22 Giugno 2021

Torino-Lecco Under 15: Muratore illude i granata, Locati e Ceola firmano la rimonta lombarda

Ottimo primo tempo del Toro, in crescita rispetto al test col Monza, ma nella ripresa esce alla distanza la voglia dei blucelesti

Le più lette

Città di Sangiuliano Eccellenza: esonerato Paolo Crucitti

Con una nota diffusa sulla propria pagina Facebook, a distanza di due giorni dal termine del campionato il Città...

Pro Eureka-Lascaris All Stars Under 15: Super-Edwin e Simonetti regalano la semifinale ai bianconeri

A Grugliasco si conclude 2-3 il quarto di finale del torneo All Stars tra Pro Eureka e Lascaris. I...

Il Città di Varese sbarca nel calcio femminile, trovato l’accordo con il Ceresium Bisustum del Presidente Marco Basilico

Grande novità in vista della prossima stagione per quanto riguarda il calcio femminile: il Città di Varese sbarca ufficialmente...
Carlo Federico Ferrero
Carlo Federico Ferrero
«Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per la strada, lì ricomincia la storia del calcio»

Un altro test match di 70′ e un’altra sconfitta per il Torino. Dopo essere caduti col Monza i ragazzi di Christian Fioratti cedono nuovamente il passo con un gol di scarto e questa volta è il Lecco di Roberto Mastrolonardo a portarsi a casa una vittoria di misura: 1-2 il risultato finale con il pallonetto di Locati al 9′ e la zuccata di Ceola al 13′ della ripresa che ribaltano l’iniziale vantaggio del Toro maturato allo scadere della prima frazione grazie a un gran destro da fuori di Muratore. I granata passano dalla difesa a tre del match precedente a una linea a 4 con Fabio Desole nuovamente centrale di difesa vicino a un altro mancino come Diego Chelotti per un reparto completato dai terzini Rizzo e Casazza rispettivamente a destra e sinistra. Confermati a centrocampo il capitano Simone Rossi davanti alla difesa e il numero dieci Simone Armocida con compiti da regista, assieme alla novità Marco Muratore. Una new entry anche in attacco: sulla destra titolare Spadoni dopo l’ottimo ingresso contro il Monza. Il Lecco propone invece un 4-2-3-1 con il rapidissimo Thomas Locati davanti e il fantasista Jason Anastasini (ben quattro assist nel test match con l’Albinoleffe) più defilato sulla fascia destra. Grandissima prova al centro della difesa da parte del capitano Matteo Marrosu e ottima gara anche dei due laterali bassi, Filippo Conconi e Alessandro Dugo.

Segnali di vita. Se nella partita col Monza il Torino aveva fatto vedere evidenti difficoltà dovute allo stop prolungato, questa volta la prima frazione regala spunti positivi. I primi trentacinque minuti sono infatti ben interpretati dai ragazzi di Fioratti che giocano con ordine dietro e occupano con continuità la metà campo bluceleste. Il primo squillo è per Luca Scarfiello che al 5′ spreca una buona occasione dal limite dell’area dopo il disimpegno errato di Ceola. La risposta del Lecco è immediata e al 6′ è Christian Mapelli a tentare la conclusione dai sedici metri svirgolando però malamente. Con entrambi i pacchetti arretrati che dimostrano tenacia e attenzione per metà della prima frazione, i primi patemi per i due estremi difensori arrivano a partire dal 23′. Prima è Endrizzi a intervenire con sicurezza su un debole mancino di Arthur Spadoni; poi un super Riccardo Anino al 25′ sventa in uscita bassa il tentativo di Thomas Locati lanciato in solitaria alle spalle della difesa granata dopo la grandissima giocata sulla linea laterale destra di Jason Anastasini che nasconde il pallone a Casazza. Il brivido corso sveglia i granata che trovano l’1-0 al 33′: una sciabolata improvvisa di Marco Muratore batte un incolpevole Marcello Endrizzi  dopo una respinta aerea della retroguardia lombarda. Un diagonale molto preciso che si insacca nell’angolo destro dopo un leggero tocco del portiere.

Un altro piglio. Nella ripresa il Toro paga sicuramente ancora un po’ di mancanza di forma e il Lecco può così venire fuori alla distanza. Nettamente un’altra convinzione quella che i blucelesti portano in campo dopo la pausa. Sono però i granata a complicarsi la vita da soli con un’indecisione di Anino al 6′ che favorisce Anastasini salvo poi farsi perdonare con una buona parata in controtempo sulla conclusione del dieci ospite. L’inizio difficoltoso dei padroni di casa è evidente e infatti all’11’ arriva il pareggio della punta Thomas Locati: grande lancio a tagliare in due la difesa avversaria da parte di Filippo Conconi dalla destra e il movimento verso il centro dell’area di Locati è perfetto per scappare alle marcature granata e anticipare l’uscita di Anino con un pallonetto delizioso. L’attaccante si fa così perdonare il gol mancato nel primo tempo. Passano poi solo quattro minuti e al 13′ ecco il raddoppio del Lecco che spezza le gambe al Torino: punizione battuta dall’angolo destro dell’area da parte di Alessio Pasina che con il mancino trova sul secondo palo la testa di Francesco Ceola, imperioso nello stacco per la zuccata che vale l’1-2. I padroni di casa provano ad affidarsi ancora all’autore del gol Muratore che continua le sue spinte sulla destra ma le opportunità migliori arrivano solamente dai corner sempre ben battuti dal capitano Simone Rossi per la testa di un Desole però impreciso in due occasioni. Un’unica vera palla-gol su azione arriva veramente allo scadere con Emanuele Magnino, bravo a trovare il tiro a giro dal limite che impegna il portiere subentrato Federico Danesi che devia sopra la traversa con la mano di richiamo. È l’ultimo sussulto di una gara equilibrata dalla quale il Torino esce nuovamente sconfitto ma sicuramente con più convinzione quantomeno per aver trovato una marcatura. Ottima prova del Lecco che con una grande ripresa si regala una bella soddisfazione e può tornare in Lombardia con il morale alto. Gara convincente anche da parte dell’arbitro Federico Guacchione, bravo a fischiare poco e ad ammonire quando necessario.

IL TABELLINO

TORINO-LECCO 1-2
RETI (1-0, 1-2): 33′ Muratore (T), 7′ st Locati (L), 13′ st Ceola (L).
TORINO: Anino 6.5 (23′ st Alloy 6), Rizzo 6 (23′ st Carbone 5.5), Casazza 6 (22′ st Vagnati 6), De Sole 6, Chelotti 6.5 (5′ st Ponghetti 6), Rossi 5.5, Spadoni 6 (12′ st Brizzi 6), Muratore 7 (23′ st Ragusa 5.5), Raballo 5 (22′ st Sacco 6.5), Armocida 5.5 (12′ st Magnino 6.5), Scarfiello 6.5. A disp. Gasti. All. Fioratti 6.5.
LECCO: Endrizzi 6.5 (23′ st Danesi 6), Conconi 7 (15′ st Anastasini B. 6), Dugo 6.5 (15′ st Gini 6.5), Ambrosio 6.5, Gianola 6.5, Marrosu 7.5, Mapelli 6.5 (1′ st Wade 6.5), Ceola 7 (22′ st Frigerio 6.5), Locati 7 (23′ st Savatteri 6.5), Anastasini J. 6.5 (7′ st Bonalume 6.5), Pasina 6.5. A disp. Villone. All. Mastrolonardo 7.5.
ARBITRO: Guacchione di Collegno 7.
COLLABORATORI: Bono di Torino e Ceppaglia di Torino.
AMMONITI: 27′ Marrosu (L), 12′ st Casazza (T), 24′ st De Sole (T), 35′ st Carbone (T).

LE PAGELLE

TORINO

Anino 6.5 Qualche incertezza coi piedi ma si fa perdonare i suoi stessi errori con un paio di interventi che evitano la capitolazione prematura dei granata.

23′ st Alloy 6 Una decina di minuti senza poter incidere.

Rizzo 6 Una buona gara sulla destra soprattutto in fase offensiva. In particolare una serpentina nel primo tempo è da applausi.

23′ st Carbone 5.5 Entrata in campo con poca convinzione. Giusto il giallo per un fallo tattico con un intervento un po’ scomposto.

Casazza 6 Anche lui meglio offensivamente che in fase di non possesso. Nel secondo tempo cala come tutti i granata.

22′ st Vagnati 6 Qualche minuto da guida difensiva.

De Sole 6 Gara di luci e ombre. L’autorità in uscita-palla si vede ma qualche intervento al limite è poco adatto al contesto “amichevole”.

Chelotti 6.5 Il migliore della retroguardia. Sempre sicuro anche nell’utilizzo del piede destro che non è il suo preferito. Ricorda Gianluca Mancini della Roma ed è un bel complimento.

5′ st Ponghetti 6 Un subentro da sufficienza sull’out di sinistra. Dalla sua parte si fa però più fatica a spingere.

Rossi 5.5 Meno bene rispetto al match col Mantova. Si vede poco in fase di possesso nonostante lo spazio tra i centrocampisti avversari sembri esserci.

Spadoni 6 Una cinquantina di minuti nei quali ci prova con continuità. Manca la forza per pungere.

12′ st Brizzi 6 Venti minuti con buona voglia tra centrocampo e attacco.

Muratore 7 Il migliore dei suoi. Il gol che illude i granata è di pregevolissima fattura. Anche nella ripresa si spinge soprattutto sulla destra grazie alla sua forza.

23′ st Ragusa 5.5 Poco in luce in un quarto d’ora di arrembaggio.

Raballo 5 Ancora una prestazione negativa. Praticamente mai trovato dai compagni, non riesce a farsi vedere e tocca pochissimi palloni là davanti.

22′ st Sacco 6.5 Si fa sentire in tutti i modi nonostante i pochi minuti a disposizione.

Armocida 5.5 È sempre uno dei più belli da vedere ma da uno con la sua eleganza ci si aspetterebbe qualche tentativo di incidere in più. Sembra fare un po’ il compitino.

12′ st Magnino 6.5 Partita in crescita rispetto alla gara col Monza. Una mezz’ora convincente per il futuro.

Scarfiello 6.5 Sempre il più in vista nel venire in contro a raccordare. Sbaglia un’occasione al 5′ ma a freddo è comprensibile.

All. Fioratti 6.5 Si vede una crescita nella prima frazione rispetto alla precedente uscita. La formazione messa in campo è più offensiva e sembra essere interpretata meglio dai ragazzi rispetto al 3-4-3 visto col Monza.

 

torino-lecco
Marco Muratore, autore del vantaggio granata

 

LECCO

Endrizzi 6.5 Quando chiamato in causa non si fa trovare impreparato.

23′ st Danesi 6 Buon intervento su Magnino allo scadere. Per il resto ordinaria amministrazione.

Conconi 7 Ottima partita da fluidificante di fascia destra. L’assist al bacio per il taglio di Locati è tanta roba da un terzino.

15′ st Anastasini B. 6 Venti minuti senza difficoltà.

Dugo 6.5 Anche il terzino sinistro si disimpegna alla grande. Molto presente anche dal punto di vista vocale, non va mai sotto pressione dietro e spinge con forza.

15′ st Gini 6.5 Entra in campo convinto sulla fascia dove si subisce di più e non concede spazi.

Ambrosio 6.5 Partita di sostanza in mezzo al campo. È uno di quelli che la giocano tutta e non è un caso.

Gianola 6.5 Ottima gara in tandem col capitano. Dalle sue parti non arrivano pericoli.

Marrosu 7.5 Partita monumentale del capitano che nonostante non sia di stazza significativa riesce sempre a intervenire con decisione e tempi perfetti. Ottimo anche nel guidare i contrattacchi in uscita.

Mapelli 6.5 Un buon tempo di sgasate sulla sinistra nonostante un paio di conclusioni svirgolate.

1′ st Wade 6.5 Altro buon ingresso a inizio ripresa utile per ribaltare anche fisicamente la gara.

Ceola 7 Il gol partita è suo. Buona gara in mezzo al campo fino alla zuccata che vale la vittoria.

22′ st Frigerio 6.5 Importante nel finale per allungare gli avversari e consentire di alleggerire la pressione.

Locati 7 Dopo un gol mangiato, una perla a inizio ripresa. Tanti scatti in profondità e un’agilità che gli consente di sgusciare via alla difesa granata.

23′ st Savatteri 6.5 Scampoli finali con voglia di aiutare i suoi in tutto e per tutto.

Anastasini J. 6.5 Una giocata da urlo nella prima frazione non premiata da Locati. Esce presto nella ripresa.

7′ st Bonalume 6.5 Anche lui non manca di dare il suo apporto ai blucelesti.

Pasina 6.5 La punizione-assist per il gol della vittoria è molto importante e segno di qualità. Per il resto si vede meno dei pari-ruolo.

All. Mastrolonardo 7.5 Dopo un inizio contratto i suoi rientrano dall’intervallo con il piglio giusto per ribaltare il Toro e non può che essere anche merito di quello che ha detto loro negli spogliatoi.

 

ARBITRO

Guacchione di Collegno 7 Partita diretta ottimamente. Mai una parola di troppo e sempre i fischi giusti, comprese le ammonizioni. I giocatori riconoscono la sua autorevolezza e mostrano rispetto.

 


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli