18 Giugno 2021

Sassuolo-Juventus Primavera 1: Saccani riacciuffa i bianconeri nel finale, la magia di Sekulov illude

Le più lette

PDHAE-Borgosesia Serie D: Filip-Varvelli, una rimonta che significa Playoff

Una rimonta pazzesca quella siglata dai ragazzi del tecnico Roberto Cretaz, che sotto di un gol non demordono e...

Dove siamo stati Regionali: tutte le partite seguite sul campo, dalla goleada del Vanchiglia U14 al tris dello Charva U19

Il torneo All Stars entra nel vivo. Per Under 14 e Under 15 si concludono i gironi; per l'Under...

Tornare a giocare era la priorità, ma i tornei devono essere omologati nel modo corretto. A Besnate interviene la Delegazione?

Il ritorno in campo dei ragazzi, dopo quasi un anno e mezzo di inattività, era la priorità di tutti....

Il gran gol di Nikola Sekulov non basta alla Juventus per vincere in casa del Sassuolo che con una rete a dieci minuti dalla fine di Matteo Saccani guadagna un punto d’oro contro i bianconeri. Due punti nelle ultime due partite per i ragazzi di Bonatti che perdono terreno nei piani alti pur rimanendo in una buona posizione in vista playoff. mI neroverdi di Emiliano Bigica scendono in campo con un 3-5-2 composto da Zacchi in porta, Uni, Piccinini e Flamingo in difesa. Sulle fasce presenti Paz da una parte e Saccani dall’altra mentre al centro troviamo Artioli, Marginean e la fantasia di Mercati. Samele e Mattioli coppia d’attacco. Risponde Andrea Bonatti con un 4-3-1-2: Garofani in porta, da destra verso sinistra Mulazzi, De Winter, Riccio e Ntenda. A centrocampo Miretti, Barrenechea e Iling con Soulè leggermente più accentrato rispetto alle altre volte dietro a Sekulov e Da Graca.

Da Graca out. La partita inizia subito con una brutta notizia per la Juventus: il capocannoniere del campionato Da Graca, poco dopo aver creato il panico nell’area del Sassuolo, è costretto ad uscire al decimo minuto per un problema muscolare. Per non rischiare, Bonatti decide di sostituirlo mettendo in campo Ervin Omic. Al 14′ la Juve sfrutta uno dei suoi punti di forza ovvero i calci piazzati e con una punizione di Iling-Junior sfiora il vantaggio. Risponde il Sassuolo con Paz che colpisce molto bene ma trova la grande opposizione di Garofani che devia in grande stile in calcio d’angolo. Con il passare dei minuti sale in cattedra uno dei ragazzi che più sta trascinando la Juventus vale a dire Miretti che prima ci prova da lontano senza successo e poi si vede negare un gol che sembrava fatto grazie al poderoso intervento di Zacchi che d pochi passi dice di no al numero otto bianconero al 43′. Prima del duplice fischio c’è ancora spazio per Soulè che da punizione ci prova lasciando partire il suo mancino, ma anche qui Zacchi si oppone mandando in angolo. Una prima frazione macchiata dall’infortunio di Da Graca ma che non ha scomposto più di tanto la Juve, molto più pericolosa del Sassuolo che preferisce giocarsela di rimessa in maniera ordinata e pulita.

Un gol per parte. Si cambia campo ma non copione, è sempre la Juve a fare la partita e con Soulè al 58′ va vicino al gol con una girata molto bella dell’argentino che però non trova lo specchio della porta. A forza di spingere e assaltare la difesa neroverde, la Juventus trova il gol con Nikola Sekulov autore di una magia: pallonetto che beffa Zachi e porta in vantaggio i bianconeri in maniera a dir poco meritata al 62′. Quando il cronometro segna il settantesimo minuto, la Juve sfiora letteralmente il gol con Iling-Junior. L’ex Chelsea riceve di Miretti e scarica in porta trovando però solo l’esterno della rete. Quando la gara sembrava volgere al termine senza troppi problemi per la squadra di Bonatti, ecco che il Sassuolo dimostra perché è tra le squadre più ostiche da affrontare dell’intero campionato: cross dalla fascia, Saccani sfrutta una mischia per ribadire in rete e riportare la gara in perfetta parità al 80′. La Juventus insiste e fa di tutto per evitare di tornare a casa con un solo punto come già successo nel recupero contro l’Empoli. Avrebbe anche l’occasione per riportarsi clamorosamente in vantaggio ma Omic da posizione invitante sbaglia, condannando di fatto i bianconeri al secondo pareggio consecutivo.

IL TABELLINO

SASSUOLO-JUVENTUS 1-1
RETI (0-1, 1-1): 17′ st Sekulov (J), 35′ st Saccani (S).
SASSUOLO (3-5-2): Zacchi 7, Saccani 6.5, Fiore Uni 5.5 (20′ st Florentine 6), Flamingo 5, Marginean 5, Piccinini 5.5, Paz 6.5, Artioli 5.5, Samele 5.5 (20′ st Manara 5.5), Mattioli 5 (30′ st Reda 6), Mercati 5.5 (30′ st Karamoko 6). A disp. Marconi, Cehu, Manarelli, Pinelli, Cannavaro, Aucelli, Barani, Chiemerie. All. Bigica 6.
JUVENTUS (4-4-2): Garofani 6, Mulazzi 6.5, Ntenda 6, Barrenechea 5.5 (38′ st Chibozo sv), De Winter 6, Riccio 6, Sekulov 7, Miretti 7, Da Graca sv (10′ Omic 5.5), Soulè 6 (27′ st Turicchia 6), Iling-Junior 5.5 (38′ st Leo sv). A disp. Senko, Fiumanò, Nzouango, Cotter, Sekularac, Cerri, Raina. All. Bonatti 6.
ARBITRO: Zufferli di Udine 6.
ASSISTENTI: Lencioni di Lucca e Lenza di Firenze.
AMMONITI: Piccinini, Mattioli, Paz e Mercati (S), Soule e Omic (J).

LE PAGELLE

SASSUOLO

Zacchi 7 Valore aggiunto dei neroverdi, incolpevole sul gol e bravissimo in più occasioni come su Miretti e Soulè. Tiene a galla i suoi fino all’ultimo, prestazione clamorosa.

Saccani 6.5 Il gol è la ciliegina sulla torta, nel gioco aereo è quasi imbattibile. Qualche errore palla al piede, ma recupera come vuole quando si tratta di difendere.

Uni 5.5 Primo tempo nella norma, cala drasticamente nella ripresa. Nell’occasione del gol si lascia sfilare da Sekulov, bravo poi a beffare Zacchi.

20′ st Florentine 6 Offre sostanza e quantità alla fase difensiva

Flamingo 5 Mulazzi se lo sognerà di notte, continuamente dribblato e superato dall’esterno bianconero. Anche quando cambia posizione la sua prestazione rimane negativa.

Marghinean 5 Appena la Juve alza i ritmi e la pressione, lui subisce molto e viene limitato molto. Perde un paio di palloni sanguinosi, non la sua miglior partita.

Piccinini 5.5 Chiamato ad un compito difficile come quello di arginare le sortite offensive bianconere, viene puntato a più riprese rischiando anche il cartellino rosso.

Paz 6.5 Il migliore dei suoi insieme a Zacchi, riesce ad interpretare bene la partita in entrambe le fasi facendo buona guardia dietro e rendendosi pericolosi in avanti.

Artioli 5.5 Si vede ben poco quando si tratta di impostare, ma lotta molto. Questo lo porta a ricevere un cartellino che pesa nel corso della gara.

Samele 5.5 Abile nel far salire la squadra, un po’ meno a far giostrare il reparto offensivo.

20′ st Manara 5.5 Entra con la voglia di spaccare il mondo però più che falli non commette.

Mattioli 5 Ci si aspettava molto da lui, non ripaga le aspettative e Bigica è costretto a cambiarlo. Lontano dai suoi standard, ma qualche partita non al top ci può anche stare.

30′ st Karamoko 6 Il miglior cambio che si potesse fare per caratteristiche e qualità, riconquista tanti palloni e fa ripartire i suoi.

Mercati 5.5 Prova qualche conclusione ma non finiscono nemmeno a referto, prestazione al di sotto delle sue capacità.

30′ st Reda 6 Un po’ meglio del compagno, mai domo rende difficile la vita ai difensori bianconeri.

All. Bigica 6 Un punto importante contro un avversario difficile, non mostra grande gioco ma fa quanto basta per portare a casa il pareggio.

JUVENTUS

Garofani 6 Sul gol di Saccani non è perfetto, per il resto ottima risposta su Paz nel primo tempo e poco altro.

Mulazzi 6.5 Meriterebbe un voto ben più alto ma paga caro l’errore sulla rete neroverde. Detto ciò, se la Juve riesce a creare pericoli è quasi sempre grazie a lui.

Ntenda 6 Sfrutta la sua fisicità per vincere la maggior parte dei duelli con gli avversari, non sfigura in fase difensiva.

Barrenechea 5.5 Ogni tanto anche i migliori steccano, l’argentino non punge e il gioco bianconero ne risente parecchio (39′ st Chibozo sv).

De Winter 6 Ordinato e pulito per quasi tutta la partita, c’è qualche errore nella ripresa ma non macchia la sua prestazione.

Riccio 6 Fino ai minuti finali la sua è una prestazione importante dopodiché soffre come i suoi compagni di reparto.

Sekulov 7 Gol strepitoso che merita il prezzo del biglietto, solito grande sacrificio e incisione negli ultimi metri. Tra i migliori in campo senza dubbio.

Miretti 7 È l’uomo in più di questa Juventus in questa fase di stagione. La sua qualità è determinante nella buona riuscita del gioco, i compagni si affidano a lui nei momenti di difficoltà.

Da Graca sv

10′ Omic 5.5 L’errore nei minuti di recupero costa caro, per il resto gara nella norma ma quell’occasione è troppo pesante per sbagliare. Si rifarà).

Soulè 6 Qualche lampo nel primo tempo si vede e si sente, chiedere a Zacchi sulla punizione. Ogni pallone ricevuto è in cassaforte.

27′ st Turicchia 6 Il suo rapporto dalla panchina è sempre molto soddisfacente, non trova lo spazio che vorrebbe ma fa di necessità virtù.

Iling-Junior 5.5 Dopo qualche partita positiva, l’esterno inglese non convince pienamente risultando spesso troppo impreciso (39′ st Leo sv).

All. Bonatti 6 La sua Juventus non perde ma d’altro canto perde ancora qualche punto per strada dopo il recupero con l’Empoli.

ARBITRO

Di Graci di Como 6 Chiamato a dirigere una partita complicata, bravo a gestire i cartellini e limitare un gioco spezzettato.

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli