10 Agosto 2020 - 20:57:04

Atalanta – Cagliari Under 16 : Vitucci e Cellerino, così la Dea torna capolista

Le più lette

Fossano, Sangare saluta e continua l’intrigo Aloia

La telenovela Aloia continua. L'attaccante 2000 della Giovanile Centallo ha fatto parlare di sé andando a fare il primo...

Castellazzo, Nobili al posto di Adamo in panchina

D'un tratto il Castellazzo diventa l'ultima panchina di Eccellenza a registrare uno scossone. Dopo due anni la strada di...

Santa Rita, Saverio Russo è il nuovo allenatore

Ribaltone in Via Tirreno: Germano Guarona non è più l'allenatore del Santa Rita. La squadra guidata da Galileo Illuminato ha deciso di...

Domenica pomeriggio a Zingonia si recupera una partita importantissima per le sorti del campionato Under 16 nazionale. Dopo la sconfitta con l’Inter, l’Atalanta ha un’altra occasione per passare in testa alla classifica. Il Cagliari invece vuole provare ad avvicinarsi alla zona calda partendo da questa difficile trasferta. La partita inizia con le due squadre che non hanno paura di spingere. La prima azione pericolosa della gara ce l’ha il Cagliari al decimo minuto. La galoppata di Felleca parte dalla fascia sinistra e termina con un cross teso in area che però i suoi compagni di squadra non sfruttano. Anche i padroni di casa provano a rendersi pericolosi con veloci percussioni degli esterni, ma i difensori del Cagliari reggono bene e proteggono la loro porta. Alla metà del primo tempo Gabor guadagna una punizione poco fuori dall’area dell’Atalanta. Pulina colpisce bene il pallone che è diretto verso l’incrocio dei pali, ma Maglieri fa una gran parata e con un colpo di reni devia la palla sopra la traversa. Al trentaseiesimo minuto si rivedono in avanti i bergamaschi. Biral, lasciato solo a qualche passo dalla porta, colpisce al volo di destro ma manda alto e si dispera per l’errore. Gli atalantini provano a chiudere in positivo la prima frazione di gara con Ndour che prova il tiro rasoterra, ma Costanzo si fa trovare ancora una volta reattivo per la respinta. Si va negli spogliatoi sul risultato di 0 a 0. Mentre l’Atalanta predilige le vie laterali per costruire le proprie azioni da gol, il Cagliari prova a sorprendere gli avversari con fraseggi stretti e passaggi filtranti. La ripresa inizia con entrambe le squadre aggressive ma dopo pochi minuti i padroni di casa prendono il sopravvento. I sardi abbassano troppo il baricentro e iniziano a soffrire il forcing avversario, obbligati a vincere per riottenere il primo posto in campionato. È il portiere a salvare più volte il Cagliari nella ripresa. Ad alimentare la vivacità della partita si aggiunge un gol annullato all’Atalanta per presunto fuorigioco di Vitucci, che appena entrato cambia la partita, dando molta più pericolosità e velocità alla sua squadra. A soli dieci minuti dal triplice fischio i nerazzurri trovano il vantaggio ancora una volta con Vitucci che si fa trovare pronto su una respinta del portiere. Il Cagliari tenta un paio di volte di portare a casa almeno un punto, ma l’Atalanta sembra non voler rischiare nulla e Cellerino approfitta di un buon cross per chiudere la partita. Ottimo ingresso in partita anche per lui. La partita finisce qui e l’Atalanta torna prima in classifica. Il Cagliari torna a casa con qualche rimpianto di non aver sfruttato le chiare occasioni del primo tempo, ma con la consapevolezza che lavorando sull’atteggiamento si può ambire a qualcosa di importante per questo campionato.

Atalanta-Cagliari 2-0
Reti (2-0): 34’st Vitucci, 40’st Cellerino.
Atalanta (3-5-2): Maglieri 6.5, De Palma 6.5, Regonesi 6.5, Guerini 7, Truosolo 7, Colombo 6.5, Biral 6 (40’st Lo Giudice 6), Ndour 7 (40’st Invernizzi 6), Stabile 6.5 (10’st Vitucci 7.5), Muhameti 6.5 (40’st Ardenghi 6), Omar 6.5 (18’st Cellerino 7). A disp. Pasqualini, Oliveri, Monterosso. All. Fioretto.
Cagliari (4-3-3): Costanzo 6.5, Laconi 6.5, Felleca 6, Corsini 6, Manunta, Adamo, Caddeo (36’st Farris), Carboni, Gabor, Murtas (27’st Cogotti), Pulina (25’st Thairi). A disp. Usai, Apogeo, Bastita, Zoncheddu. All. Canestro.

Pagelle
ATALANTA
Maglieri 6.5 Praticamente inoperoso, se non su un calcio di punizione pericoloso sul quale si fa trovare reattivo.
De Palma 6.5 Nel primo tempo soffre gli inserimenti degli attaccanti avversari. Poi gestisce meglio.
Regonesi 6.5 Dalle sue parti il Cagliari si rende pericoloso ma nel secondo tempo i suoi interventi sono più efficaci.
Guerini 7 Guida la difesa e fa ripartire l’azione offensiva.
Truosolo 7 Spinge molto sulla fascia sinistra e offre palloni precisi ai suoi compagni.
Colombo 6.5 Da sostanza al centrocampo. Aiuta nel raddoppio e recupera molte palle.
Biral 6 Non realizza l’occasione più nitida del primo tempo.
Ndour 7 Dialoga bene con i compagni d’attacco. Quando ha la palla nei piedi trova sempre ottime soluzioni.
Stabile 6 Si muove molto ma è poco incisivo.
Muhameti 6.5 Nel secondo tempo guida insieme ad altri la reazione della sua squadra.
Omar 6.5 Se non per poche scintille, è ben controllato dalla difesa avversaria.
Vitucci 7.5 Il suo ingresso cambia la partita.
Cellerino 7 Realizza il gol che chiude i giochi.
All. Fioretto 7 Premia la buona reazione di squadra nel secondo tempo, che permette di vincere la gara.

CAGLIARI
Costanzo 6.5 Ha cercato di mantenere la sua squadra in partita. Incolpevole sui due gol.
Laconi 6.5 Particolarmente dinamico. Da sostanza alle azioni proposte sulla fascia destra.
Felleca 6 Tiene bene la fascia e il suo avversario, al quale concede una sola occasione nel primo tempo.
Corsini 6 Il più lucido e preciso nella costruzione del gioco.
Manunta 6.5 Contrasta con efficacia le punte avversarie per buona parte della gara.
Adamo 6.5 Non commette gravi errori e regge bene gli uno contro uno.
Caddeo 6 Soprattutto nella prima frazione di gara con i suoi inserimenti aiuta gli attaccanti.
Carboni 6 Corre tanto e a volte prova la soluzione personale.
Gabor 6 Vivace e intraprendente nella prima fase, un po’ sotto tono nella ripresa.
Murtas 6.5 Si muove molto sul fronte d’attacco e non da punti di riferimento agli avversari.
Pulina 6.5 Lavora con la sua forza fisica e le sue punizioni creavano pericoli nella difesa avversaria.
All. Canestro 6.5 Affronta la gara senza timori reverenziali e nel primo tempo la sua squadra è ordinata e compatta.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli