Inter-Pordenone: piegati anche i friulani, Nerazzurri Supercampioni

1971
Inter-Pordenone, l'istantanea del vantaggio nerazzurro firmato da Esposito
Inter-Pordenone, l'istantanea del vantaggio nerazzurro firmato da Esposito

Nerazzurri e Neroverdi si sono sfidati in Inter-Pordenone in qualità di detentori dello Scudetto Under 17 nelle rispettive categorie al fine di assegnare il titolo di Supercampione d’Italia Under 17; ad aggiudicarsi l’onore di alzare la Supercoppa e a coronare nel migliore dei modi il finale di stagione è l’Inter di Zanchetta, che piega il Pordenone per 6-2. Tanti i cambi nelle due formazioni dopo le finali vinte contro Roma e Renate, tante le possibilità per i giocatori scelti di farsi notare in un palcoscenico così importante. Il primo vero squillo della partita è di marca interista, con Sottini che a 12′ prova a battere a rete in semirovesciata obbligando però Pagnucco al grande intervento. Lo stazionare quasi perennemente nella metacampo avversaria porta finalmente i suoi frutti al 18′, quando – sempre lui – Esposito si fa trovare solo in area e insacca di testa il suggerimento al bacio di Dimarco. Al 29′ Trentin concede ingenuamente un rigore e si guadagna un’espulsione diretta per fallo da ultimo uomo; sul dischetto ci va Esposito che sigla il 2-0. Superiorità netta interista, ma a sorpresa la rete successiva la sigla Turchetto con un potentissimo destro dalla distanza.
Al 4′ della ripresa lo stesso Turchetto prova il destro dalla distanza che varrebbe la clamorosa doppietta, ma stavolta non centra la porta. Minuto 14: Gnonto sulla fascia serve Sakho che mette la firma sul 3-1, anche se il Pordenone dopo appena una manciata di secondi accorcia nuovamente con il cross di Sandoletti impattato di testa da Spader. L’appena entrato Tinazzi ad ogni modo riporta l’Inter sul doppio vantaggio superando Pagnucco con un mancino preciso. Al 26′ i ragazzi di Zanchetta prendono il largo, il marinaio è Gnonto, che di destro infila la palla del 5-2, mentre 10 minuti dopo Oristanio trasforma in gol un calcio di punizione dalla trequarti. Pordenone-Inter certifica la virtuale imbattibilità dei Nerazzurri Supercampioni d’Italia, anche se tanti meriti vanno riconosciuti a un Pordenone mai domo e capace di dare qualche grattacapo ai giocatori interisti.

 

IL TABELLINO DI INTER-PORDENONE

INTER-PORDENONE 6-2
MARCATORI: 18′ Esposito (I), 30′ Esposito (I), 45′ Turchetto (P), 14′ st Sakho (I), 16′ st Spader (P), 20′ st Tinazzi (I), 26′ st Gnonto (I), 37′ st Oristanio.

INTER (4-3-1-2): Stankovic (1′ st Tononi), Alcides Dias (15′ st Airoldi), Dimarco (18′ st Tinazzi), Sangalli (1′ st Oristanio), Sottini, Pirola (1′ st Verzeni), Wieser, Mirarchi, Esposito (1′ st Gnonto), Simic, Sakho (15′ st Sattin). A disp. Squizzato, Bonfanti. All. Zanchetta.

PORDENONE (4-3-3): Pagnucco (20′ st Masut), Sandoletti, Antoniazzi (27′ st Comand), Morandini (27′ st Amakiri), Sautto, Trentin, Turchetto (20′ st Cescon), Cucchisi, Lazri (20′ st Carli), Bottani (27′ st Mandato), Tirelli (1′ st Spader). A disp. Capraro, Cassaro. All. Pillin.

ARBITRO: Tesi di Lucca.
ASSISTENTI: Filip di Torino e Cordani di Piacenza.
AMMONITO: Gnonto (I).
ESPULSO: 29′ Trentin (P).


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.