16 Maggio 2021

Legnago-Feralpisalò Under 17: Leoni del Garda esagerati con Bassini one man show

Le più lette

Borgaro-Oleggio Eccellenza: la fotogallery di Girolamo Cassarà

Fine corsa per il Borgaro di Beppe Cacciatore che, con la sconfitta di domenica saluta ufficiosamente la corsa alla...

Caronna risponde al Vianney, interesse della Piscinese Riva

Qualche strascico nell'addio al Vianney, ma ora Gaetano Caronna è sul mercato e si dirige verso la Piscinese Riva....

Il Consiglio di Lega boccia una proposta di Mossino che avrebbe permesso di non pagare più nulla alle assicurazioni. E invece…

La Lega Nazionale Dilettanti, per volere del presidente Cosimo Sibilia, aveva creato una commissione ad hoc con lo scopo...

La Feralpisalò espugna con un risultato tennistico il Comunale di Bonavigo, liquidando con 6 gol il malcapitato Legnago. Risultato finale fin troppo ingeneroso nei confronti dei padroni di casa, bravi a tenere la partita in equilibrio nella prima frazione, ma altrettanto fragili nel concedere troppo campo agli avversari nella ripresa. I bresciani dal canto loro, hanno fatto valere la loro forza superiore nella seconda parte di partita e hanno dilagato, soprattutto grazie a un super Bassini.

Colpo su colpo. Pronti via, nemmeno il tempo di mettersi seduti in tribuna, ed ecco la prima occasionissima del match: Bassini flirta con il gol dopo appena 1’ e stampa la palla sull’incrocio dei pali. Il numero undici verdazzurro vuole mettere subito in chiaro le intenzioni di giornata. Colombini avvisato, mezzo salvato. Ma non sarà così. Al 5’ è già tempo di risposta veneta con Franchi che va al tiro, la palla si infrange sul palo e sulla respinta Bonini calcia a botta sicura ma trova la testa di Rebussi a salvare provvidenzialmente il pallone sulla linea. Così all’11’ è Bassini a calciare la punizione sulla quale il portiere del Legnago ha più di una responsabilità e si fa sorprendere. Leoni del Garda in vantaggio. Le due squadre ribattono colpo su colpo, dando vita a una partita equilibrata e vivace. I padroni di casa si fanno pericolosi di nuovo al 28’ con la bella azione di Angelo Travaglini che viene fermato però in corner da Bassi in uscita bassa. Dopo 4’ la Feralpisalò va vicina al raddoppio: bella azione offensiva dei ragazzi di Baresi, con Chiappini che si ritrova a tu per tu con Colombini ma si fa ipnotizzare. Nell’occasione il portiere si fa parzialmente perdonare per l’errore del primo gol grazie a un riflesso che mantiene a galla i suoi. La Feralpisalò tra i pochi difetti di giornata ha quello di non marcare al meglio in occasione dei calci d’angolo avversari, e da una di queste amnesie nasce l’ultima occasione del primo tempo, con il colpo di testa centrale di Signoretto.

Crollo legnaghese. Nella ripresa ci si aspetterebbe una partita aperta a tutte le soluzioni di punteggio, ma dopo pochi minuti i gardesani mettono in ghiaccio il risultato. Al 4’ Gatti riceve palla in area, ha il tempo di sistemarsi il pallone e batterla a rete, Colombini tocca ma non basta per evitare la seconda marcatura. Il 2-0 è l’episodio che fa svoltare definitivamente la partita. Da quel momento il Legnago è incapace di reagire e cade vittima di amnesie difensive ed errori plateali che rendono la vita troppo facile ai bresciani. Ne è un esempio il gol del 3-0: Bettolini ruba palla a Signoretto in area e realizza il tris. Al 23’ è Giovanni Inverardi a prendersi il palcoscenico con una bella incursione in area e il tiro che batte per la quarta volta Colombini. L’incubo del Legnago non è ancora finito. Il protagonista degli ultimi due gol è Bassini: al 28’ trova il gol direttamente da punizione e al 30’ sfrutta un retropassaggio errato per battere Colombini in un 1 contro 1.

IL TABELLINO

LEGNAGO-FERALPISALÒ 0-6
RETI: 11’ Bassini (F), 4’ st Gatti, 14’ st Bettolini, 23’ st Inverardi G., 28’ st Bassini, 30’ st Bassini.
LEGNAGO SALUS (4–3-3): Colombini 5, Coraini 6 (36’ st Pigozzo sv), Rosso 6, Zerman 5.5 (26’ st Barbierato 5), Travaglini M. 5, Signoretto 4.5, Bonini 5.5 (19’ st Corso 6), Mariotto 5, Rodella 6, Travaglini A. 5.5, Franchi 6 (26’ st Orlandi 6). A disp. Djukelic, Lovato, Magnabosco, Almeida, Irianini. All. Segala 5.
FERALPISALÒ (3-4-3): Bassi 7, Ziglioli 6, Bettolini 7 (26’ st Borra 6), Nasti 6.5 (26’ st Minelli 6), Rebussi 6.5 (31’ st Turelli sv), Inverardi S. 7, Chiappini 6.5 (19’ st Politano 5.5), Inverardi G. 7.5 (31’ st Zambelli 6), Gatti 8 (26’ st Pilati 5.5), Picchi 7 (31’ st Daoudi sv), Bassini 9. A disp. Righetti, Hassan. All. Baresi 7.
ARBITRO: Meta di Vicenza 6.5.
ASSISTENTI: Irimca di Rovigo e Cappellaro di Verona.
AMMONITI: Bettolini (F), Signoretto (L), Rebussi (F), Bassini (F), Coraini (L), Borra (F), Ziglioli (F).

LE PAGELLE

LEGNAGO
Colombini 5
Subisce 6 gol ma fa anche tante buone parate. Di sicuro dovrà rivedersi in occasione delle due punizioni sulle quali ha subito gol: male entrambe le volte.
Coraini 6 Nel primo tempo riesce a gestire con calma le scorribande bresciane, tra i pochi positivi del secondo tempo, esce per infortunio nel finale (36’ st Pigozzo sv).
Rosso 6 Partita sufficiente, legge bene le situazioni di gioco e si fa trovare sempre al posto giusto al momento giusto.
Zerman 5.5 Partita molto confusa per il capitano, sbaglia tempi di intervento e giocate semplici in apparenza
26’ st Barbierato 5 Il suo ingresso non porta a miglioramenti nel centrocampo legnaghese.
Travaglini M. 5 Partita dai due volti, con il primo tempo senza troppe sbavature e ripresa dia incubo con gli attaccanti gardesani che sfondano da tutte le parti.
Signoretto 4.5 Non era partito neanche male, ma è tra i principali artefici del crollo legnaghese del secondo tempo. È lui a perdere il pallone che porta allo 0-3.
Bonini 5.5 Il gol che si divora in avvio di match potrebbe avere pesantemente indirizzato la partita. Sarebbe stato 1-0 e la partita sarebbe anche potuta cambiare
19’ st Corso 6 Quantomeno ci mette la buona volontà, facendo vedere qualche traiettoria di passaggio interessante.
Mariotto 5 Bravo nel proporsi costantemente negli spazi ma è lento nell’esecuzione dei passaggi, permettendo agli avversari di interrompere l’azione.
Rodella 6 Gran tocco di palla che però non porta quasi mai ad azioni pericolose. Ha il merito di essere tra i più propositivi dei suoi
22’ st Numerato 6 Pochi palloni toccati, ma sempre in modo pulito e ordinato).
Travaglini A. 5.5 Fa vedere diversi spunti interessanti ma manca di freddezza e concretezza quando è il momento di far male.
Franchi 6 Arretra di molti metri e lo si vede dare una mano in difesa, per carità, senza sfigurare ma lo si dovrebbe vedere in posizione più avanzata
26’ st Orlandi 6 Fa sostanza tra le maglie dei suoi nel finale, quando però è ormai troppo tardi per riaprirla.
All. Segala 5 Prepara bene la partita e si vede, almeno nel primo tempo. Nella ripresa non riesce a far rimettere i suoi in carreggiata dopo lo 0-2 e la sconfitta pesante ne è un’inevitabile conseguenza.

FERALPISALÒ
Bassi 7
Se il risultato e il match non sono mai stati in discussione è senz’altro anche merito suo, bravo a salvare la Feralpisalò in diverse occasioni.
Ziglioli 6 È un’opzione importante in fase di impostazione del gioco dal basso, lo fa con metodo e precisione .
Bettolini 7 Grande abnegazione sia quando si spinge in avanti, sia quando arretra per difendere. Dalla sua pressione alta nasce il terzo gol, da lui stesso realizzato
26’ st Borra 6 Serviva una forza fresca per far rifiatare Bettolini, lui entra e non lo fa rimpiangere.
Nasti 6.5 È una figura fondamentale nel centrocampo bresciano, gioca davanti alla difesa con autorità e calma, doti necessarie in quel ruolo (26’ st Minelli 6 Bravo a ritagliarsi lo spazio per il tiro, impreciso nello spedire il pallone sulla traversa da buona posizione). 
Rebussi 6.5 Domina nel gioco aereo, infatti è lui a respingere gran parte delle traiettorie alte nella sua zona di campo (31’ st Turelli sv).
Inverardi S.7 Le battute iniziale le trascorre in sofferenza, ma poi prende le misure e non sbaglia più un intervento difensivo fino al termine del match.
Chiappini 6.5 Prova più volte a far male partendo dalla fascia sinistra, a tratti si innamora forse troppo del pallone
19’ st Politano 5.5 Pochi spunti dal suo ingresso sul terreno di gioco.
Inverardi G. 7.5 Lavoro preziosissimo in mezzo la campo, dà ulteriore lustro alla sua prestazione trovando il gol del poker con una bella azione personale
31’ st Zambelli 6 Si batte anche lui negli ultimi strascichi di match per non rischiare nulla fino al termine.
Gatti 8 Difficile portargli via il pallone quando frappone il suo corpo tra avversario e pallone. Si merita il gol, e infatti lo trova in avvio di ripresa (26’ st Pilati 5.5 Non riesce a  entrare nel vivo del match nei 20’ minuti finali che gli concede l’allenatore).
Picchi 7 In avvio è un piacere vederlo col pallone tra i piedi: sa sempre cosa fare e come farlo, sempre efficacemente e con stile (31’ st Daoudi sv).
Bassini 9 Oggi tutto quel che toccava si trasformava in oro. Pericolo sia su azione che da calcio piazzato, dimostra di avere un grande fiuto per il gol.
All. Baresi 7 I suoi non rischiano mai di non portare a casa il risultato e nel secondo tempo imprimono il colpo definitivo del ko al Legnago.

ARBITRO
Meta di Vicenza 6.5 Sempre vicino all’azione, gestisce bene l’incontro, salvo in occasione di qualche fallo valutato forse troppo generosamente. 

LE INTERVISTE

Manuel Segala, allenatore Legnago: «l risultato non rispecchia l’andamento della gara: primo tempo giocato alla pari, nel secondo abbiamo avuto un blackout dopo il gol dello 0-2 e abbiamo subito 3 gol nel successivo quarto d’ora e sopratutto su errori nostri individuali. In queste categorie non ti perdonano niente. Certamente un gol nel primo tempo avrebbe tirato su il morale  e la squadra si sarebbe alzata. Sarebbe stato diverso affrontare il secondo tempo con un pareggio».

Alessio Baresi, allenatore Feralpisalò: “Per noi era la prima partita dopo tanti mesi e poteva esserci un po’ di tensione, però i ragazzi sono stati sempre in partita, anche nel primo tempo dopo pochi secondi abbiamo preso una traversa e poi anche altre due. Nel secondo tempo loro sono calati ed è uscita la nostra qualità. Il risultato è forse un po’ troppo largo, ma la vittoria è netta. Ho visto i miei ragazzi belli carichi su tutti i palloni, poi ci sono stati anche errori  ma fanno parte del gioco. Dagli occhi li ho visti davvero preparati e alla fine il risultato ha rispecchiato quello che hanno prodotto».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli