25 Giugno 2021

Pro Sesto-Pergolettese Under 17 Serie C: il cinismo di Fugazzola e Sangiovanni regala i tre punti agli ospiti

Le più lette

Vis Nova-Alcione Under 16: Di Munno, Notarianni, Vecchi e Gorla calano il poker per Brunetti

Si chiude sul risultato di 0-4 l'incontro tra i classe 2005 di Vis Nova e Alcione, che già si...

Fanfulla-NibionnOggiono Serie D: il guizzo di Tremolada in pieno recupero manda Commisso in paradiso

Se per William Shakespeare il sogno era quello di una notte di mezza estate, per il NibionnOggiono è quello...

Alessandria-Torino Women Serie C femminile: Annalisa Favole e Levis affondano le ultime speranze delle grigie

Sull'onda della vittoria contro il Pinerolo di domenica scorsa, l'Alessandria prova a giocarsi l'ultima chance per arrivare al penultimo...

Inizia con tre punti il campionato della Pergolettese Under 17 che contro la Pro Sesto vince grazie ad un grande cinismo. I ragazzi del tecnico Alessio Pala restano compatti e concentrati per tutta la durata del match, basando il proprio gioco sul muro di fisicità messo su dalla linea di difesa per poi affidarsi alla qualità del proprio centrocampo e alla velocità degli attaccanti. Di contro, c’è sicuramente del rammarico per la Pro Sesto, che è padrona del campo per gran parte del match, ma i ragazzi di Martinelli mancano di precisione negli ultimi 15 metri, non riuscendo mai a trovare il passaggio finale per far male agli avversari. Gli eroi del pomeriggio sono Fugazzola e Sangiovanni, che con i loro colpi precisi regalano il successo alla Pergolettese. Ringalluzzisce le speranze dei sestesi il gol di Esposito, ma il risultato finale dice 1-2.

Cinismo. Parte a razzo la Pro Sesto, che mette immediatamente in campo grande dinamismo e garra, basandosi soprattutto sull’asse Valtorta-Curzi-Marocco per rendersi pericolosa, andando però a sbattere contro il muro eretto dalla difesa della Pergolettese. Una bella azione corale all’8’ porta i padroni di casa in vantaggio, ma la bandierina dell’assistente si alza per fuorigioco e l’entusiasmo viene smorzato. Nell’immediato non cambia l’andamento del match, ma al 12′ sono gli ospiti a festeggiare, grazie al gol di Fugazzola che pesca il pallone giusto in area e da distanza ravvicinata riesce a battere Rimbu. La Pro accusa il colpo: la squadra di Martinelli continua a tenere il pallino del gioco, ma è visibilmente meno propositiva. Goffi ci prova quando le lancette indicano il 17′, lanciandosi in un’azione personale che lo porta a scaricare su Marocco: il numero 11 tira a botta sicura ma trova l’opposizione Montagnari, ci riprova con il portiere ancora a terra ma un difensore riesce a fare da muro. Una situazione simile si verifica al 31′, con Marocco che questa volta veste i panni dell’assist-man, servendo De Carlini, ma anche in questo caso Montagnari è vigile e respinge. Sul pallone vagante a mezz’aria si avventa Goffi, ma anche in questo caso la difesa riesce ad evitare in extremis il pareggio. Il raddoppio della Pergolettese arriva al 45′ grazie alla caparbietà di Sangiovanni, che crede in un lancio lungo del portiere, controlla a seguire e tira: Rimbu riesce a deviare con il piede ma il pallone passa ugualmente Sangiovanni è bravo a tuffarsi sul pallone per correggere la traiettoria e mandarlo in porta.

Schemi saltati. Al rientro in campo per la seconda frazione i padroni di casa sembrano aver accusato il raddoppio poco prima dell’intervallo e nei primi minuti faticano ad imporsi come nella prima frazione. Riescono a riacquisire coraggio grazie al gol che accorcia le distanze, arrivato al 7′ a firma di Esposito, che in area riesce a raccogliere un pallone scaricato in area da Marocco che aveva percorso gli ultimi metri della fascia. Gli ospiti però non si scompongono e riescono a restare anzi molto compatti, facendo attenzione alle iniziative degli avversari. Al 16′, infatti, su un contropiede ci prova Guerini Rocco, che al limite dell’area riesce a superare un avversario con un bel sombrero e poi al volo impatta al pallone, mettendoci però solo la potenza e non inquadrando dunque lo specchio della porta. A questo punto della partita sono saltati tutti quanti gli schemi e le due squadre lottano su ogni pallone, cercando di proiettare subito la manovra in avanti, rendendo dunque il match molto combattuto nella zona centrale del campo. È il 30′ quando Pastore crossa di prima per Goffi che in area si ritaglia dello spazio, riesce a controllare e tira, ma anche in questo caso Montagnari riesce a difendere i pali. Sul capovolgimento di fronte ci prova di nuovo Guerini Rocco, ma Rimbu in tuffo evita che la propria squadra sprofondi. Al 46′ c’è l’ultima emozione del match, con Pastore che tutto solo ha il tempo di prendere la mira, ma inspiegabilmente spara alto da posizione leggermente defilata. Al 50′ l’arbitro decreta la fine della gara, con gli ospiti che festeggiano per i tre punti guadagnati su un campo difficile e contro degli avversari decisamente ostici.

IL TABELLINO

Pro Sesto-Pergolettese 1-2
RETI (0-2, 1-2): 12’ Fugazzola (Pe), 45’ Sangiovanni (Pe), 7′ st Esposito (Pr).
PRO SESTO (4-3-3): Rimbu 6, Silba 5.5 (15′ st Pastore 6.5), Valtorta 6 (1′ st Segato 6), Ciarmoli 6.5, Costante 6, Macovei 5.5 (1′ st Di Mango 6.5), De Carlini 5.5 (21′ st Ciubotaru 6), Curzi 6.5, Goffi 6 (35′ st Zannelli sv), Uva 5.5 (1′ st Esposito 7), Marocco 7 (21′ st Saracino 6). A disp. Formosa, Silanos. All. Martinelli 6.5.
PERGOLETTESE (4-4-2): Montagnari 6.5, Riboli 5.5 (1′ st Parati 6), Malanga 6, Grassi 6 (11′ st Guerini Rocco 7), Castano 6.5, Dellagiovanna 6.5, Schiavini 6, Carra 6.5, Esposti 7 (21′ st Meloni 5.5, 32′ st Tacchinardi sv), Fugazzola 7, Sangiovanni 7.5. A disp. Locatelli, Facchi, Pezzotta, Ajdini, Tedoldi. All. Pala 7.
ARBITRO: Lorenzo Savoldi di Bergamo 6.5.
ASSISTENTI: Alessandro Colleoni di Bergamo e Davide Finocchio di Milano.
AMMONITI: Marocco (Pr), Malanga (Pe), Fugazzola (Pe).

LE PAGELLE

PRO SESTO
Rimbu 6 Attento per tutta quanta la partita, regala anche un paio di interventi spettacolari. Sul primo gol non può nulla, sul secondo è stato sfortunato a veder passare la palla nonostante il suo intervento.
Silba 5.5 Nel primo tempo il gioco della Pro Sesto pende sulla fascia opposta alla sua, ma quando viene chiamato in causa si dimostra troppo timido e viene facilmente contrastato dagli avversari.
15′ st Pastore 6.5 Decisamente meglio del suo compagno, le sue sgroppate sono quasi sempre sinonimo di pericolo per la difesa ospite. Sarebbe stato un bene, forse, cercarlo di più. Nel finale sciupa una buona occasione, ma fare gol non è il suo mestiere.
Valtorta 6 La sua gara dura solo una frazione, ma si dimostra molto propositivo in avanti. In fase arretrata, invece, nonostante la sua fisicità fatica un po’ a reggere l’urto degli avversari.
1′ st Segato 6 Interpreta bene il ruolo nel secondo tempo, ma non si accende mai e non riesce a dare quel quid in più per cambiare il corso della partita.
Ciarmoli 6.5 A centrocampo quasi tutte le azioni più pericolose passano dai suoi piedi e dalle sue geometrie. Prezioso in fase di interdizione, intelligente nei momenti di impostazione.
Costante 6 Al centro della difesa riesce a farsi rispettare il più delle volte, anche se un’incomprensione con il suo collega di reparto costa il raddoppio degli avversari. Si dimostra molto abile nel gioco aereo.
Macovei 5.5 Non una brutta partita, ma decisamente non la sua: la (tanto) maggiore fisicità degli attaccanti della squadra ospite lo mette in serie difficoltà. In fase di costruzione fa valere la qualità dei suoi piedi, ma non basta.
1′ st Di Mango 6.5 Con lui in difesa il muro della Pro Sesto è sicuramente più solido, tant’è che gli avversari nel secondo tempo fanno fatica a rendersi effettivamente pericolosi. Fa a sportellate e di testa le prende quasi tutte.
De Carlini 5.5 Fatica a trovare la sua posizione in campo e perde ingenuamente tanti palloni, non riuscendo a fare la scelta giusta al momento giusto.
21′ st Ciubotaru 6 Entra per dare un po’ di spinta ulteriore alla manovra offensiva della Pro Sesto e riesce nel suo compito, mettendo pressione al portatore di palla e facendo sentire la sua presenza in campo.
Curzi 6.5 Meglio nel primo tempo che nel secondo, l’intesa con alcuni compagni è veramente degna di nota e si dimostra anche molto intelligente tatticamente, capendo quando è il caso di provare a concludere o quando è meglio servire i colleghi.
Goffi 6 Fa quel che può contro una difesa veramente molto attenta ed estremamente fisica. Lotta su ogni pallone e tiene alta la squadra per quasi tutto il match. Spreca da due passi un’ottima occasione, ma la stanchezza in questo caso può essere una giustificazione. (35′ st Zannelli sv).
Uva 5.5 Galleggia a centrocampo e non lo si vede quasi mai, se non per qualche slalom che però si rivela inconcludente. Nel servire i compagni è anche poco preciso.
1′ st Esposito 7 Al di là del merito di aver ridotto le distanze, riesce ad acclimatarsi subito nel match e porta quella garra che mancava ai compagni a inizio secondo tempo. Col passare delle lancette si perde un po’, ma quando si accentra è il fulcro del gioco.
Marocco 7 Tanta corsa, tanto dribbling, tanta cattiveria e, purtroppo per lui, poca precisione. I compagni lo cercano molto e lui si prende sulle spalle la squadra, ma oggi non è riuscito ad essere più concreto negli ultimi 15 metri.
21′ st Saracino 6 Non ha molto tempo a disposizione, ma cerca di fare il suo tenendo alto il pressing della squadra, provando a riconquistare palloni in zone importanti.
All. Martinelli 6.5 La squadra è messa bene in campo e gioca un buon calcio. Purtroppo manca di precisione nella rifinitura e non riesce a capitalizzare tutta la mole di gioco creata.

PERGOLETTESE
Montagnari 6.5 Non sono tantissime le occasioni in cui viene chiamato in causa, ma gli interventi in cui si mette in mostra sono degni di nota e riesce a salvare la sua squadra.
Riboli 5.5 Poca spinta in avanti e poche garanzie di copertura nel reparto arretrato. Non riesce ad imporsi sulla sua fascia.
1′ st Parati 6 Ordinaria amministrazione sulla fascia. Non è troppo presente in attacco, ma in difesa è costantemente attento e in qualche modo riesce a mettere una pezza alle straripanti manovre avversarie.
Malanga 6 Il terzino è autore di una prova sufficiente, restando perlopiù nella propria metà campo e cercando di recuperare quanto più palloni possibili.
Grassi 6 Prova ordinata a centrocampo, mettendosi in mostra più che altro per l’abilità nel recuperare palloni e per la capacità di fare da filtro davanti la difesa.
11′ st Guerini Rocco 7 Entra e contribuisce alla resistenza della propria squadra: grazie a lui la Pergolettese è in grado di stare più alta e lui con la sua velocità mette in seria difficoltà la difesa avversaria, lottando su ogni pallone e facendo valere anche la sua fisicità.
Castano 6.5 Ottima gara la sua. In difesa riesce ad annullare quasi totalmente le iniziative offensive degli avversari per le vie centrali, facendo a sportellate con le punte della squadra di casa, senza mai tirarsi indietro nei contrasti.
Dellagiovanna 6.5 Come il suo collega, spicca al centro della difesa per la sua dominanza e riesce a vincere nella gara di sportellate con gli avversari. Nel gioco aereo le prende quasi e fa valere la sua fisicità e la sua intelligenza tattica.
Schiavini 6 Gioca bene, gestendo in buona maniera i palloni che gli capitano tra i piedi e non sdegnando neanche alcune sortite in avanti, inserendosi in area per dare una mano al reparto offensivo, aumentando la presenza in attacco della Pergolettese.
Carra 6.5 Classico match da lavoro invisibile, in cui non si vede moltissimo quello che fa ma è fondamentale: tanto pressing, tanta corsa e tanti palloni sradicati dai piedi degli avversari e poi subito messi al servizio della squadra.
Esposti 7 Tiene alta la squadra e viene costantemente cercato dai compagni, che lanciano tanti palloni consapevoli della sua predominanza nel gioco aereo. Grazie alla sua pericolosità riesce ad accentrare su di lui le attenzioni, liberando gli spazi per i compagni.
21′ st Meloni 5.5 Entra e non riesce a dare lo stesso apporto del compagno che ha sostituito. A parziale giustificazione, c’è da dire che subentra in un momento estremamente confuso del match. (32′ st Tacchinardi sv).
Fugazzola 7 Apre le marcature con un gol di rapina in area. Al di là di questo, si esibisce in una buona prova, da vero numero dieci, giocando tra le linee e rendendosi pericoloso grazie alla qualità dei suoi piedi.
Sangiovanni 7.5 Corre su ogni pallone, segna, prova a servire i compagni e si adatta ad ogni situazione in mezzo al campo, giocando anche da terzino o da mezzala nei momenti in cui la squadra aveva bisogno di un maggior contributo difensivo.
All. Pala 7 Mette in campo una formazione che sta benissimo in campo, mantiene alta la concentrazione per tutta la durata del match e, soprattutto, è estremamente cinica, sfruttando al massimo le occasioni arrivate. La somma di tutte queste cose dà come risultato i tre punti.

ARBITRO
Lorenzo Savoldi di Bergamo 6.5 Dirige bene una gara per gran parte dello suo svolgimento corretta. Nella seconda parte del secondo tempo gli animi si agitano un po’, ma lui è bravo nel gestire tutte le situazioni, senza neanche dover tirare fuori troppi cartellini.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli