5 Agosto 2020 - 13:06:18

Juventus-Sampdoria Under 14: Grosso ingresso decisivo, rimonta bianconera nel finale

Le più lette

Brebbia Terza Categoria, prima sgambata in attesa della presentazione. Arbore punta in alto

In attesa della presentazione ufficiale prevista per i prossimi giorni, questa mattina a Brebbia si è svolta la prima...

Terza Categoria Varese, la Jeraghese si è presentata sperando nel ripescaggio

In attesa di un ripescaggio in seconda categoria, ieri 30 luglio, alla bombonera di Jerago con Orago, è stata...

Centro Schiaffino, riempita l’ultima casella: Giuseppe Letizia è il nuovo allenatore dell’Under 17

Giuseppe Letizia è il nuovo allenatore dell'Under 17 del Centro Schiaffino. Dopo il dietro-front su Canio Di Perna, passato...

Una vittoria che vale la testa della classifica a pari merito con i cugini del Torino per la Juventus Under 14, capace di battere in rimonta la Sampdoria in occasione del recupero della nona giornata in una gara ad alta quota.

Le squadre scendono in campo con lo stesso schieramento: difesa a 4, centrocampo a 3, variabile del trequartista alle spalle delle due punte. La partita comincia con Piccinin che prova a sorprendere Consiglio, attento nella respinta in angolo al terzo minuto di gioco. I bianconeri sono padroni del gioco ma difficilmente arrivano concretamente a costruire azioni da gol. Ad approfittarne, a sorpresa, sono gli ospiti con la rete di Giolfo che approfitta di una errore di comunicazione tra Meringolo e Piras col difensore che scavalca il suo portiere regalando al centravanti della Sampdoria un’occasione a porta libera troppo ghiotta per essere sprecata. Il gol stappa la partita e obbliga la squadra di Massimiilano Marchio ad alzare il ritmo seppur senza trovare il pareggio nella prima frazione con la Sampdoria che chiude in vantaggio di una rete.

La ripresa vede molti cambi nel primo quarto d’ora, addirittura quattro per la Juventus nei primi dieci minuti. I frutti si vedono pian piano: al 17′ Nota non colpisce bene da due passi calciando alto mentre al 20′ il cross di Costamagna non è ben impattato di testa da Ngana, risultando debole. Passano quattro minuti e sugli sviluppi di un calcio d’angolo si mette in mostra Grosso, bravissimo a colpire al volo e depositare la sfera in fondo al sacco pareggiando il gol di Giolfo. La rete del pari sposta l’inerzia dalla parte dei bianconeri, fino a pochi minuti prima che sembravano davanti ad una partita stregata anche grazie all’ottimo lavoro difensivo dei liguri. Come detto, il gol obbliga la Samp a schiacciarsi nella propria metà campo uscendo raramente oltre la metà campo. Al 30′ Consiglio è protagonista di un’ottima parata plastica sul colpo di testa di Martelli. Due minuti dopo Nota spara alto da posizione vantaggiosa e con l’intero specchio della porta libera. All’ultimo minuto arriva un’occasione colossale per Ventre, lanciato a tu per tu con l’estremo difensore blucerchiato: dopo almeno venti metri palla al piede verso la porta, è monumentale Consiglio che in uscita impedisce il gol del 2-1 senza commettere fallo che sarebbe costato il rosso e il penalty alla Juventus. Oltre il danno, anche la beffa per Ventre che rimedia anche un infortunio nell’azione appena citata, che lo costringe ad uscire dopo essere subentrato. La svolta definitiva del match arriva al quarto minuto di recupero nuovamente con Grosso protagonista. Errore di valutazione di Consiglio e Giolfo che restituiscono il favore dello 0-1 regalando alla Juventus una chance senza precedenti con la porta libera. La realizzazione è in realtà più complicata del previsto: respinte corte dei difensori barricati sulla linea di porta, l’intervento miracoloso del portiere ritornato in porta dopo l’errore in uscita che però non può nulla sull’ennesimo tentativo bianconero, quello di Grosso, del definitivo 2-1.

Le due compagini, a pari punti prima dello scontro diretto, si distanziano quindi di tre punti dopo un match spettacolare in bilico fino all’ultimo secondo. La continua spinta offensiva della Juventus, in particolar modo sulle fasce, e i cambi operati nel secondo tempo si sono dimostrati decisivi ai fini del risultato. Risultato amaro per la Sampdoria, a dieci minuti da un trionfo fondamentale ma che ha fatto oggettivamente troppo poco in attacco per incrementare il proprio bottino.

JUVENTUS-SAMPDORIA – IL TABELLINO

Juventus-Sampdoria 2-1

RETI (0-1, 2-1): 28′ pt Giolfo (S), 24′ st e 38′ st Grosso (J).

JUVENTUS (4-3-1-2): Piras; Meringolo, Bassino, Scarpetta, Giorgi (27′ Nisci); Piccinin (10′ st Costamagna), Ngana, Boufandar (1′ st Crapisto); Brossa (10′ st Grosso); Nota, Pisano (10′ st Ventre, 25′ st Croce). A disp.: Cabella, Jannon, Martelli. All.: Marchio.

SAMPDORIA (4-3-1-2): Consiglio; Sinatra, Rossello, Costantino (38′ st Malanca), Melani; Malaj (26′ st Ozzano), Traverso, Murgia; Camiciottoli; Giolfo, Spadafora (16′ st Laneva). A disp.: Picollo, Di Fino, Andrè . All.: Buono.

ARBITRO: Nardin (sez. Nichelino) 6 Arbitraggio giusto, bravo nell’ammonizione.

AMMONITI: 15′ st Scarpetta (J).

JUVENTUS-SAMPDORIA LE PAGELLE

JUVENTUS

Piras 5.5 Grave errore con il suo compagno Meringolo, per il resto poco impegnato.

Meringolo 5.5 Come detto in precedenza, il suo errore poteva costare i tre punti. Nella ripresa migliora.

Bassino 6.5 Combatte e si spinge spesso oltre la metà campo.

Scarpetta 7 Partita di livello, limita le sortite offensive con ottimi interventi.

Giorgi 6.5 Perennemente da solo, cercato poco dai compagni. Quando ha la palla si disimpegna sempre bene. (27′ st Nisci sv)

Piccinin 6.5 Prima frazione positiva, impegna il portiere nella prima azione da gol del match. (10′ st Costamagna 6.5 Cross a ripetizione, tutti pericolosi. Importante il suo ingresso in campo)

Ngana 6 Di certo non la sua migliore partita, sbaglia tanti passaggi. Si riprende nel secondo tempo.

Boufandar 6 Gara ordinata ed equilibrata ma senza sprazzi. (1′ st Crapisto 6 Copertura e iniziative alla ricerca della rimonta, alla fine trovata e ottenuta)

Brossa 6 Non incide seppur giocando bene nei suoi 45 minuti. (10′ st Grosso 8 Qualità da vendere. Primo gol strepitoso, secondo da astuzia. Giocatore davvero con grandissime caratteristiche tecniche e tattiche).

Nota 6 Spreca un’occasione monumentale che poteva costare grosso. Chiude comunque con la sufficienza, quando parte è difficilissimo da fermare.

Pisano 6 Spunti positivi e alcune giocate interessanti. (10′ st Ventre sv, 25′ st Croce sv).

All. Marchio 7 Qualche errore tecnico, un primo tempo così così ma i suoi cambi svoltano la partita e la portano a casa.

SAMPDORIA

Consiglio 6 Se non fosse per l’errore finale poteva ambire ad un voto maggiore. Purtroppo la sua uscita costa la vittoria ai suoi.

Sinatra 6 Si disimpegna bene in una giornata difficile, soprattuto nel finale

Rossello 6 Esce vincitore in molti contrasti nel corso della partita.

Costantino 6.5 Bravo nelle uscite e nel limitare gli avversari. (38′ st Malanca sv)

Melani 6.5 Qualità e quantità, approfitta degli errori degli avversari.

Malaj 6 Spesso e volentieri presente al centro del gioco. (26′ st Ozzano sv)

Traverso 6 Fatica ma non si dà per vinto, giocando una gara sufficiente.

Murgia 6 Spicca nel centrocampo prima del dominio territoriale finale juventino.

Camiciottoli 7 Il più pericoloso della sua squadra, all’inizio imprendibile poi cala. Fondamentale comunque nelle ripartenze.

Giolfo 7 Attento e lesto a ribadire in rete sfruttando l’errore bianconero.

Spadafora 6 Brilla meno del solito, qualche lampo ma nulla di più. (16′ st Caneva 6 Entra in un momento dove deve difendere più del dovuto).

All. Buono 6.5 Sfiora il colpo grosso, a dieci dalla fine era addirittura avanti. Il suo castello difensivo cede sul più bello ma rimane una prova positiva.

LE PAROLE A FINE GARA: Marchio (Juventus)

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli