19 Gennaio 2021

Torino: la nuova stella si chiama Wilfried Singo

Le più lette

DB Cesano Maderno, Under 15: Cimmino ricostruisce il gruppo dalle fondamenta, e mette al primo posto i ragazzi

Limbiate, Bovisio Masciago, poi Seregno, ancora Bovisio e ora Cesano Maderno: in quindici anni Antonio Cimmino, prima calciatore sia...

Primo consiglio del nuovo CRL: decisi i vicepresidenti e le nomine per le Delegazioni

Nel pomeriggio di oggi, sei giorni dopo le elezioni che hanno portato Carlo Tavecchio alla presidenza del Comitato Regionale...

Villa Cassano Promozione: rossoblù da record, sono ben 9 i ragazzi in prima squadra cresciuti nel vivaio

Il Villa Cassano, capitanato da Marco Visentin attualmente ha conquistato 4 punti nelle due gare disputate, frutto della vittoria...

Un lampo nella notte buia che attanaglia la squadra di Giampaolo. Il suo nome è Wilfried Singo, nato il 25 dicembre dell’anno 2000, data non a caso, visto che per il maestro e i suoi l’ex Primavera è sceso come un vero e proprio dono. 20 anni non ancora compiuti ma una maturità degna dei grandi e una voglia di arrivare che gli hanno permesso di ritagliarsi un posto in prima squadra fino a diventarne un titolare.

La storia fra Singo e il Torino ha inizio nel 2019, quando l’allora Ds Petrachi lo scova in Costa d’Avorio e lo porta sotto la mole. In Primavera, dapprima schierato come difensore centrale, suo ruolo natio, Sesia progressivamente lo sposta in fascia destra, riuscendo a sfruttare al meglio la sua spiccata velocità e capacità di progressione palla a piede. Comincia dunque il rapido adattamento del gioiello granata alla nuova posizione e Walter Mazzarri decide di aggregarlo in prima squadra. Così, dopo l’esordio in Serie A il 27 giugno del 2020 (con Moreno Longo in panchina) e dopo aver segnato un gol alla prima da titolare contro la Roma, il talentino sta confermando quanto di buono mostrato anche in questa stagione, diventando un punto di riferimento per Marco Giampaolo. Un mix letale di corsa, potenza fisica e intelligenza calcistica, unita ad una buona padronanza dei mezzi tecnici hanno permesso a Wilfried di emergere come tra i migliori in campo in quasi tutte le uscite di squadra.

Per il classe 2000 si presenta ora la sfida più impegnativa. La continuità. Se dovesse trovare il giusto ritmo e integrarsi al meglio diventerebbe insostituibile nello scacchiere. Come dicono dall’altra parte dell’oceano: sky is the limit for him.

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli