Quarti di finale, l’andata: Renate-FeralpiSalò, una delle due arriva in semifinale

293
Simone Carminati, tecnico della FeralpiSalò: gli si può quasi vedere in volto la consapevolezza che con Tirelli sarebbe tutto più facile
Simone Carminati, tecnico della FeralpiSalò: gli si può quasi vedere in volto la consapevolezza che con Tirelli sarebbe tutto più facile

Affrontare un rivale che si conosce benissimo, e che dunque non potrà riservare spiacevoli sorprese: che cosa aspettarsi di meglio? Questo sarà quanto avranno pensato Robbiati e Carminati, tecnici rispettivamente di Renate e FeralpiSalò, le due squadre lombarde provenienti dal Girone A che si contenderanno l’ambitissimo accesso alla semifinale Scudetto. Dal canto loro, le Pantere si presentano a questi quarti di finale con un rassicurante 6-2 complessivo nel doppio confronto contro il Siena, in cui i nerazzurri hanno dominato e hanno segnato in ogni modo (da calcio da fermo, grazie ad acuti dei singoli, dopo azioni di squadra); i Leoni del Garda invece hanno la certezza di aver già superato i propri limiti e migliorato quelle che erano state le prestazioni del campionato, perchè sono stati in grado di eliminare quel Novara che alla tredicesima e alla ventiseiesima giornata del Girone A riuscì a piegare per due volte i Verdazzurri prima con una vittoria per 1-2 in trasferta e poi con un 1-0 in casa. E tutto questo, ricordiamolo, senza la propria punta di diamante Mattia Tirelli, aggregata ai Berretti e per qualche presenza anche in prima squadra e che nonostante tutto è riuscita a vincere il premio di capocannoniere del campionato. Una sfida che dunque si profila equilibrata, sempre che qualcuno fra i ragazzi o i tecnici non se ne esca con una giocata o una intuizione che, per gli avversari, si riveli essere, per l’appunto, una spiacevole sorpresa.

Ma in questi quarti di finale non ci saranno solo Renate e Feralpi, perchè Juve Stabia e Catania si affronteranno in un derby del Sud per l’accesso a un altro posto in semifinale. Le Vespette hanno eliminato il Vicenza, mentre il Catania ha avuto la meglio del Rimini, seppur con qualche difficoltà; se però prima della fasi finali i favoriti sarebbero stati i siciliani, anche in virtù del fatto che avevano terminato imbattuti il Girone E, la fine dell’imbattibilità stagionale degli Etnei mette i due avversari su un piano quasi paritetico. Anche in Sudtirol-Pordenone vedremo due formazioni che, in quanto appartenenti allo stesso Girone, si conoscono bene, e dunque sembrano promettere dei quarti di finale all’insegna di un equilibrio che porterà a segnare pochi gol, anche se a partire leggermente favoriti sono i trentini, che hanno terminato il campionato da primi in classifica, mentre i friulani sono giunti terzi. A chiudere il tabellone di questi quarti ci sarà Reggina-Paganese, match che, a differenza degli altri, pare invece decisamente pendere a favore degli ospiti: il percorso dei calabresi fin qui è stato convincente, ma dalle parti di Pagani stanno dimostrando di svolgere un lavoro superbo a livello giovanile, perchè oltre alla Under 17 anche la Under 15 e i Berretti sono arrivati ai quarti di finale Scudetto. Risultati di qualità stanno a significare staff di qualità e ragazzi di qualità, che nelle fila della Paganese non sembrano mancare, anche se a Reggio Calabria si staranno augurando una mia clamorosa svista.

CLICCA QUI PER SCARICARE LA NOSTRA APPLICAZIONE DOVE PUOI CONSULTARE RISULTATI E CLASSIFICHE