Roma-Inter, le pagelle: Inter, Stankovic decisivo quanto Esposito

928
Under 17, Roma-Inter: la formazione nerazzurra allenata da Andrea Zanchetta
Under 17, Roma-Inter: la formazione nerazzurra allenata da Andrea Zanchetta

Stankovic 8.5 Protagonista assoluto della finale. Un portiere forte lo si nota dalle poche occasioni presenti in una partita ma neutralizzate al meglio e lui lo fa. Ad inizio secondo tempo chiude lo specchio a Cervo con un’uscita fenomenale e prima dell’autogol di Pirola salva la porta con un doppio intervento miracoloso. Nel finale spegne definitivamente le speranze romaniste con il rigore parato. Capitano e saracinesca nerazzurra.


Moretti 7 Si spinge in avanti e aiuta il reparto offensivo a produrre occasioni. In fase difensiva non lascia spazi e recupera ogni strappo delle corsie laterali romaniste. E’ un treno che corre avanti e indietro sulla fascia, senza stancarsi.


Dimarco 6 Sufficienza guadagnata d’inerzia per essersi laureato campione d’Italia. E’ sempre in difficoltà contro gli esterni giallorossi. Perde i contrasti e non vince quasi mai un rimpallo. Anche nel creare occasioni non brilla e fa spesso fatica contro Cancellieri. Ciò nonostante dalla sua zona non arrivano pericoli per l’Inter.


Squizzato 7.5 E’ sempre lui l’anima creativa dell’Inter, anche in finale. Ha il pallone incollato tra i piedi e non si fa mai sradicare il pallone dagli aggressori di centrocampo della Roma. La grande visione di gioco è il suo dono principale e funge da faro della regia nerazzurra per lanciare l’incipit dell’azione.


Cortinovis 6.5 Una sola sbavatura di coppia con Pirola nel primo tempo e nient’altro di negativo. Attento alle incursioni centrali ma ha poche pressioni grazie al filtro perfetto del proprio centrocampo. (28’ st Alcides Dias sv).


Pirola 6.5 Incorna a colpo sicuro sugli sviluppi di un corner al 5’ ma l’istinto di Boer è più forte e gli nega la gioia del gol. Gestisce bene la difesa senza affanni. E’  sfortunato nell’occasione dell’autogol perché nel tentativo di proteggere la porta viene colpito dalla conclusione di Cervo.


Cester 6 Ad inizio gara sembra avere qualche spunto in più rispetto alla prestazione offerta nella semifinale contro l’Atalanta ma con il passare dei minuti non dimostra un atteggiamento tecnico e tattico soddisfacente. Nel secondo tempo riceve un pallone d’oro da Oristanio in area, ma davanti al portiere spara sopra la traversa un rigore in movimento. (38’ st Casadei sv).


Mirarchi 6.5 Offre una notevole grinta in mediana e le azioni più interessanti e pericolose si sviluppano nei dintorni della sua zona di competenza. Manca di concretezza negli ultimi metri vicino alla porta e non sfrutta al meglio un contropiede 3 contro 2, colpendo un difensore e accontentandosi di un calcio d’angolo.


Esposito 9 Voto come il suo numero di maglia. Si rende subito protagonista dopa appena due minuti senza centrare lo specchio della porta con un tocco morbido. Non demorde e allo scadere del primo tempo sblocca la partita. Non cede mai negli scontri contro i difensori, beffandoli con la sua sublime tecnica. E’ sempre nel posto giusto, come dimostra anche il gol del raddoppio, e sottolinea che la personalità non gli manca anche nell’occasione del rigore che chiude la partita.


Oristanio 6.5 Nasce da lui l’azione del gol che sblocca la partita. Ottimo primo tempo soprattutto in fase di interdizione e nella spinta verso la porta giallorossa. Nonostante un piccolo calo d’intensità nella ripresa, si rende più volte utile alla manovra offensiva nerazzurra.

21’ st Simic 6.5 Entra con voglia e grinta. Uno dei primi palloni toccati crea l’azione del raddoppio.


Bonfanti 6.5 Sfonda a sinistra grazie all’assist di Oristanio, calcia e propizia il gol di Esposito. Non si rende pericoloso ma il suo lavoro è fondamentale per rendere vita facile al talento del collega d’attacco. Lavora di fisico contro la massiccia difesa romanista.

9’ st Gnonto 7 Come al solito entra e non fa rimpiangere la scelta dell’allenatore. Il 2-0 viene firmato sugli sviluppi del suo sprint sulla sinistra e il successivo tiro parato da Boer. Si abbassa sempre per ricevere il pallone e mette in seria difficoltà i difensori romanisti grazie alla sua rapidità.


All. Zanchetta 8.5 La Roma non gioca nelle sue migliori condizioni ma la prova dei suoi ragazzi è da lode. La difesa non sbaglia un intervento e il centrocampo lavora nel migliore dei modi per servire una attacco mai in difficoltà Titolo conquistato meritatamente, risultato di un percorso di crescita partito ad inizio anno.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.