mercoledì, 27 Maggio 2020

Milan-Roma, la finale: niente impresa, la Roma è Campione d’Italia

Le più lette

FIFA Sprint eSport Piemonte: intervista a Fabio Accastelli, unico pluricampione

La 7ª e ultima edizione del nostro torneo di Fifa si è chiusa con il botto: il trofeo è...

Pavia Academy, voglia di rinascita: «Con settore giovanile e prima squadra ridaremo alla città il vecchio Pavia»

Il Pavia Academy non ha smesso di pensare in grande: per la prossima stagione sono già pronti un settore...

#stiamoincontatto Monza, in attesa di nuovi sviluppi: in Brianza pochi passi avanti

La prima riunione sul web della Delegazione di Monza si apre con il doveroso omaggio alla figura di Maurizio...
Dennis Carzaniga
Dennis Carzaniga
Caposervizio Redazione Lombardia

L’impresa impossibile non è riuscita. Il Milan di Gianluca Polistina si arrende sul più bello, nella finalissima contro una Roma sulla carta superiore ma per lunghi tratti dominata dai rossoneri. Alla fine a pesare sono state le occasioni sprecate nel primo tempo (oltre alle assenze di Marrone e Alesi, infortunati), con la Roma che mette le mani sullo Scudetto in 5 minuti nella ripresa, con due gol tra il 16’ e il 21’. Una sconfitta che fa ancora più male perché immeritata, anche se i giallorossi hanno dimostrato di essere una grande squadra. Al Milan rimane l’orgoglio e il merito di aver fatto una stagione sopra le righe, arrivando fino a una finale forse impronosticabile a inizio stagione.

Nel primo tempo la Roma tiene in mano il pallino del gioco, ma il Milan è messo bene in campo e non lascia nemmeno un centimetro agli attaccanti giallorossi. Anzi è proprio il Milan ad avere le occasioni migliori. La prima palla gol però è della Roma: Koffi filtra per Padula, che prova il sinistro sul secondo palo ma la palla termina a lato. I rossoneri non ci stanno e a 13’ Rossi ha la palla buona per battere a rete, ma la sua conclusione – dopo aver vinto un rimpallo col portiere avversario – finisce alta. Piano piano il Milan riesce anche a prendere campo, e in due minuti a cavallo della mezzora cestina due palle gol clamorose: sulla prima Missori fa un miracolo salvando sulla linea il tiro a botta sicura di Rossi sull’assist dalla destra di Anane, poi è Cellamare in proiezione offensiva (ancora Anane da destra, Catena ribatte corto e male) a mettere a lato non di molto il sinistro in acrobazia.

Nella ripresa la partita è più equilibrata, e dopo un rigore chiesto da Foglio per una spinta di Muratori, la Roma la sblocca al 16’ con Koffi, abile nel trasformare in oro l’assist di Pagano e l’errore di Camara, fino a quel momento il migliore in campo in assoluto. Preso il gol il Milan si smarrisce, la Roma capisce che è il momento di colpire e al 21’ chiude la partita: Koffi è devastante sulla destra, l’assist è perfetto per Cherubini che spunta sul secondo palo e insacca il raddoppio. Polistina si gioca le carte Luscietti e Montalbano, ma l’uno-due romanista ha messo di fatto la parola fine sul match, con Cellamare che al 32’ salva la conclusione a botta sicura di Cherubini azionato da Liburdi. La Roma è campione d’Italia, il Milan si arrende dopo una cavalcata favolosa.

MILAN-ROMA 0-2
RETI: 16’ st Koffi (R), 21’ st Cherubini (R).
MILAN (4-3-3): Di Chiara, Cellamare, Incorvaia, Dipalma (17’ st Luscietti), Camara, Foglio, Sette (25’ st Montalbano), Bozzolan, Rossi, Boni (33’ st Galli), Anane. A disp. Nava, Perego, Anut, Marrone, Monelli, Gala. All. Polistina.
ROMA (4-3-3): Mastrantonio, Missori, Falasca (37’ st D’Alessio L.), Faticanti, Catena, Muratori, Koffi, Lilli (22’ st Mirimich), Padula (6’ st Liburdi), Pagano, Cherubini (37’ st Simone). A disp. Baldi, Pandimiglio, Pellegrini, Pisilli, D’Alessio F. All. Tanrivermis.
ARBITRO: Bianchini di Perugia.
ASSISTENTI: Franco di Padova e Regattieri di Finale Emilia.
QUARTO UOMO: Zanotti di Rimini.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy