24 Ottobre 2020 - 13:45:06
sprint-logo

Torino-Inter Under 18: granata e nerazzurri si annullano

Le più lette

Caselette – Spazio Talent Soccer Prima Categoria: Bommaci apre le danze, Caria sovrasta i neroverdi

Sullo sfondo del centro sportivo Piero Ghirotto si sta preparando la sfida della giornata. Il Caselette di Oliviero Chiapino...

Valdruento – Mappanese Under 19: perla di Fadda, Russo incontenibile

Sonoro 6-0 in favore dei padroni di casa del Valdruento nei confronti della Mappanese: tre gol per tempo permettono...

Nuova Ordinanza Regione Lombardia: tutti i campionati chiusi fino al 13 novembre, sì agli allenamenti individuali

Chi chiedeva ad Attilio Fontana di uniformarsi al DPCM e aprire alle competizioni regionali rimarrà deluso: non solo il...

La solidità del Torino ferma le speranze dell’Inter di potersi avvicinare ai piani alti della classifica. La squadra di Zanchetta, nonostante il predominio territoriale per la maggior parte della partita, non è riuscita quasi mai a impensierire veramente Pirola. I meriti vanno ai granata di Capriolo, che trovano così il secondo clean sheet consecutivo (la scorsa settimana i torelli avevano mantenuto inviolata la porta per la prima volta in stagione) grazie a una fase difensiva finalmente senza sbavature.

Il ritorno al 3-5-2 – modulo con cui il Torino aveva iniziato la stagione – sta dando i suoi frutti dunque. Il trio difensivo Formia, Mirabelli e Morra sembra veramente ben assortito e gli esterni Foschi e Aita interpretano molto bene il ruolo, chiudendo bene dietro e spingendo con costanza. Se a tutto questo si somma il pacchetto in mediana composto da Peirano, Tesio e Savini, tutti e tre molto attenti negli scivolamenti difensivi e nel chiudere le possibili imbucate, si capisce come i granata siano riusciti a imbrigliare il 4-3-1-2 di Zanchetta. Sulla trequarti Mirarchi ha incontrato molte difficoltà nel trovare spazi e il nazionale Boscolo Chio non è mai riuscito a fare la differenza.

In avvio di gara, però, i granata non partono particolarmente bene. Aita e compagni faticano a trovare le giuste distanze e fino al 20′ è praticamente un dominio dell’Inter. I nerazzurri, comunque, non riescono a creare particolari pericoli su azione e l’unica conclusione degna di nota arriva da un piazzato calciato molto bene da Mirarchi sotto la barriera. Attenta la risposta di Pirola che manda in corner. Questa è anche l’unica occasione di una prima frazione che con il passare dei minuti si fa sempre più equilibrata. Una volta trovate le distanze, il Torino si inizia anche ad affacciare in avanti, affidandosi alle leve di Stauciuc, alla fantasia di Favale e ai cambi di gioco – sempre millimetrici – di un Tesio costretto a lasciare il campo a fine primo tempo.

In avvio di ripresa è l’Inter ad avere l’occasione più ghiotta del match. Cancello viene pescato davanti a Pirola, ma calcia pensando più alla potenza e spara centralmente. Otto minuti dopo è il Torino protagonista. Favale semina il panico sulla destra e dopo aver saltato Gualtieri, viene fermato da capitan Sottini. Favale a quel punto si lascia cadere e il direttore di gara lo ammonisce per simulazione. Si tratta di un episodio dubbio, perché il fantasista granata aveva ormai saltato il difensore nerazzurro e poteva calciare tranquillamente in porta da buona posizione. Il momento è propizio per il Torino, soprattutto perché Gualtieri inizia a incontrare sempre più difficoltà nella marcatura su Favale. Al 17′, infatti, il ‘gaucho granata’ salta ancora una volta il terzino di Zanchetta e serve Foschi, che però tira troppo debolmente. Dall’angolo che ne consegue, il Torino con uno schema libera al tiro da fuori area Novelli e soltanto uno strepitoso Tononi gli nega la gioia del gol. Viste le difficoltà Zanchetta corre ai ripari e inserisce Alcides per Gualtieri, spostando sulla sinistra l’esordiente Tonoli. Scelta che si rivelerà azzeccata, perché da quel momento Favale inizierà a trovare più difficoltà.

La gara è comunque ormai indirizzata verso un 0-0 giustissimo. Soltanto una traversa al 43′ colpita da Akhalaia fa tremare i granata e sognare – per poco- i nerazzurri.

TORINO-INTER IL TABELLINO

TORINO-INTER 0-0

TORINO (3-5-2): Pirola 6.5, Foschi 6.5, Aita 6 (32′ st Bedetti sv), Morra Bean 6.5, Mirabelli 6.5, Formia 6 (1′ st Novelli 6.5), Peirano 6 (36′ st Gerbino sv), Savini 6.5, Stauciuc 6 (32′ st Cocola sv), Favale 7, Tesio 6 (1′ st Larotonda 6). A disp. Matysiak, Crivellaro, Pesce, Lovaglio. All. Capriolo 6.5.

INTER (4-3-1-2): Tononi 6.5, Tonoli 7, Gualtieri 5.5 (18′ st Alcides Dias 6), Sangalli 6.5 (18′ st Wieser 6), Moretti A. 6.5, Sottini 7, Boscolo Chio 6, Cester 6 (18′ st Pezzotta 6), Cancello 5.5 (36′ st Cappadonna sv), Mirarchi 6, Akhalaia 5.5. A disp. Gerardi, Oppizzi, Verzeni. All. Zanchetta 6.5.

ARBITRO: Sicurello di Seregno  6 Dubbi sul giallo dato a Favale per simulazione, ma direzione assolutamente positiva.

AMMONITI: 14′ st Favale (T).

TORINO-ATALANTA LE PAGELLE

TORINO

Pirola 6.5 Ottima parata sulla punizione di Mirarchi, buoni riflessi sulla conclusione ravvicinata di Cancello.

Foschi 6.5 Molto propositivo in avanti. Determinato e grintoso, prova in ogni modo a frenare le sortite nerazzurre.

Aita 6.5 Il capitano non fa mancare nulla. Meno determinante in fase offensiva rispetto a Foschi, ma praticamente perfetto in difesa. (32′ st Bedetti sv)

Morra Bean 6.5 Una delle migliori partite stagionali. Commette solamente due sbavature in fase d’impostazione, ma è sempre bravo a rimediare.

Mirabelli 6.5 Chiude su ogni pallone. Chiedere agli attaccanti nerazzurri per conferma.

Formia 6 Qualche sbavatura a inizio partita, poi si riprende. (1′ st Novelli 6.5 Appena prende confidenza inizia a sfoderare una serie di chiusure di alto livello, a volte anche con grande eleganza)

Peirano 6 Lento nello scivolamento e a chiudere il buco centralmente, positivo per impegno e grinta. (36′ st Gerbino sv)

Savini 6.5 Ormai non sorprende più. Pure essendo un 2003 riesce a risultare sempre tra i più positivi in campo.

Stauciuc 6 Sgraziato, estremamente sgraziato, ma allo stesso tempo molto efficace. Le sue leve lo rendono un attaccante scomodo da marcare. (32′ st Cocola sv)

Favale 7 È l’arma in più della squadra. Porta divertimento e fantasia. Quando si accende lui, il Torino è pericoloso.

Tesio 6 Impressionante la facilità di impostazione con due piedi. D’altronde ha già esordito in Primavera. (1′ st Larotonda 6 Entra con il giusto piglio, non facendo pesare l’assenza di Tesio).

All. Capriolo 6.5 È riuscito a dare la giusta compattezza a una squadra che prendeva troppi gol. Anche l’attenzione nell’arco dei 90 minuti è migliorata, questo Torino non ha più cali di tensione.

INTER

Tononi 6.5 Decisivo su Novelli e sempre attento. Bravo anche in uscita.

Tonoli 7 Non male come esordio nell’Inter. Perfetto a destra e bene anche quando viene spostato sulla sinistra per fermare Favale.

Gualtieri 5.5 Parte bene, poi inizia a patire troppo Favale, motivo per cui viene sostituito. (18′ st Alcides Dias 6 Si rende protagonista con un bel diagonale. Dà più spinta sulla destra)

Sangalli 6.5 Detta bene il ritmo nel primo tempo. Sempre bravo a trovarsi lo spazio per impostare (18′ st Wieser 6 Entra nel momento migliore del Torino e aiuta i suoi compagni a reagire)

Moretti A. 6.5 Lotta e chiude con Stauciuc, a volte rischiando anche troppo.

Sottini 7 Uno dei migliori di giornata. Imperioso di testa, devastante fisicamente e sicuro in impostazione.

Boscolo Chio 6 È un Nazionale e per questo ci si aspetta di più da lui. Sufficienza risicata, ma meritata.

Cester 6 Si vede molto in avvio di gara, poi nella ripresa si perde un po’. (18′ st Pezzotta 6 In mezzo al campo il Torino sta bene, prova a dare più dinamismo)

Cancello 5.5 Spreca un’occasione clamorosa. Bravi i difensori granata a limitarlo per il resto della partita. (36′ st Cappadonna sv)

Mirarchi 6 A sprazzi si accende e l’Inter ne trae beneficio. Furbo nel calciare la punizione rasoterra, sorprendendo la barriera del Torino.

Akhalaia 5.5 Limitato da Morra e Formia, combina poco. Sfortunato nel finale quando colpisce la traversa, quel tiro è la sua giocata più bella.

All. Zanchetta 6.5 L’Inter ha una chiara idea di gioco e impone la propria manovra. Unica pecca è il non riuscire a trovare alternative una volta che il Torino è riuscito a capire come fermarli.

TORINO-INTER LA FOTOGALLERY A CURA DI MAURIZIO VALLETTA

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli