Bianchi 6.5 Inventa gioco davanti, ma è bravo a mettersi a disposizione anche in difesa. Uno dei più attivi tra i suoi.
10’ st Butti 6.5 Entra molto deciso, determinato a ribaltare il risultato. Ci prova diverse volte purtroppo senza successo.
Colombo 6 Gioca una partita sufficiente, senza lasciare il segno.
All. Battilana 5.5 Gli avversari sono sicuramente tosti ma forse con la superiorità numerica la sua squadra poteva rendersi più pericolosa.

NOVARA
Ujkaj 6 Viene chiamato in causa poche volte, ma si dimostra sempre attento.
Morra 6 Fino alla sostituzione copre bene entrambe le fasi.
26’ pt Repetto 8 Il suo ingresso spacca la partita. Crea difficoltà agli avversari con la sua velocità e tecnica.
Bianchi 6.5 Gioca una partita molto intelligente pressando il giusto e intercettando molti palloni.
Bartoli 7 Gestisce con sicurezza il pallone, diventa una vera e propria diga quando la squadra è in inferiorità numerica.
Favia 6.5 Chiamato a un bel duello con Tramutoli non corre mai nessun pericolo.
Lorenzi 7 Il gol segnato in avvio è pesantissimo perché indirizza la partita, anche in difesa è sempre molto attento e preciso.
Ballone 6 Viene spesso cercato dai compagni per allargare la manovra, prova a creare scompiglio con la sua velocità.
Pensalfini 5 Espulsione sicuramente evitabile che poteva costare carissimo ai compagni.
D’Arcangelo 6.5 Non ha grandi occasioni ma mette il suo fisico al servizio della squadra.
24’ st Bonacina 6 Entra con il giusto spirito ma come il compagno non gli capitano ghiotte occasioni per segnare.
Tordini 8 Disegna calcio e gioco con splendidi lanci, velocizza e verticalizza spesso la manovra soprattutto quando i suoi si trovano in inferiorità numerica come in occasione della seconda rete.
Lofrano 6 Allunga e allarga il gioco della squadra, a volte un po’ troppo isolato.
7’ st Corona 7.5 Segna un gol importantissimo, ma sin dall’ingresso in campo si vede la voglia di lasciare il segno. Un bel gol al volo e una partita anche di sostanza.
All. Russo 7.5 La squadra esprime un gran gioco, pur non creando tanto è cinica a chiudere una partita difficile che poteva essere fatale.

ARBITRO: Belloni di Milano 6 Dirige senza esitazione una partita che con il passare dei minuti diventa sempre più maschia. Si fa rispettare in campo non solo con i cartellini ma anche con il dialogo con i giocatori.

 

LE INTERVISTE

RENATE
Al termine della partita il tecnico Battilana ha analizzato così la prestazione della sua squadra: «Il Novara è una buona squadra, ma al di là delle espulsioni non ha creato grosse occasioni. Siamo stati sfortunati nelle occasioni. Nel secondo tempo ci siamo fatti prendere dalla frenesia di ribaltare il risultato e questo non ci ha fatto gestire bene la partita, come nel primo tempo».

NOVARA
Russo era ovviamente soddisfatto della partita giocata dai suoi ragazzi: «Era sicuramente una partita difficile contro una buona squadra. Abbiamo giocato una grande gara. Complimenti ai ragazzi per come hanno giocato, anche in doppia inferiorità numerica. È un segnale importante dopo la sconfitta di stop di Alessandria, da adesso ci aspettano sette finali».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli