10 Agosto 2020 - 04:34:57

Torino-Empoli Primavera: Rauti e i granata si fermano al palo

Le più lette

Legnano Serie D, ecco il botto finale e che botto: in lilla arriva Francesco Luoni

Che Edoardo Brusa potesse non essere l'ultimo acquisto del Legnano si poteva facilmente intuire, ma il colpo messo a...

Fossano, Sangare saluta e continua l’intrigo Aloia

La telenovela Aloia continua. L'attaccante 2000 della Giovanile Centallo ha fatto parlare di sé andando a fare il primo...

Aldini Under 17: intervista doppia a Falcioni e Ricca, le due new entry nella rosa biancorossoblù

Tra le new entry per la prossima annata dell'Aldini Under 17 ci sono Mattia Falcioni e Francesco Ricca. Direttamente...

Torino ed Empoli si annullano in una partita chiusa dal primo all’ultimo minuto. A vincere è l’equilibrio e la voglia di non perdere, così entrambe le squadre tornano a casa con un punto che, di fatto, non serve a nessuno. I granata vedono riavvicinarsi la zona playout, mentre i toscani non riescono nell’aggancio delle zone nobili. Entrambe le compagini allungano a quattro i risultati utili consecutivi: tre pareggi e una vittoria per il Torino, tre vittorie e un pareggio per l’Empoli.

Sesia arriva alla partita con una squadra non al meglio delle condizioni. Il Torino, infatti, rinuncia a Onisa per una distorsione alla caviglia e schiera Rauti, in settimana fermato dal mal di schiena, e Ghazoini recuperato in extremis da un affaticamento agli adduttori. Per sostituire il centrocampista rumeno, il tecnico granata si affida a Tesio, all’esordio dal primo minuto in Primavera. L’Empoli, invece, perde nel riscaldamento Viti e lo sostituisce con Riccioni. Buscè quindi sposta Donati al centro della difesa e lui risponde con una prestazione positiva, nonostante venga graziato dal direttore di gara nel finale per un intervento in scivolata in ritardo di Ibrahimi in area di rigore.

Sin dalle prime battute si comprende quanto le due squadre in campo fossero principalmente attente a non prenderle. Il Torino è la squadra che riesce a rendersi più pericolosa nell’arco dell’intera partita, ma fatica a fare gioco. A influire è stato anche l’avvio un po’ timido di Tesio. Con le due squadre bloccate, sono i calci piazzati le situazioni da sfruttare e da cui nascono infatti i principali pericoli. Proprio da un calcio d’angolo il Torino va a un passo dal gol con Rauti, che colpisce di testa e prende in pieno il palo alla sinistra di Meli. Dopodiché poco o nulla fino alla fine dei primi quarantacinque minuti. Sono sempre i granata a provarci di più, ma senza però trovare mai lo specchio dei pali. A trovarlo è l’Empoli al 44′, ma il direttore di gara annulla il gol segnato da Donati per un dubbio fuorigioco.

Dopo l’intervallo Sesia deve rincunciare a Ghazoini, sostituendolo con Siniega che va alla destra di Buongiorno e Singo prende il posto del terzino ex Frosinone. Il cambio che cambia le carte in tavola arriva al 18′. Sesia sostituisce Celesia con Kone e passa dal 3-5-2 iniziale al 4-3-1-2 per cercare di aumentare la pericolosità in avanti. L’intenzioni dei granata sono chiare, cercare la vittoria a tutti i costi, ma i toscani si oppongono bene e lasciano pochi spazi. Con la partita che non si sposta dai binari dell’equilibrio, Rauti riesce a rubare palla ad Adamoli sulla destra, si accentra e serve il neo entrato Ibrahimi, che sbaglia clamorosamente un rigore in movimento. La punta granata è protagonista anche nei minuti finali, quando viene atterrato da Donati in area di rigore. L’intervento del difensore empolese non trova la palla, ma il direttore di gara lascia correre. All’ultimo secondo il Torino avrebbe ancora un’ottima occasione per passare in vantaggio con Singo, che si libera con un sombrero e calcia di prima intenzione, ma non trova lo specchio della parta e sulla sua conclusione, si chiude il sipario.

TORINO-EMPOLI IL TABELLINO

Torino-Empoli 0-0

TORINO (3-5-2): Lewis 6, Ghazoini 6 (1′ st Siniega 6), Celesia 6.5 (18′ st Kone 5.5), Singo 6, Buongiorno 6, Michelotti 6 (33′ st Ricossa sv), Adopo 5.5, Tesio 6 (18′ st Sandri 5.5), Rauti 6.5, Greco 6, Lucca 5 (33′ st Ibrahimi 5.5). A disp. Trombini, Enrici, Rotella, Garetto, Pirola. All. Sesia 6.

EMPOLI (4-2-3-1): Meli 6, Donati 5.5, Adamoli 6, Zelenkovs 6.5, Matteucci 6, Riccioni 6, Sidibe 5.5, Belardinelli 6.5, Bertolini 5.5 (26′ st Ekong 5.5), Asllani 6 (14′ st Lombardi 5.5), Bozhanaj 5.5 (14′ st Lipari 5.5). A disp. Pratelli, Fradella, Chinnici, Folino, Mouhamadou, Marinai. All. Buscè 6.

ARBITRO: Di Graci di Como  6 A fine partita rimangono due dubbi: il gol annullato all’Empoli e il rigore negato al Torino. Per il resto gara ben diretta.

AMMONITI: 10′ Asllani (E), 24′ Greco (T), 39′ Rauti (T), 31′ st Kone (T).

TORINO-EMPOLI LE PAGELLE

TORINO

Lewis 6 Inoperoso. Questa giornata non deve fare neanche una parata.

Ghazoini 6 Stringe i denti nonostante l’affaticamento all’adduttore. Stoico. (1′ st Siniega 6 Subentra con la giusta attenzione. Rischia poco se non su Bozhanaj).

Celesia 6.5 Ennesima ottima prestazione. Lotta su ogni pallone con grande cattiveria agonistica. (18′ st Kone 5.5 Entra e commette una quantità enorme di falli inutili, poteva fare di più).

Singo 6 Benissimo in difesa, con alcune chiusure decisive. Cala quando passa a esterno. Nel finale si crea un’occasione ghiottissima, ma la spreca.

Buongiorno 6 Partita in cui emerge tutta la sua esperienza. Bertolini è più veloce e lui lo limita con il fisico.

Michelotti 6 Ogni piazzato è una minaccia. Trova spesso giocate interessanti. (33′ st Ricossa sv)

Adopo 5.5 La peggior partita da quando è tornato, ma anche la più difficile. Senza Onisa il centrocampo si affidava alle sue giocate.

Tesio 6 Esordio dal primo minuto nel campionato Primavera. Avvio timido, poi cresce. Per il futuro servirà più intraprendenza.(18′ st Sandri 5.5 Torna in campo dopo tanto tempo. Alterna buone giocate ad altre negative).

Rauti 6.5 Quarto palo stagionale, senza i legni sarebbe capocannoniere del girone.

Greco 6 Rischia di macchiare un’ottima partita con un errore in disimpegno nel finale.

Lucca 5 Tanti, troppi errori tecnici. Troppe volte lasciato a puntare la difesa e mal servito in area di rigore. (33′ st Ibrahimi 5.5 Si divora il gol del vantaggio. Gli viene negato un rigore sacrosanto).

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli