13 Agosto 2020 - 00:13:39

Milan – Venezia Under 15: Mangiameli e Zeroli prolungano le feste di Bertuzzo

Le più lette

La Biellese, in mediana c’è Dylan Kambo

I lanieri di Rizzo continuano a puntare alto e l'ennesimo segnale arriva dal mercato che regala un centrocampista di...

Villa Valle, aspettative alte e la giusta esperienza: con Bolis idee chiare e squadra tecnica

È nella splendida cornice dell’hotel ristorante Settecento a Presezzo che nella serata di mercoledì 5 agosto si è tenuta...

Calcio femminile, un bagno di sangue: cadono Biellese, Femminile Juventus, Novese, Canelli, Sedriano e Luserna

Per fortuna che l'obiettivo dovrebbe essere il professionismo, ma senza una base, senza il calcio dilettantistico, può esserci il...

Chiamato alla vittoria dai cugini neroazzurri, che pochi minuti prima si erano sbarazzati della Spal in terra emiliana, i ragazzi di Bertuzzo rispondono “presente” e battono, convincendo, il Venezia tra le mura amiche. I primi minuti mostrano fin da subito una visibile differenza di qualità e di preparazione della partita da parte delle due squadre: i padroni di casa puntano sugli esterni, cercando di creare spazi all’interno per poi attaccare, come in occasione del primo gol; gli ospiti faticano a coprire queste giocate con i giusti tempi, arrivando sempre in ritardo sull’interno o sull’esterno. In fase di ripartenza, invece, la grande pressione rossonera gli ha impedito praticamente sempre di distendersi e rendersi pericolosi. Nei primi otto minuti il Milan si rende pericoloso ben due volte: al terzo Sperandio mura la conclusione da distanza ravvicinata di Nahrudnyy; all’ottavo Benedetti spreca un regalo di Berengo in uscita calciando alto un pallonetto. Il gol del vantaggio arriva al dodicesimo minuto grazie a un’azione studiata. Piantedosi trova largo Benedetti, che serve con i tempi giusti l’inserimento di Perrucci, il quale serve la testa di Mangiameli e infine si gonfia la rete. Trovata la rete del vantaggio i ritmi si abbassano e il Milan si limita a gestire con sicurezza il vantaggio e il possesso del pallone, riuscendo a non correre mai rischi seri. Nei primi minuti del secondo tempo il Venezia riesce ad entrare con un buon piglio, riuscendo ad andare più volte in zone calde del campo, ma senza mai chiamare Torriani in causa. Sempre dai piedi di Nahrudnyy, al nono, nasce l’azione del secondo gol. Un bel pallone crossato in mezzo dall’esterno rossonero trova sul secondo palo Benedetti, che sbagliando il controllo serve involontariamente Mangiameli, il quale con una girata aerea scrive per la seconda volta il nome sul tabellino dei marcatori. Tre minuti più tardi arriva il gol che chiude definitivamente il match. Nahrudnyy mette in mezzo un tiro cross che viene deviato da Zeroli e supera l’incolpevole Sperandio. Dopo il gol del capitano del Milan la partita perde d’intensità, inizia la girandola dei cambi e aumenta, anche se in misura limitata, il nervosismo. Al termine della gara Bertuzzo rivela: «Prima della partita li ho messi in guardia nei confronti del Venezia, sono una squadra tosta. Noi abbiamo alzato il livello tecnico, abbiamo approcciato bene la partita e questo ci ha permesso di riuscire a vincere. Il campionato non è solo tra Milan e Inter, ma ci sono anche il Bologna e altre squadre. Ogni partita è da giocare perché il livello della competizione è alto. Il nostro obiettivo è far crescere i ragazzi e il risultato è una conseguenza di questo. Il rientro di Cifuentes è importante. Ci metterà un po’ di tempo a rientrare a pieno regime, ci da un’alternativa importante per gli esterni, che sono sempre chiamati a un grande lavoro».

La terna. Da sinistra a destra: Basso di Lodi, Gadaleta di Lodi e Pullano di Lodi.
La terna. Da sinistra a destra: Basso di Lodi, Gadaleta di Lodi e Pullano di Lodi.

IL TABELLINO DI MILAN-VENEZIA UNDER 15

MILAN-VENEZIA 3-0
RETI: 12’ Mangiameli (M), 9’ st Mangiameli (M), 12’ st Zeroli (M).
MILAN (4-3-3): Torriani 6, Casali 6.5 (24’ st Cecotti 6), Piantedosi 6.5 (18’ st Bartesaghi 6), Fontana 6.5, Malaspina 6, Perrucci 6.5, Nahrudnyy 7.5 (24’ st Cifuentes 6.5), Nicotra 6.5 (9’ st Baricchio 6), Mangiameli 8 (18’ st Longhi 6), Zeroli 7.5 (24’ st Sala 6), Benedetti 7 (9’ st Tonon 6). A disp. Lionetti, Paloschi,. All. Bertuzzo 7.
VENEZIA (4-3-3): Sperandio 7, Bah 5, Camolese 5.5, Berengo 5.5, Salviato 5, Keita 5.5 (18’ st Mazzola 6), Lucich 6.5 (1’ st Mariuzzo 5), Giacomello 5 (18’ st Rocchetto 6), Piva 5 (28’ st Francescini sv), Girardi 5 (18’ st Schiavon 6), Gesuato 5 (28’ st Malinay sv). A disp. Casarin. All. Saccon 5.
ARBITRO: Gadaleta di Lodi 6.5.
ASSISTENTE 1: Pullano di Lodin 6.5.
ASSISTENTE 2: Basso di Lodi 6.5.
AMMONITI: 16’ st Piva (V), 35’ st Salviato (V).

Il migliore in campo è Mangiameli grazie alla doppietta.
Il migliore in campo è Mangiameli grazie alla doppietta.

LE PAGELLE

MILAN
All. Bertuzzo 7 La sua squadra gioca bene, vince e convince a pieno.
Torriani 6 Le poche volte che si deve mettere in attività si fa trovare pronto.
Casali 6.5 Grande corsa e capacità di sovrapporsi, instancabile. (24’ st Cecotti 6)
Piantedosi 6.5 Grande personalità, che lo porta spesso all’interno del campo, e capacità di dialogo.(18’ st Bartesaghi 6)
Fontana 6.5 Stimolato il giusto dall’attacco veneziano riesce a non abbassare mai l’attenzione.
Malaspina 6 Prestazione ordinata e senza significative sbavature.
Perrucci 6.5 Metronomo rossonero, l’azione del primo gol parte da una sua apertura millimetrica.
Nahrudnyy 7.5 Pericolo costante nella metà campo avversaria, non trova la via del gol ma mette lo zampino in tutti. (24’ st Cifuentes 6.5)
Nicotra 6.5 Mette tutto quello che ha al servizio della squadra. (9’ st Baricchio 6)
Mangiameli 8 Inzagheggia tra le maglie della retroguardia veneta, come un vero predatore sembra quasi nascondersi per poi comparire nel momento propizio. (18’ st Longhi 6)
Zeroli 7.5 Giocatore completo e collante tra tutti i reparti, interno moderno(24’ st Sala 6)
Benedetti 7 Fondamentale il suo lavoro sul “lato debole”. (9’ st Tonon 6)

L'undici titolare di Bertuzzo.
L’undici titolare di Bertuzzo.

VENEZIA
All. Saccon 5 I suoi ragazzi non riescono mai a rendersi veramente pericolosi, poco compatti in attacco e in difesa.
Sperandio 7 Salva i suoi da un parziale maggiore, si da coraggio anche sul triplice svantaggio, capitano vero.
Bah 5 Soffre incredibilmente le sovrapposizioni dalla sua parte, finendo intrappolato tra i trangoli.
Camolese 5.5 Come per il suo pari ruolo i problemi abbondano, ma prova a fare qualcosa in ripartenza.
Berengo 5.5 Si trova fuori posizione sul primo gol e fatica a tenere ordine nel suo reparto.
Salviato 5 Viene spesso puntato dai giocatori rossoneri e fatica a tenere il passo in molte situazioni.
Keita 5.5 Prova a far uscire i suoi con le sue qualità, ma il pressing è asfissiante. (18’ st Mazzola 6)
Lucich 6.5 Il più pimpante del reparto offensive nero arancio, ma un contrasto lo costringe ad uscire. (1’ st Mariuzzo 5)
Giacomello 5 Sia per la pressione, sia per i pochi spazi, non riesce mai a giocare il pallone e sbaglia i tempi di pressing. (18’ st Rocchetto 6)
Piva 5 Fatica per aiutare la squadra in fase di non possesso, ma non riesce mai a farla salire. (28’ st Francescini sv)
Girardi 5 Gli avversari lo affrontano sempre in superiorità numerica, in ambo le fasi, lui fatica.(18’ st Schiavon 6)
Gesuato 5 Non riesce mai a distendersi, anche per i pochi palloni giocabili, e le poche volte che potrebbe provarci viene rimontato. (28’ st Malinay sv)

L'undici titolare di Saccon.
L’undici titolare di Saccon.

LE PAROLE DI BERTUZZO (MILAN)

LE PAROLE DI SACCON (VENEZIA)

SCARICA L’APP PER I RISULTATI LIVE


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli